Eserina Salf: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Eserina Salf

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Eserina Salf: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Eserina Salf: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

ESERINA SALF 1 MG/ML SOLUZIONE INIETTABILE

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni fiala contiene:

Principio attivo: Eserina salicilato 1 mg

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione iniettabile.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento della sindrome anticolinergica centrale da atropina e atropino-simili.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Eserina può essere somministrata per via endovenosa o intramuscolare. La dose iniziale di 0,5-1,2 mg può essere seguita da una seconda dose qualora non si osservi alcuna risposta entro 30 minuti. La velocità di somministrazione endovenosa non dovrebbe essere superiore a 1 mg/min.

La soluzione deve essere limpida, incolore e priva di particelle visibili. Non usare la soluzione se leggermente opalescente.

Usare per una sola ed ininterrotta somministrazione e l’eventuale residuo non può essere utilizzato.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad altre sostanze strettamente correlate da un punto di vista chimico e/o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Infiammazione attiva dell’iris o del corpo ciliare.

Distacco di retina.

Stato vagotonico.

Asma.

Gangrena.

Diabete.

Gravi cardiopatie.

Ostruzione meccanica dell’intestino o del tratto urogenitale.

Morbo di Parkinson.

Durante l’anestesia con un bloccante neuromuscolare depolarizzante (es. succinilcolina).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

L’atropina solfato (come soluzione iniettabile) deve essere disponibile come antidoto in caso di effetti tossici da eserina.

Il medicinale contiene sodio metabisolfito che raramente può causare gravi reazioni di ipersensibilità e broncospasmo.

Il medicinale contiene acido benzoico che può aumentare il rischio di itterizia nei neonati.

Il medicinale contiene una piccola quantità di alcol etilico (etanolo), inferiore a 100 mg/dose. Per chi svolge attività sportiva, l’uso di medicinali contenenti alcol etilico può determinare positività ai test antidoping in rapporto ai limiti di concentrazione alcolemica indicata da alcune federazioni sportive.

Nel caso in cui la sindrome anticolinergica centrale sia dovuta a un’overdose da antidepressivi triciclici, occorre valutare attentamente se l’eserina rappresenti l’unica opzione terapeutica in quanto sono riportati alcuni casi di arresto cardiaco per evoluzione clinica di una iniziale bradicardia.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’eserina prolunga gli effetti dei bloccanti neuromuscolari depolarizzanti (es. succinilcolina) da 5 a 45 minuti; può potenziare l’azione di farmaci colinergici ed antagonizzare l’azione di farmaci anticolinergici.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Poiché non sono noti gli effetti sullo sviluppo del feto della eserina, il medicinale non deve essere usato durante la gravidanza, se non in caso di assoluta necessità.

Non sono disponibili dati relativi all’uso di eserina durante l’allattamento e non si conoscono gli effetti dell’esposizione al farmaco sui bambini in allattamento. Pertanto, il medicinale non deve essere usato durante l’allattamento, se non in caso di assoluta necessità.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

A causa della possibile insorgenza di offuscamento della vista, il medicinale può compromettere la capacità di guidare veicoli o usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati:

Patologie cardiache: bradicardia, aumento della pressione arteriosa (soprattutto in pazienti affetti da morbo di Parkinson) e della frequenza cardiaca, asistolia, contrazioni ventricolari premature, bigeminismo, fibrillazione atriale e tachicardia ventricolare.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: diaforesi (sudorazione eccessiva).

Patologie endocrine: incremento dei livelli dell’ormone della crescita, intensificazione della risposta all’ormone rilasciante l’ormone della crescita (Growth Hormone-Releasing Hormone – GHRH), aumento dei livelli sierici della prolattina, beta-endorfina, ormone adenocorticotropo (ACTH), cortisolo e livelli di epinefrina.

Patologie gastrointestinali: diarrea, incontinenza fecale, ipersalivazione, iperperistalsi con crampi addominali, nausea e vomito.

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo: debolezza muscolare e fascicolazione.

Patologie dell’occhio: midriasi, irritazione oculare, lacrimazione, emicrania e miopia con visione confusa, cisti dell’iride e distacco della retina.

Patologie del sistema nervoso: depressione, irrequietezza, ansia, fatica, allucinazioni e disforia, convulsioni (soprattutto in caso di iniezione rapida).

Patologie renali ed urinarie: incontinenza urinaria acuta.

Patologie respiratorie: broncospasmo ed aumento delle secrezioni tracheobronchiali. In alcuni casi, anche se estremamente rari, possono verificarsi paralisi della muscolatura respiratoria o edema polmonare.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

Gli effetti dell’intossicazione acuta da eserina dipendono dall’eccessiva stimolazione colinergica. Si possono verificare crisi colinergiche caratterizzate da bradicardia, scialorrea, minzione, defecazione e paralisi respiratoria. Sono state descritte anche aritmie ventricolari.

Trattamento

In caso di tossicità sistemica, si raccomanda il ricorso ad una terapia sintomatica e di supporto. L’antidoto usato è l’atropina.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: parasimpaticomimetico.

Codice ATC: N07AA

L’eserina è un’amina terziaria dotata di azione colinergica per inibizione della acetilcolinesterasi. Il farmaco si lega al sito anionico dell’enzima e, essendo meno soggetta dell’acetilcolina ad idrolisi, vi rimane legata più a lungo. Inoltre, l’eserina aumenta la liberazione di acetilcolina e sembra avere un effetto colinergico diretto sui recettori colinergici. A livello oculare, l’eserina causa miosi e offuscamento della vista. Il blocco dell’accomodamento è meno duraturo dell’effetto miotico. In seguito ad un aumentato drenaggio dell’umor acqueo si ha un abbassamento della pressione endooculare. A livello del tratto gastrointestinale, l’eserina causa contrazione della muscolatura intestinale ed aumento della secrezione gastrica acida con conseguente aumento della velocità di svuotamento gastrico e di transito intestinale. A livello della giunzione neuromuscolare, l’eserina causa contrazione della muscolatura scheletrica. Essa antagonizza gli effetti dei bloccanti neuromuscolari non depolarizzanti (alcaloidi del curaro come ad es. alcuronio, e composti ammonici quaternari come ad es. pancuronio, vecuronio, atracurio) di tipo competitivo. Dosi elevate di eserina possono causare epolarizzazione postsinaptica nella giunzione neuromuscolare e, perfino, blocco della trasmissione neuromuscolare.

A livello cardiovascolare, gli effetti della eserina dipendono dalla stimolazione gangliare e postgangliare dell’acetilcolina. Generalmente si osserva bradicardia, diminuzione della gittata sistolica e, a dosaggi elevati, caduta della pressione arteriosa. A livello ghiandolare può causare salivazione, lacrimazione, sudorazione, aumentata produzione delle secrezioni bronchiali e, raramente, contrazione della muscolatura liscia bronchiale. Al contrario della neostigmina, l’eserina attraversa la membrana ematoencefalica e può quindi presentare effetti centrali.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

L’eserina viene assorbita rapidamente dai tessuti sottocutanei. Il farmaco viene distrutto in gran parte nell’organismo, principalmente per scissione idrolitica da parte delle colinesterasi. L’emivita plasmatica media è di 20 minuti. L’eserina attraversa la barriera ematoencefalica e penetra facilmente nel SNC.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati preclinici hanno scarsa rilevanza clinica alla luce della vasta esperienza acquisita con l’uso del farmaco nell’uomo.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Acido benzoico (50g/l) in alcool etilico 96% 0,03 ml

Sodio metabisolfito 1 mg

Acqua per preparazioni iniettabili q.b. a 1 ml.

06.2 Incompatibilità

Indice

L’ eserina viene degradata dagli alcali.

06.3 Periodo di validità

Indice

6 mesi a confezionamento integro.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce. Non sono richieste particolari condizioni di conservazione in relazione alla temperatura.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Fiala di vetro giallo tipo I da 1 ml

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

La soluzione deve essere limpida, incolore e priva di particelle visibili. Non usare la soluzione se leggermente opalescente. Serve per una sola ed ininterrotta somministrazione e l’eventuale residuo non può essere utilizzato.

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

S.A.L.F. S.p.A. Laboratorio Farmacologico – Via Marconi, 2 – Cenate Sotto (BG)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

5 fiale 1 ml A.I.C. 036913010

50 fiale 1 ml A.I.C. 036913022

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Novembre 2008

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Determinazione AIFA del 23 dicembre 2010

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Eserina salf – 5 F 1 ml 1 mg/ml (Eserina Salicilato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ospedaliero Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N07AA AIC: 036913010 Prezzo: 80 Ditta: Salf Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice