Plegridy 63 mcg penna: Scheda Tecnica del Farmaco

Plegridy 63 mcg penna

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Plegridy 63 mcg penna: ultimo aggiornamento pagina: 24/06/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Plegridy 63 mcg penna: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Pubblicità

Indice

Plegridy 63 microgrammi soluzione iniettabile in penna preriempita. Plegridy 94 microgrammi soluzione iniettabile in penna preriempita.

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ciascuna penna preriempita da 63 microgrammi contiene 63 microgrammi di peginterferone beta-1a* in 0,5 ml di soluzione iniettabile.

Ciascuna penna preriempita da 94 microgrammi contiene 94 microgrammi di peginterferone beta-1a* in 0,5 ml di soluzione iniettabile.

La dose indica la quantità della porzione di interferone beta-1a del peginterferone beta-1a senza considerare la porzione di PEG attaccata.

*Il principio attivo, il peginterferone beta-1a, è un coniugato covalente dell’interferone beta-1a, prodotto nelle cellule ovariche di criceto cinese, con metossi poli(etileneglicole) a 20.000 Dalton (20 kDa), utilizzando un linker di O-2-metilpropionaldeide.

La potenza di questo medicinale non deve essere confrontata con quella di un’altra proteina pegilata o non- pegilata della stessa classe terapeutica. Per ulteriori informazioni vedere paragrafo 5.1.

Eccipienti con effetti noti

Ciascuna penna contiene 0,13 mg di sodio.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione iniettabile (iniezione).

Soluzione limpida e incolore con pH di 4,5-5,1.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Plegridy è indicato nei pazienti adulti per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente (vedere paragrafo 5.1).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento deve essere iniziato sotto la supervisione di un medico esperto nel trattamento della sclerosi multipla.

L’efficacia di Plegridy è stata dimostrata rispetto al placebo. Non sono disponibili dati di confronto diretto di Plegridy verso interferone beta non-pegilato o dati sull’efficacia di Plegridy dopo il passaggio da un interferone beta non pegilato. Questo deve essere preso in considerazione in caso di cambiamento del trattamento dei pazienti tra interferone pegilato e non pegilato. Si prega di fare riferimento anche al paragrafo 5.1.

Posologia

La dose raccomandata di Plegridy è di 125 mcg iniettati per via sottocutanea ogni 2 settimane (14 giorni).

Inizio del trattamento

Si raccomanda in genere che i pazienti inizino il trattamento con 63 mcg alla 1a dose (giorno 0), aumentando a 94 mcg alla 2a dose (giorno 14), raggiungendo la dose piena di 125 mcg alla 3a dose (giorno 28) e continuando con la dose piena (125 mcg ) ogni 2 settimane (14 giorni) successivamente (vedere Tabella 1). È disponibile una confezione di Inizio trattamento contenente le prime 2 dosi (63 mcg e 94 mcg ).

Tabella 1: Schema di titolazione all’inizio del trattamento

DoseTempo*Quantità (mcg )Etichetta della penna
1a doseGiomo 063Arancione
2a doseGiomo 1494Blu
3a doseGiomo 28125 (dose piena)Grigia

*Somministrazione ogni 2 settimane (14 giorni)

La titolazione della dose all’inizio del trattamento potrebbe contribuire a migliorare i sintomi simil-influenzali che possono verificarsi all’inizio del trattamento con gli interferoni. L’uso profilattico e concomitante di trattamenti con medicinali anti-infiammatori, analgesici e/o antipiretici può prevenire o migliorare i sintomi simil-influenzali che insorgono a volte durante il trattamento con l’interferone (vedere paragrafo 4.8).

Se si salta una dose, questa deve essere somministrata al più presto possibile.

• Se mancano 7 o più giorni alla dose successiva prevista: i pazienti devono assumere la dose saltata immediatamente. Il trattamento può poi proseguire con la dose successiva programmata come previsto.

• Se mancano meno di 7 giorni alla dose successiva prevista: i pazienti devono iniziare un nuovo schema posologico di 2 settimane, a partire dal momento in cui somministrano la dose saltata. Un paziente non deve assumere due dosi di Plegridy entro 7 giorni l’una dall’altra.

Popolazioni speciali

Popolazione anziana

La sicurezza e l’efficacia di Plegridy nei pazienti di età superiore ai 65 anni non sono state sufficientemente studiate a causa del numero limitato di questi pazienti inclusi negli studi clinici.

Compromissione renale

Non sono necessari aggiustamenti del dosaggio nei pazienti con compromissione renale in base ai dati degli studi sulla compromissione renale di grado lieve, moderato e severo e sulla malattia renale allo stadio terminale (vedere paragrafi 4.4 e 5.2).

Compromissione epatica

Plegridy non è stato studiato nei pazienti con compromissione epatica (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di Plegridy nei bambini e negli adolescenti di età compresa tra 0 e 18 anni non sono state stabilite nella sclerosi multipla. Non ci sono dati disponibili.

Modo di somministrazione

Plegridy è per uso sottocutaneo.

Si raccomanda l’addestramento dei pazienti da parte di un operatore sanitario riguardo alla corretta tecnica di autosomministrazione delle iniezioni sottocutanee utilizzando la penna preriempita. I pazienti devono essere avvertiti di ruotare i siti delle iniezioni sottocutanee. I siti abituali per somministrare le iniezioni sottocutanee includono l’addome, il braccio e la coscia.

Ciascuna penna preriempita di Plegridy è dotata di ago pre-montato. Le penne preriempite sono esclusivamente monouso e devono essere gettate dopo l’uso.

Precauzioni da adottare prima di manipolare o somministrare il medicinale

Una volta tolto dal frigorifero, lasciare che Plegridy si riscaldi a temperatura ambiente (circa 30 minuti) prima di eseguire l’iniezione. Non devono essere usate fonti esterne di calore, come acqua calda, per scaldare Plegridy.

Plegridy in penna preriempita non deve essere utilizzato a meno che le strisce verdi siano visibili nella finestra di visualizzazione dello stato dell’iniezione della penna preriempita. Plegridy in penna preriempita non deve essere utilizzato se il liquido è colorato, torbido o contiene particelle in sospensione. Il liquido nella finestra di medicazione deve essere limpido e incolore.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità all’interferone beta naturale o ricombinante o al peginterferone o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Inizio del trattamento in gravidanza (vedere paragrafo 4.6).

Pazienti con depressione grave e/o ideazione suicidaria (vedere paragrafì 4.4 e 4.8).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Danno epatico

Livelli elevati di transaminasi epatiche nel siero, epatite, epatite autoimmune e casi rari di insufficienza epatica severa sono stati riferiti con medicinali a base di interferone beta. Aumenti degli enzimi epatici sono stati osservati con l’uso di Plegridy. I pazienti devono essere monitorati per i segni di danno epatico (vedere paragrafo 4.8).

Depressione

Plegridy deve essere somministrato con cautela nei pazienti con disturbi depressivi pregressi (vedere paragrafo 4.3). La depressione si verifica con maggiore frequenza nella popolazione affetta da sclerosi multipla e in associazione con l’uso di interferone. I pazienti devono essere avvertiti di riferire immediatamente qualsiasi sintomo di depressione e/o ideazione suicidaria al proprio medico curante.

I pazienti che presentano segni di depressione devono essere strettamente monitorati durante la terapia e trattati in modo appropriato. Deve essere presa in considerazione l’interruzione della terapia con Plegridy (vedere paragrafo 4.8).

Reazioni di ipersensibilità

Gravi reazioni di ipersensibilità sono state riferite come una complicanza rara del trattamento con l’interferone beta, compreso Plegridy. La terapia con il peginterferone beta-1a deve essere interrotta se si

verificano gravi reazioni di ipersensibilità (vedere paragrafo 4.8). Reazioni nel sito d’iniezione

Reazioni nel sito d’iniezione, compresa la necrosi nel sito d’iniezione, sono state riferite con l’uso sottocutaneo di interferone beta. Per ridurre al minimo il rischio di reazioni al sito d’iniezione i pazienti devono essere istruiti all’uso di una tecnica di iniezione asettica. La procedura per l’autosomministrazione da parte del paziente deve essere riverificata periodicamente, specialmente se si sono verificate reazioni nel sito d’iniezione. Se il paziente manifesta una rottura della pelle, che potrebbe essere accompagnata da gonfiore o fuoruscita di liquido dal sito d’iniezione, il paziente deve essere avvisato di consultare il proprio medico.

Negli studi clinici, un paziente trattato con Plegridy ha presentato una necrosi nel sito d’iniezione. La decisione di interrompere la terapia dopo un singolo episodio di necrosi dipende dall’entità della necrosi stessa (vedere paragrafo 4.8).

Riduzione delle conte ematiche periferiche

La riduzione delle conte ematiche periferiche in tutte le linee cellulari, comprendente pancitopenia rara e trombocitopenia severa, è stata riferita nei pazienti che hanno ricevuto interferone beta. Casi di citopenia, compresi rari casi di neutropenia severa e trombocitopenia, sono stati osservati nei pazienti trattati con Plegridy. I pazienti devono essere monitorati per i sintomi o i segni della riduzione delle conte ematiche periferiche (vedere paragrafo 4.8).

Disturbi renali e urinari

Sindrome nefrosica

Durante il trattamento con prodotti a base di interferone beta sono stati segnalati casi di sindrome nefrosica con diverse nefropatie sottostanti, tra cui la glomerulosclerosi focale e segmentaria collassante (

collapsing focal segmental glomerulosclerosis, FSGS), la malattia a lesioni minime (minimal change disease, MCD), la glomerulonefrite membrano-proliferativa (membranoproliferative glomerulonephritis, MPGN) e la glomerulopatia membranosa (membranous glomerulopathy, MGN). Gli eventi sono stati segnalati in tempi diversi nel corso del trattamento e possono manifestarsi dopo diversi anni di trattamento con interferone beta. Si raccomanda il monitoraggio periodico dei segni o sintomi precoci, quali ad esempio edema, proteinuria e compromissione della funzione renale, in particolare nei pazienti a maggior rischio di malattia renale. La sindrome nefrosica deve essere trattata tempestivamente e deve essere presa in considerazione l’interruzione della terapia con Plegridy.

Compromissione renale severa

È necessario usare cautela quando si somministra Plegridy a pazienti con compromissione renale severa. Microangiopatia trombotica (TMA)

Sono stati segnalati casi di TMA, che si manifesta come porpora trombotica trombocitopenica (TTP) o sindrome emolitico uremica (HUS), compresi casi fatali con prodotti a base di interferone beta. Gli eventi sono stati segnalati in tempi diversi nel corso del trattamento e possono manifestarsi da diverse settimane a diversi anni dopo l’inizio del trattamento con interferone beta. Le caratteristiche cliniche iniziali comprendono trombocitopenia, ipertensione di nuova insorgenza , febbre, sintomi a carico del sistema nervoso centrale (ad esempio confusione, paresi) e funzione renale compromessa. I risultati di laboratorio che suggeriscono la presenza di TMA comprendono la riduzione delle conte piastriniche, l’aumento della lattato-deidrogenasi (LDH) nel siero dovuta a emolisi e la presenza di schistociti (frammentazione degli eritrociti) su uno striscio ematico. Di conseguenza, se si osservano le caratteristiche cliniche della TMA, si raccomanda l’effettuazione di ulteriori esami dei livelli delle piastrine nel sangue, della LDH nel siero, degli strisci ematici e della funzione renale. Nel caso di diagnosi di TMA, è necessario un trattamento tempestivo (considerando lo scambio plasmatico) ed è raccomandata l’interruzione immediata di Plegridy.

Anomalie di laboratorio

Anomalie di laboratorio sono associate all’uso degli interferoni. Oltre a quegli esami di laboratorio normalmente richiesti per il monitoraggio dei pazienti con sclerosi multipla, si raccomanda di eseguire l’emocromo completo con conta differenziale delle cellule del sangue, le conte piastriniche e le analisi chimiche del sangue, comprendenti i test di funzionalità epatica (ad esempio aspartato aminotransferasi (AST), alanina aminotransaminasi (ALT)), prima dell’inizio della terapia e a intervalli regolari dopo l’introduzione della terapia con Plegridy e poi periodicamente successivamente in assenza di sintomi clinici.

Per i pazienti con mielosoppressione potrebbe essere necessario il monitoraggio più intensivo dell’esame emocromocitometrico completo, con le conte differenziali e piastriniche.

L’ipotiroidismo e l’ipertiroidismo sono stati osservati con l’uso di medicinali a base di interferone beta. Si raccomanda l’effettuazione di esami regolari della funzionalità tiroidea nei pazienti con anamnesi di disfunzione tiroidea o come clinicamente indicato.

Crisi epilettiche

Plegridy deve essere somministrato con cautela nei pazienti con anamnesi di crisi epilettiche, in quelli trattati con medicinali anti-epilettici, specialmente se la loro epilessia non è adeguatamente controllata con gli

anti-epilettici (vedere paragrafo 4.8). Patologie cardiache

Il peggioramento delle patologie cardiache è stato riferito nei pazienti trattati con interferone beta. L’incidenza degli eventi cardiovascolari è risultata simile tra i gruppi trattati con Plegridy (125 microgrammi ogni 2 settimane) e con placebo (7% in ciascun gruppo). Non sono stati segnalati eventi cardiovascolari gravi nei pazienti trattati con Plegridy nello studio ADVANCE. Ciò nonostante, i pazienti con significative patologie cardiache preesistenti, ad esempio insufficienza cardiaca congestizia, arteriopatia coronarica o aritmia, devono essere monitorati per il peggioramento delle loro condizioni cardiache, in particolare durante l’inizio del trattamento.

Immunogenicità

I pazienti possono sviluppare anticorpi verso Plegridy. I dati ottenuti da pazienti trattati fino a 2 anni con Plegridy suggeriscono che meno dell’1% (5/715) ha sviluppato anticorpi persistenti-neutralizzanti alla porzione di interferone beta-1a del peginterferone beta-1a. Gli anticorpi neutralizzanti potenzialmente possono ridurre l’efficacia clinica. Tuttavia, lo sviluppo di anticorpi contro la frazione di interferone del peginterferone beta-1a non ha avuto alcun impatto percepibile sulla sicurezza o sull’efficacia clinica, nonostante l’analisi fosse limitata dalla bassa incidenza di immunogenicità.

Il 3% dei pazienti (18/681) ha sviluppato anticorpi persistenti alla frazione di PEG del peginterferone beta- 1a. Nello studio clinico condotto, lo sviluppo di anticorpi contro la frazione di PEG del peginterferone beta- 1a non ha avuto alcun impatto percepibile sulla sicurezza o sull’efficacia clinica (compresi il tasso annualizzato di recidive, le lesioni RMN e la progressione della disabilità).

Compromissione epatica

È necessario esercitare cautela e considerare il monitoraggio stretto quando Plegridy viene somministrato a pazienti con compromissione epatica severa. I pazienti devono essere monitorati per i segni di danno epatico ed è necessario esercitare cautela quando gli interferoni sono utilizzati contemporaneamente ad altri medicinali associati a danno epatico (vedere paragrafì 4.8 e 5.2).

Contenuto di sodio

Ciascuna siringa contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio, ed è perciò praticamente “senza sodio”.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono stati effettuati studi d’interazione. Gli studi clinici indicano che i pazienti con sclerosi multipla possono ricevere Plegridy e corticosteroidi durante le recidive. È stato riportato che gli interferoni riducono l’attività degli enzimi epatici dipendenti dal citocromo P450 nell’uomo e negli animali. Deve esser usata cautela quando Plegridy viene somministrato in associazione con medicinali che hanno uno stretto indice terapeutico e la cui clearance è largamente dipendente dal sistema del citocromo P450 epatico, ad esempio alcune classi di antiepilettici e di antidepressivi.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Donne in età fertile

Le donne in età fertile devono adottare metodi contraccettivi adeguati. Le pazienti che iniziano una gravidanza o che programmano una gravidanza durante l’assunzione di Plegridy devono essere informate sui rischi potenziali e l’interruzione della terapia deve essere presa in considerazione (vedere paragrafo 5.3).

Nelle pazienti con un alto tasso di recidive prima dell’inizio della terapia è necessario valutare il rischio di una recidiva grave in seguito all’interruzione di Plegridy in caso di gravidanza rispetto ad un possibile aumento del rischio di aborto spontaneo.

Gravidanza

Esistono dati limitati sull’uso di Plegridy in gravidanza. I dati disponibili indicano un possibile aumentato rischio di aborto spontaneo. L’inizio del trattamento è controindicato durante la gravidanza (vedere paragrafo 4.3).

Allattamento

Non è noto se il peginterferone beta-1a sia secreto nel latte materno. A causa della possibilità di reazioni avverse gravi nei bambini allattati con latte materno, deve essere presa la decisione se interrompere l’allattamento o la terapia con Plegridy.

Fertilità

Non sono disponibili informazioni sugli effetti del peginterferone beta-1a sulla fertilità umana. Negli animali sono stati osservati effetti anovulatori a dosi molto alte (vedere paragrafo 5.3). Non sono disponibili informazioni sugli effetti del peginterferone beta-1a sulla fertilità maschile negli animali.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Le reazioni avverse a livello del sistema nervoso centrale associate all’uso di interferone beta potrebbero influenzare la capacità dei pazienti di guidare veicoli o di usare macchinari (vedere paragrafo 4.8).

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Riassunto del profilo di sicurezza

Le reazioni avverse al medicinale (ADR) più comuni (con un’incidenza superiore rispetto al placebo) per Plegridy 125 mcg somministrato per via sottocutanea ogni 2 settimane sono state eritema nel sito d’iniezione, malattia simil-influenzale, piressia, cefalea, mialgia, brividi, dolore nel sito d’iniezione, astenia, prurito nel sito d’iniezione e artralgia.

La reazione avversa con conseguente interruzione della terapia riferita più comunemente nei pazienti trattati con Plegridy 125 mcg somministrato per via sottocutanea ogni 2 settimane è stata la malattia simil-influenzale (<1%).

Tabella delle reazioni avverse

Negli studi clinici, 1.468 pazienti in totale hanno ricevuto Plegridy per un massimo di 278 settimane, con un’esposizione complessiva equivalente di 4.217 anni-persona. 1.285 pazienti hanno ricevuto almeno 1 anno, 1.124 pazienti hanno ricevuto almeno 2 anni, 947 pazienti hanno ricevuto almeno 3 anni e 658 pazienti hanno ricevuto almeno 4 anni di trattamento con Plegridy. L’esperienza nella fase non controllata randomizzata (2° anno) dello studio ADVANCE e nello studio di estensione ATTAIN (trattamento ricevuto per un periodo fino a 4 anni) è risultata coerente con l’esperienza nella fase controllata con placebo di 1 anno dello studio ADVANCE.

La Tabella riassume le reazioni avverse al medicinale (ADR) (incidenza superiore al placebo e con una possibilità ragionevole di causalità) di 512 pazienti trattati con Plegridy 125 mcg somministrato per via sottocutanea ogni 2 settimane e 500 pazienti che hanno ricevuto il placebo per un massimo di 48 settimane.

Le ADR sono presentate secondo la terminologia MedDRA raccomandata nella classificazione per sistemi ed organi (MedDRA). L’incidenza delle reazioni avverse riportate di seguito è espressa secondo la seguente convenzione:

– Molto comune (≥1/10)

– Comune (da ≥1/100 a <1/10)

– Non comune (da ≥1/1. 000 a <1/100)

– Raro (da ≥1/10. 000 a <1/1.000)

– Molto raro (<1/10,000)

– Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Classificazione per sistemi edorgani (MedDRA) Reazione avversa Categoria di frequenza
Patologie del sistema emolinfopoeiticoTrombocitopeniaNon comune
Microangiopatia trombotica, comprendente porpora trombotica trombocitopenica/sindrome emolitico uremica*Raro
Disturbi del sistema immunitarioReazione di ipersensibilitàNon comune
Patologie del sistema nervosoCefaleaMolto comune
Crisi convulsivaNon comune
Patologie respiratorie, toraciche e mediastinicheIpertensione arteriosa polmonare+Non nota
Patologie gastrointestinaliNauseaComune
Vomito
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoPruritoComune
OrticariaNon comune
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivoMialgiaMolto comune
Artralgia
Patologie renali e urinarieSindrome nefrosica, glomerulosclerosiRaro
Patologie sistemiche e condizioniEritema nel sito d’iniezioneMolto comune
Malattia simil-influenzale
Piressia
Brividi
Dolore nel sito d’iniezione
Astenia
Prurito nel sito d’iniezione
IpertermiaComune
Dolore
Edema nel sito d’iniezione
Calore nel sito d’iniezione
Ematoma nel sito d’iniezione
Eruzione cutanea nel sito d’iniezione
Tumefazione nel sito d’iniezione
Cambiamento di colore in sede di iniezione
Infiammazione nel sito d’iniezione
Necrosi nel sito d’iniezioneRaro
Esami diagnosticiAumento della temperatura corporeaComune
Aumento dell’alanina aminotransferasi
Aumento dell’aspartato aminotransferasi
Aumento della gamma-glutamil- transferasi
Riduzione dell’emoglobina
Riduzione della conta piastrinicaNon comune
Riduzioni delle conte leucocitarieComune
Disturbi psichiatriciDepressioneComune

* Effetto di classe per i prodotti a base di interferone-beta (vedere paragrafo 4.4)

Effetto di classe per i medicinali contenenti interferone, vedere di seguito Ipertensione arteriosa polmonare.

Descrizioni di reazioni avverse selezionate

Sintomi simil-influenzali

La malattia simil-influenzale ha colpito il 47% dei pazienti che hanno ricevuto Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane e il 13% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo. L’incidenza dei sintomi simil-influenzali (ad esempio malattia simil-influenzale, brividi, iperpiressia, dolore muscoloscheletrico, mialgia, dolore, piressia) è risultata più alta all’inizio del trattamento ed è in genere diminuita nel corso dei primi 6 mesi. Dei pazienti che hanno riferito sintomi simil-influenzali, il 90% li ha riferiti di gravità lieve o moderata. Nessun sintomo è stato considerato di natura grave. Meno dell’1% dei pazienti che hanno ricevuto Plegridy durante la fase controllata con placebo dello studio ADVANCE ha interrotto il trattamento a causa dei sintomi simil-influenzali. Uno studio in aperto in pazienti passati dalla terapia con interferone beta a Plegridy ha valutato l’insorgenza e la durata dei sintomi simil-influenzali trattati in via profilattica. Nei pazienti che hanno manifestato sintomi simil-influenzali, il tempo mediano all’insorgenza è stato di 10 ore (intervallo interquartile, da 7 a 16 ore) dopo l’iniezione, mentre la durata mediana è stata di 17 ore (intervallo interquartile, da 12 a 22 ore).

Reazioni nel sito d’iniezione

Le reazioni nel sito d’iniezione (ad esempio eritema, dolore, prurito o edema nel sito d’iniezione) sono state segnalate dal 66% dei pazienti che hanno ricevuto Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane rispetto all’11% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo. L’eritema nel sito d’iniezione è risultato la reazione più comunemente segnalata nel sito d’iniezione. Dei pazienti che hanno presentato reazioni nel sito d’iniezione, il 95% le ha riferite di gravità lieve o moderata. Uno dei 1.468 pazienti che hanno ricevuto Plegridy negli studi clinici ha presentato una necrosi nel sito d’iniezione che si è risolta con il trattamento medico standard.

Anormalità delle transaminasi epatiche

L’incidenza degli aumenti delle transaminasi epatiche è risultata superiore nei pazienti trattati con Plegridy rispetto al placebo. La maggior parte degli aumenti degli enzimi è stata <3 volte il limite superiore al normale (ULN). Aumenti dell’alanina aminotransferasi e dell’aspartato aminotransferasi (>5 volte ULN) sono stati segnalati rispettivamente nell’1% e <1% dei pazienti trattati con il placebo e nel 2% e <1% dei pazienti trattati con Plegridy. Aumenti delle transaminasi epatiche nel siero combinati con elevazione della bilirubina sono stati osservati in due pazienti che presentavano anormalità preesistenti degli esami epatici prima di ricevere Plegridy negli studi clinici. Entrambi i casi si sono risolti dopo l’interruzione di Plegridy.

Disturbi ematologici

Riduzioni delle conte leucocitarie di <3,0 x 109/L sono state osservate nel 7% dei pazienti trattati con Plegridy e nell’1% di quelli trattati con il placebo. Le conte leucocitarie medie sono rimaste entro i limiti normali nei pazienti trattati con Plegridy. Le riduzioni delle conte leucocitarie non sono risultate associate ad un aumento del rischio di infezioni o di infezioni gravi. L’incidenza delle riduzioni potenzialmente clinicamente significative delle conte linfocitarie (<0,5 x 109/L) (<1%), delle conte neutrofile (≤1,0 x 109/L) (<1%) e delle conte piastriniche (≤100 x 109/L) (≤1%) è risultata simile nei pazienti trattati con Plegridy rispetto a quelli trattati con il placebo. Due casi gravi sono stati segnalati nei pazienti trattati con Plegridy: un paziente (<1%) ha presentato una trombocitopenia severa (conta piastrinica <10 x 109/L), un altro paziente (<1%) ha presentato una neutropenia severa (conta neutrofila <0,5 x 109/L). In entrambi i pazienti, le conte cellulari si sono riprese dopo l’interruzione di Plegridy. Leggere riduzioni delle conte eritrocitarie (RBC) medie sono state osservate nei pazienti trattati con Plegridy. L’incidenza delle riduzioni potenzialmente clinicamente significative nelle conte RBC (<3,3 x 1012/L) è risultata simile nei pazienti trattati con Plegridy rispetto ai pazienti trattati con il placebo.

Reazioni di ipersensibilità

Eventi di ipersensibilità sono stati segnalati nel 16% dei pazienti trattati con Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane e nel 14% dei pazienti trattati con il placebo. Meno dell’1% dei pazienti trattati con Plegridy ha avuto un evento di ipersensibilità severa (ad esempio angioedema, orticaria) e i pazienti si sono ripresi prontamente dopo il trattamento con antistaminici e/o corticosteroidi.

Depressione e ideazione suicidaria

L’incidenza complessiva degli eventi avversi correlati alla depressione e all’ideazione suicidaria è risultata pari all’8% sia per i gruppi trattati con Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane che per quelli trattati con il placebo. L’incidenza degli eventi seri correlati alla depressione e all’ideazione suicidaria è risultata simile e bassa (<1%) sia nei pazienti trattati con Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane che in quelli trattati con il placebo.

Crisi epilettiche

L’incidenza degli eventi di crisi epilettiche è risultata bassa e paragonabile nei pazienti che hanno ricevuto Plegridy (125 mcg ogni 2 settimane) e placebo (<1% in ciascun gruppo).

Ipertensione arteriosa polmonare

Casi di ipertensione arteriosa polmonare (IAP) sono stati segnalati con i medicinali contenenti interferone beta. Gli eventi sono stati segnalati in tempi diversi, anche diversi anni dopo l’inizio del trattamento con interferone beta.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite l’Agenzia Italiana del Farmaco. Sito web: Responsabili Farmacovigilanza.

04.9 Sovradosaggio

Indice

In caso di sovradosaggio, i pazienti possono essere ospedalizzati per osservazione e deve essere dato un adeguato trattamento di supporto.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: agenti antineoplastici ed immunomodulanti; immunostimolanti; interferoni.

Codice ATC: L03AB13.

Plegridy è un interferone beta-1a coniugato con una singola molecola lineare di metossi poli(etileneglicole)-O-2-metilpropionaldeide di 20.000 Dalton (mPEG-O-2-metilpropionaldeide di 20 kDa) a un grado di sostituzione di 1 mole di polimero/mole di proteina. La massa molecolare media è di circa 44 kDa, di cui la frazione proteica costituisce circa 23 kDa.

Meccanismo d’azione

Non è noto un meccanismo d’azione definitivo del peginterferone beta-1a nella sclerosi multipla (SM). Plegridy si lega al recettore dell’interferone di tipo I sulla superficie delle cellule e provoca una cascata di eventi intracellulari con conseguente regolazione dell’espressione dei geni responsivi all’interferone. Gli effetti biologici che protrebbero essere mediati da Plegridy comprendono la up-regolazione delle citochine anti-infiammatorie (ad esempio IL-4, IL-10, IL-27), la down-regolazione delle citochine pro-infiammatorie (ad esempio IL-2, IL-12, IFN-γ, TNF-α) e l’inibizione della migrazione dei linfociti T attivati attraverso la barriera ematoencefalica; potrebbero essere tuttavia coinvolti meccanismi addizionali. Non è noto se il meccanismo d’azione di Plegridy nella sclerosi multipla sia mediato dallo stesso percorso(i) degli effetti biologici descritti sopra, perché la fisiopatologia della SM è compresa solo parzialmente.

Effetti farmacodinamici

Plegridy è interferone beta-1a coniugato a una singola molecola lineare di metossi poli(etileneglicole) di 20 kDa al gruppo alfa-amminico del residuo aminoacidico N-terminale.

Gli interferoni sono una famiglia di proteine naturali che sono indotte dalle cellule in risposta a stimoli biologici e chimici e che mediano numerose risposte cellulari che sono state classificate come antivirali, antiproliferative e immunomodulanti in natura. Le proprietà farmacologiche di Plegridy sono coerenti con quelle dell’interferone beta-1a e sono ritenute mediate dalla porzione proteica della molecola.

Le risposte farmacodinamiche sono state valutate misurando l’induzione dei geni responsivi all’interferone, compresi quelli che codificano la 2′,5′-oligoadenilato sintetasi (2′,5′-OAS), la proteina resistente al myxovirus A (MxA), e numerose chemiochine e citochine, oltre alla neopterina (D-eritro-1, 2, 3,-triidrossipropilpterina), un prodotto dell’enzima che può essere indotto dall’interferone, la GTP-cicloidrolasi I. L’induzione genica in soggetti umani sani è risultata maggiore in termini di livello massimo e di esposizione (area sotto la curva dell’effetto) per Plegridy rispetto all’interferone beta-1a non pegilato (IM), quando entrambi sono stati somministrati alla stessa dose secondo attività (6 MIU). La durata di questa risposta è stata sostenuta e prolungata per Plegridy, con aumenti rilevati per un massimo di 15 giorni rispetto a 4 giorni per l’interferone beta-1a non pegilato. Aumenti delle concentrazioni di neopterina sono stati osservati sia in soggetti sani che in pazienti con sclerosi multipla trattati con Plegridy, con un’elevazione sostenuta e prolungata per più di 10 giorni rispetto a 5 giorni osservata per l’interferone beta-1a non pegilato. Le concentrazioni di neopterina ritornano al livello basale dopo l’intervallo di somministrazione di due settimane.

Efficacia e sicurezza clinica

L’efficacia e la sicurezza di Plegridy sono state valutate in base ai dati del primo anno controllato con placebo di uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, della durata di 2 anni, condotto in pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente (lo studio ADVANCE). 1.512 pazienti sono stati randomizzati e trattati con Plegridy 125 mcg iniettato per via sottocutanea ogni 2 (n=512) o 4 (n=500) settimane verso il placebo (n=500).

L’endpoint primario era il tasso di recidiva annualizzato (ARR) in 1 anno. Il disegno dello studio e i dati demografici dei pazienti sono presentati nella Tabella 2.

Non sono disponibili dati provenienti da studi di efficacia/sicurezza clinica con un confronto diretto dell’interferone beta-1a pegilato e non pegilato, o da pazienti il cui trattamento è stato cambiato da interferone non-pegilato a pegilato.

Tabella 2: Disegno dello studio

Disegno dello studio
Storia della patologiaPazienti con SMRR, con almeno 2 recidive nei 3 anni precedenti, e 1 recidiva nell’anno precedente, con un punteggio EDSS di ≤5,0
Follow-up1 anno
Popolazione in studio83% dei pazienti naïve al trattamento
47% ≥2 recidive nell’anno precedente
38% almeno 1 lesione Gd+ al basale
92% ≥9 lesioni in T2 al basale
16% EDSS ≥4
17% precedentemente trattati
Caratteristiche basali
Età media (anni)37
Durata media/mediana della patologia (anni)3,6/2,0
Numero medio di recidive negli ultimi 3 anni2,5
Punteggio EDSS medio al basale2,5

EDSS: Expanded Disability Status Scale

Gd+: Captante Gadolinio

Plegridy ogni 2 settimane ha ridotto in modo significativo il tasso di recidiva annualizzato (ARR) del 36% rispetto al placebo (p=0,0007) a un anno (Tabella 3), con riduzioni consistenti dell’ARR osservato nei sottogruppi definiti dalle caratteristiche demografiche e basali della patologia. Plegridy ha inoltre ridotto in modo significativo il rischio di recidiva del 39% (p=0,0003), il rischio di progressione sostenuta della disabilità confermato a 12 settimane del 38% (p=0,0383) e a 24 settimane (analisi post-hoc) del 54% (p=0,0069), il numero di lesioni in T2 nuove o recentemente ingranditesi del 67% (p<0,0001), il numero di lesioni captanti Gadolinio dell’86% (p<0,0001) e il numero di nuove lesioni ipointense in T1 rispetto al placebo del 53% (p<0,0001). Un effetto del trattamento è stato osservato già a 6 mesi, con Plegridy 125 mcg ogni 2 settimane che ha dimostrato una riduzione del 61% (p<0,0001) nelle lesioni in T2 nuove o recentemente ingranditesi rispetto al placebo. Relativamente agli endpoint di recidiva e di RMN, Plegridy 125 mcg ogni due settimane ha dimostrato un effetto del trattamento numericamente maggiore rispetto al regime di somministrazione di Plegridy ogni quattro settimane a 1 anno.

I risultati a 2 anni hanno confermato che l’efficacia è stata mantenuta oltre il primo anno di studio controllato con placebo. I pazienti esposti a Plegridy ogni 2 settimane hanno dimostrato riduzioni statisticamente significative rispetto ai pazienti esposti a Plegridy ogni 4 settimane per 2 anni in un’analisi post-hoc per gli endpoint comprendenti l’ARR (24%, p=0,0209), il rischio di recidiva (24%, p=0,0212), il rischio di progressione della disabilità con conferma a 24 settimane (36%, p=0,0459), e gli endpoint di risonanza magnetica (RMN) (lesioni nuove/ingrandite in T2 60%, Gd+ 71% e nuove ipointense in T1 53%; p<0,0001 per tutte). Nello studio di estensione ATTAIN, l’efficacia a lungo termine di Plegridy è stata mantenuta con il trattamento continuo per un periodo fino a 4 anni, come mostrato dai risultati clinici e di RMN dell’attività di malattia della SM. Su un totale di 1.468 pazienti, 658 hanno continuato almeno 4 anni di trattamento con Plegridy.

I risultati per questo studio sono illustrati nella Tabella 3.

Tabella 3: Risultati clinici e di RMN

PlaceboPlegridy 125 mcg ogni 2 settimanePlegridy 125 mcg ogni 4 settimane
Endpoint clinici
N500512500
Tasso di recidiva annualizzato0,3970,2560,288
Rate ratio0,640,72
IC al 95%0,50 – 0,830,56 – 0,93
Valore Pp=0,0007p=0,0114
Proporzione di soggetti recidivati0,2910,1870,222
HR0,610,74
IC al 95%0,47 – 0,800,57 – 0,95
Valore Pp=0,0003p=0,020
Proporzione con progressione della disabilità confermata dopo 12 settimane*0,1050,0680,068
HR0,620,62
IC al 95%0,40 – 0,970,40 – 0,97
Valore Pp=0,0383p=0,0380
Proporzione con progressione della disabilità confermata dopo 24 settimane*0,0840,0400,058
HR0,460,67
IC al 95%(0,26 – 0,81)(0,41 – 1,10)
Valore Pp=0,0069p=0,1116
Endpoint di risonanza magnetica (RM)
N476457462
Numero medio [mediano] di lesioni iperintense in T2 nuove o recentemente ingranditesi (range)13,3 [6.0]4,1 [1,0]9.2 [3,0]
(0 – 148)(0 – 69)(0 – 113)
Mean Ratio delle lesioni (IC al 95%)0,33 (0,27, 0,40)0,72 (0,60, 0,87)
Valore Pp≤0,0001p=0,0008
Numero medio [mediano] di lesioni captanti Gadolinio (range)1,4^ [0,0]0,2 [0,0]0,9 [0,0]
(0 – 39)(0 – 13)(0 – 41)
% riduzione vs. placebo8636
Valore Pp<0,0001p=0,0738
Numero medio [mediano] di nuove lesioni ipointense in T1 (range)3,8 [1,0]1,8 [0,0]3,1 [1,0]
(0 – 56)(0 – 39)(0 – 61)
% riduzione vs. placebo5318
Valore Pp<0,00010,0815

HR: Hazard ratio

IC: Intervallo di confidenza

* La progressione sostenuta della disabilità era definita come l’aumento di almeno 1 punto dal punteggio EDSS basale ≥ 1 o l’aumento di 1,5 punti per i pazienti con EDSS basale di 0, sostenuto per 12 / 24 settimane.

^n=477

I pazienti che hanno fallito il trattamento precedente per la sclerosi multipla non sono stati inclusi nello studio.

I sottogruppi di pazienti con maggiore attività di malattia sono stati definiti secondo i criteri di recidiva e di risonanza magnetica (RM) come riportato di seguito, con i seguenti risultati di efficacia:

– Per i pazienti con ≥1 recidiva nell’anno precedente e ≥9 lesioni in T2 o ≥1 lesione Gd+ (n=1401), il tasso annuale di recidiva a 1 anno è risultato pari a 0,39 per il placebo, 0,29 per Plegridy ogni 4 settimane e 0,25 per Plegridy ogni 2 settimane.

I risultati in questo sottogruppo sono risultati coerenti con quelli della popolazione complessiva.

– Per i pazienti con ≥2 recidive nell’anno precedente e almeno 1 lesione Gd+(n=273), il tasso annuale di recidiva a 1 anno è risultato pari a 0,47 per il placebo, 0,35 per Plegridy ogni 4 settimane e 0,33 per Plegridy ogni 2 settimane.

I risultati in questo sottogruppo sono risultati numericamente coerenti con quelli della popolazione complessiva ma non statisticamente significativi.

Popolazione pediatrica

L’Agenzia europea dei medicinali ha rinviato l’obbligo di presentare i risultati degli studi con Plegridy in uno o più sottogruppi della popolazione pediatrica nel trattamento della sclerosi multipla (vedere paragrafo 4.2 per le informazioni sull’uso pediatrico).

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

L’emivita sierica del peginterferone beta-1a è prolungata rispetto all’interferone beta-1a non pegilato. La concentrazione del peginterferone beta-1a nel siero è risultata proporzionale alla dose nel range da 63 a 188 microgrammi, come osservato in uno studio a dose singola e a dosi multiple in soggetti sani. La farmacocinetica osservata nei pazienti con sclerosi multipla è risultata coerente con quella osservata nei soggetti sani.

Assorbimento

In seguito alla somministrazione sottocutanea del peginterferone beta-1a nei pazienti con sclerosi multipla, la concentrazione massima è stata raggiunta tra 1 e 1,5 giorni dopo la dose. La Cmax (media ± SE) osservata è stata pari a 280 ± 79 pg/ml dopo la somministrazione ripetuta di 125 microgrammi ogni due settimane.

Il peginterferone beta-1a somministrato per via sottocutanea ha prodotto un’esposizione di valori di circa 4-, 9-, e 13-volte superiori (AUC168h) e una Cmax di circa 2-, 3,5- e 5-volte superiore, dopo singole dosi di

63 (6MIU), 125 (12MIU) e 188 (18 MIU) microgrammi rispettivamente, rispetto alla somministrazione intramuscolare di 30 (6MIU) microgrammi di interferone beta-1a non-pegilato.

Distribuzione

In seguito alla somministrazione di dosi ripetute di 125 microgrammi ogni due settimane per via sottocutanea, il volume di distribuzione non corretto per biodisponibilità (media±SE) è stato pari a 481 ± 105 L.

Biotrasformazione e eliminazione

Si ipotizza che l’eliminazione urinaria (renale) sia una via importante di escrezione per Plegridy. Il processo di coniugazione in modo covalente di una frazione PEG a una proteina può alterare le proprietà in vivo della proteina non modificata, incluse l’eliminazione renale ridotta e la proteolisi ridotta, con conseguente estensione dell’emivita circolante. Di conseguenza, l’emivita (t1/2) del peginterferone beta-1a è circa 2 volte più lunga di quella dell’interferone beta-1a non pegilato nei volontari sani. Nei pazienti con sclerosi multipla, la t1/2 (media±SE) del peginterferone beta-1a è risultata pari a 78 ± 15 ore in stato stazionario. L’eliminazione media in stato stazionario del peginterferone beta-1a è risultata pari a 4,1 ± 0,4 L/ora.

Popolazioni speciali

Compromissione renale

Uno studio a dose singola condotto in soggetti sani e soggetti con vari gradi di compromissione renale (compromissione renale di grado lieve, moderato e severo, nonché soggetti con malattia renale allo stadio terminale) ha dimostrato un aumento frazionale dell’AUC (13-62%) e della Cmax (42-71%) nei soggetti con compromissione renale di grado lieve (velocità di filtrazione glomerulare stimata da 50 a

≤80 ml/min/1,73m2), moderato (velocità di filtrazione glomerulare stimata da 30 a 50 ml/min/1,73m2) e severo (velocità di filtrazione glomerulare stimata <30 ml/min/1,73m2), rispetto a soggetti con funzione renale normale (velocità di filtrazione glomerulare stimata >80 ml/min/1,73m2). I soggetti con malattia renale allo stadio terminale che necessitavano di emodialisi 2-3 volte alla settimana hanno mostrato AUC e

Cmax simili rispetto ai soggetti con funzione renale normale. Ciascuna emodialisi ha ridotto la concentrazione di peginterferone beta-1a del 24% circa, ciò suggerisce che l’emodialisi ha rimosso parzialmente il peginterferone beta-1a dal circolo sistemico.

Funzione epatica

La farmacocinetica del peginterferone beta-1a non è stata valutata nei pazienti con insufficienza epatica.

Pazienti anziani

L’esperienza clinica nei pazienti di età superiore ai 65 anni è limitata. Tuttavia, i risultati ottenuti da un’analisi farmacocinetica della popolazione (in pazienti fino ai 65 anni di età) suggeriscono che l’età non ha un impatto sull’eliminazione del peginterferone beta-1a.

Sesso

Non è stato rilevato un effetto del sesso sulla farmacocinetica del peginterferone beta-1a in un’analisi della farmacocinetica sulla popolazione.

Razza

La razza non ha avuto alcun effetto sulla farmacocinetica del peginterferone beta-1a in un’analisi farmacocinetica sulla popolazione.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità

In seguito alla somministrazione sottocutanea ripetuta del peginterferone beta-1a nelle scimmie Rhesus a dosi fino a 400 volte (in base all’esposizione, AUC (area sotto la curva)) la dose terapeutica raccomandata, non sono stati osservati effetti ad eccezione delle risposte farmacologiche lievi conosciute da parte delle scimmie Rhesus all’interferone beta-1a dopo la prima e la seconda dose settimanale. Gli studi di tossicologia con dose ripetuta erano limitati a 5 settimane, perché l’esposizione è stata considerevolmente ridotta a partire dalla 3a settimana, a causa della formazione degli anticorpi contro l’interferone beta-1a umano da parte delle scimmie Rhesus. Non è perciò possibile valutare la sicurezza a lungo termine della somministrazione cronica di Plegridy nei pazienti in base a questi studi.

Mutagenesi

Il peginterferone beta-1a non ha mostrato attività mutagena in un test di mutazione inversa batterica in vitro

(test di Ames) né alcuna attività clastogena in un test in vitro nei linfociti umani.

Carcinogenesi

Il peginterferone beta-1a non è stato testato per la carcinogenicità negli animali. In base alla farmacologia nota dell’interferone beta-1a e dell’esperienza clinica con l’interferone beta, si prevede che il potenziale carcinogeno sia basso.

Tossicità riproduttiva

Il peginterferone beta-1a non è stato testato per la tossicità riproduttiva negli animali gravidi. Gli studi della fertilità e dello sviluppo nelle scimmie Rhesus sono stati condotti con l’interferone beta-1a non pegilato. A dosi molto alte sono stati osservati effetti anovulatori e abortivi negli animali. Non sono disponibili informazioni sugli effetti potenziali del peginterferone beta-1a sulla fertilità maschile. In seguito a somministrazione ripetuta con peginterferone beta-1a nelle femmine di scimmia sessualmente mature, sono stati osservati effetti sulla lunghezza del ciclo mestruale e sui livelli di progesterone. È stata dimostrata la reversibilità degli effetti sulla lunghezza del ciclo mestruale. Non si conosce la validità dell’estrapolazione di questi dati non clinici per l’uomo.

I dati forniti dagli studi con altri composti di interferone beta non hanno dimostrato un potenziale teratogeno. Le informazioni disponibili sugli effetti dell’interferone beta-1a nel periodo peri- e postnatale sono limitate.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Sodio acetato triidrato Acido acetico glaciale L-arginina cloridrato Polisorbato 20

Acqua per preparazioni iniettabili

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

Plegridy può essere conservato a temperatura ambiente (fino a 25°C) per un massimo di 30 giorni, purché sia conservato lontano dalla luce. Se Plegridy si trova a temperatura ambiente per un totale di 30 giorni, deve essere utilizzato o gettato via. In caso di dubbio se Plegridy sia stato conservato a temperatura ambiente per 30 giorni o più a lungo, deve essere gettato via.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare in frigorifero (2C – 8C). Non congelare.

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.

Vedere paragrafo 6.3 per altre informazioni sulla conservazione a temperatura ambiente (fino a 25°C).

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Una siringa preriempita di Plegridy è contenuta in un iniettore a penna monouso, usa e getta, azionato a molla, chiamato Plegridy Pen. La siringa all’interno della penna è una siringa preriempita da 1 ml di vetro

(Tipo I), dotata di tappo di gomma bromobutilica e copriago rigido in materiale termoplastico e polipropilene, contenente 0,5 ml di soluzione.

La confezione di inizio trattamento di Plegridy Pen contiene 1 penna preriempita da 63 microgrammi (penna con etichetta arancione, 1a dose) e 1 penna preriempita da 94 microgrammi (penna con etichetta blu, 2a dose) in un vassoio protettivo di plastica.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

BIOGEN IDEC LIMITED

Innovation House 70 Norden Road Maidenhead Berkshire

SL6 4AY

Regno Unito

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

EU/1/14/934/002

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: 18 luglio 2014

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 30/09/2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Plegridy – Sc Pen 63 mcg+Pen94 mcg (Interferone Beta 1a Pegilato)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: 65 Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: BT, Continuita terapeutica Ospedale-Territorio (Det. AIFA 29/10/2004 All. 2)Prescrivibile su Diagnosi e Piano Terapeutico, Farmaco soggetto a monitoraggio addizionale. Segnalare eventi avversi (Art 23 Regolamento (CE) 726/2004) ATC: L03AB13 AIC: 043527023 Prezzo: 834,78 Ditta: Biogen Italia Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice