Virgan – Ganciclovir: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Virgan

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Virgan: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Virgan: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

VIRGAN 1,5 mg/g gel oftalmico. ganciclovir

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

1 g di gel contiene 1,5 mg di ganciclovir Eccipiente: benzalconio cloruro (75 g/g)

Per una lista completa degli eccipienti vedere sezione 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Gel oftalmico.

Gel opalescente incolore.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento delle cheratiti acute superficiali da Herpes Simplex (vedere paragrafo 4.4).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Dose

1 goccia 5 volte al giorno fino alla completa riepitelizzazione della cornea, quindi proseguire con 1 goccia 3 volte al giorno per 7 giorni.

La terapia non dura generalmente più di 21 giorni.

Uso nei bambini

L’uso del prodotto nei bambini al di sotto dei 18 anni di età non è raccomandato poiché non sono stati eseguiti studi specifici.

Modo di somministrazione

Instillazione oculare nel sacco congiuntivale inferiore dell’occhio interessato.

Tra le instillazioni il tubo deve essere mantenuto verticalmente con la punta orientata verso il basso inserita nel basamento fornito con la confezione in modo da garantire la corretta formazione delle gocce.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al ganciclovir, all’aciclovir o ad uno o più degli eccipienti.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Questo medicinale non è indicato nel trattamento delle infezioni della retina da citomegalovirus (CMV).

L’efficacia in altri tipi di cheratocongiuntiviti virali non è stata dimostrata. Non sono stati eseguiti studi clinici specifici in soggetti immunodepressi.

Il benzalconio cloruro può causare irritazione agli occhi. Evitare di indossare lenti a contatto morbide. Rimuovere le lenti a contatto prima dell’applicazione ed aspettare almeno 15 minuti prima del loro reinserimento.

E’ noto che macchia le lenti a contatto morbide.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

In caso di trattamento concomitante con altri farmaci topici oftalmici, si devono aspettare 15 minuti tra un’instillazione e l’altra. Virgan deve essere instillato per ultimo.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Le informazioni disponibili concernenti l’utilizzo di VIRGAN gel oftalmico durante la gravidanza e l’allattamento sono insufficienti per valutare la sicurezza di utilizzo del farmaco durante questi periodi.

Sono stati osservati teratogenicità ed effetti sulla fertilità in studi su animali con somministrazioni orali o endovenose di ganciclovir. Inoltre ganciclovir ha mostrato potenziale genotossicità con basso margine di sicurezza (vedere paragrafo 5.3).

Di conseguenza la somministrazione durante la gravidanza e l’allattamento non è raccomandata, salvo in caso di assenza di terapia alternativa. In donne in età fertile dovrebbero essere adottate precauzioni contraccettive.

A causa dell’effetto genotossico riscontrato in sperimentazioni animali, ai maschi che assumono VIRGAN è consigliato di adottare precauzioni contraccettive locali (come il preservativo) durante il trattamento e fino a tre mesi dopo.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

I pazienti devono astenersi dalla guida o dall’uso di macchinari se si presenta qualunque disturbo visivo durante l’applicazione.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Le seguenti reazioni avverse sono state riportate durante quattro studi clinici con VIRGAN 1,5 mg/g gel oftalmico (tre studi in fase IIB e uno studio in fase III).

Le reazioni avverse sono classificate in base alla frequenza come segue: molto comune (≥ 1/10), comune (≥ 1/100, <1/10), non comuni (≥ 1/1, 000 a <1/100), raro (≥ 1/10, 000 a <1/1, 000) e molto rari (<1/10, 000). Non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili)

Patologie dell’ occhioMolto comuni : Momentanea sensazione di bruciore e pizzicore, irritazione agli occhi, visione offuscata.

Comuni : Cheratite puntata superficiale, iperemia congiuntivale.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette.

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non pertinente.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Gruppo farmacoterapeutico: Antinfettivi, antivirali ATC: S01AD09

Ganciclovir, 9-[(1,3-diidrossi-2-propossi)metil] guanina o DHPG, è un nucleoside che inibisce in vitro la replicazione dei virus umani del gruppo Herpes (Herpes simplex di tipo 1 e 2, citomegalovirus) e adenovirus sierotipi: 1,2,4,6,8,10,19,22,28).

Ganciclovir è trasformato nelle cellule infette in ganciclovir trifosfato, la forma attiva del principio attivo.

La fosforilazione avviene prevalentemente all’interno delle cellule infette, con concentrazioni di ganciclovir trifosfato 10 volte più basse nelle cellule non infette .

Ganciclovir trifosfato esercita la sua attività antivirale attraverso l’inibizione della sintesi del DNA virale con due meccanismi: inibizione competitiva della DNA- polimerasi virale e incorporazione diretta nel DNA virale, che impedisce il suo allungamento.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Nell’uomo, dopo somministrazione oculare 5 volte al giorno per 11-15 giorni per il trattamento di una cheratite erpetica superficiale, le concentrazioni plasmatiche misurate con un metodo analitico preciso (limite di rilevamento 0,005 µg/ml) sono state molto basse: in media 0,013 µg/ml (0-0,037).

Studi di farmacocinetica oculare nel coniglio hanno dimostrato una rapida e significativa penetrazione del ganciclovir a livello corneale e del segmento anteriore dell’occhio; questo permette di ottenere per diverse ore concentrazioni superiori alla concentrazione corrispondente alla dose mediana efficace (ED50).

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Potenzialità carcinogenetiche e mutagene

Gli effetti carcinogenetici negli animali sono stati osservati solamente in seguito ad una somministrazione sistemica per un periodo prolungato (20 mg/kg, per via orale) con una dose 50 volte superiore rispetto ai pazienti trattati con VIRGAN. Ganciclovir è risultato positivo solamente in tre di cinque differenti tipi di test di genotossicità. I risultati positivi sono stati ottenuti nel test più sensibile di tutti (linfoma del topo) con una concentrazione sistemica 7500 volte quella dei pazienti trattati con VIRGAN, e nel test del micronucleo del topo alla dose di 50 mg/Kg/ev corrispondente a 15.000 volte il livello plasmatico durante la terapia oculare con VIRGAN.

Riproduzione, fertilità

Studi nell’animale dopo somministrazione endovenosa ed orale di ganciclovir hanno portato ad una soppressione testicolare ed ovarica con conseguenti effetti sulla fertilità. La tossicità del sistema riproduttivo delle femmine si è evidenziata in seguito ad una concentrazione sistemica 12 volte nei cani e 19 volte nei topi rispetto alla concentrazione sistemica dei pazienti trattati con VIRGAN. Si è verificato un deterioramento della performance riproduttiva in topi maschi in seguito ad una concentrazione sistemica 60 volte superiore a quella dei pazienti trattati con VIRGAN. Si è verificato un deterioramento della performance riproduttiva in topi femmine in seguito ad una concentrazione sistemica 3.000 volte superiore a quella dei pazienti trattati con VIRGAN. Si sono verificati effetti teratogeni nei conigli in seguito ad una concentrazione sistemica 100 volte superiore a quella dei pazienti trattati con VIRGAN.

Tossicità oculare

La somministrazione oculare di VIRGAN per 28 giorni nei conigli, con 5 instillazioni al giorno, non ha evidenziato alcun effetto tossico sia locale che sistemico.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Carbomer (Carbopol 974P), sorbitolo,

idrossido di sodio (regolatore di pH), benzalconio cloruro,

acqua depurata.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

Prima dell’apertura: 3 anni. Dopo l’apertura: 4 settimane.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo prodotto medicinale non richiede nessuna particolare condizione di conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Tubo (LDPE/alluminio/HDPE) con un beccuccio erogatore (HDPE) e capsula a vite (HDPE) fissati su un basamento di plastica rimovibile.

Confezione:

1 tubo da 5 g di gel oftalmico

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il prodotto inutilizzato e scartato deve essere smaltito in accordo alle leggi vigenti.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Laboratoires THEA 12, rue Louis Blériot

63017 Clermont Ferrand Cedex 2 Francia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Tubo da 5 g AIC n. 037145012/M

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

01/02/2007

10.0 Data di revisione del testo

Indice

-----

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Virgan – Gel Oft 5 G 1,5 mg/g (Ganciclovir)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: S01AD09 AIC: 037145012 Prezzo: 17,8 Ditta: Laboratoires Thea


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice