Prazepam Eg: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Prazepam Eg

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Prazepam Eg: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Prazepam Eg: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

PRAZEPAM EG 10 mg compresse PRAZEPAM EG 20 mg compresse

PRAZEPAM EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Prazepam EG 10 mg compresse: ogni compressa contiene 10 mg di prazepam.

Eccipienti con effetto noto:

Lattosio: 119,60 mg

Prazepam EG 20 mg compresse: ogni compressa contiene 20 mg di prazepam.

Eccipienti con effetto noto:

Lattosio: 83,80 mg

Prazepam EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione: Ogni ml contiene 15 mg di prazepam (pari a 30 gocce). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse.

Prazepam EG 10 mg compresse: Compresse piatte, rotonde, di colore blu con tacca su di un lato.

Prazepam EG 20 mg compresse: Compresse piatte, rotonde, di colore bianco con tacca su di un lato. La compressa può essere divisa in dosi uguali.

Gocce orali, soluzione.

Prazepam EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione: Soluzione di colore blu con caratteristico odore e gusto di menta e anetolo.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sintomatico dell’ansia.

Le benzodiazepine sono indicate soltanto quando il disturbo è grave e disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti

La dose raccomandata deve corrispondere a 10-30 mg/die. Dosi più alte fino a 60 mg devono essere riservate a pazienti psichiatrici affetti da condizioni ansiose particolarmente gravi.

Questo dosaggio può essere somministrato in dose unica oppure in dosi suddivise nelle 24 ore, ad esempio: a.) Una dose completa alla sera oppure

b.) ¼ della dose al mattino, ¼ a mezzogiorno e ½ alla sera oppure c.) ½ della dose al mattino, ½ alla sera

Pazienti anziani

Nei pazienti anziani o debilitati si consiglia di iniziare il trattamento con una dose di 10 o 15 mg di prazepam, da somministrare in dosi suddivise nel corso della giornata e da aumentare in seguito se necessario. È generalmente sufficiente dimezzare le dosi per ottenere la risposta terapeutica (vedere paragrafo 4.4).

Popolazione pediatrica

Adolescenti (da 12 a 17 anni di età)

Si consiglia una diminuzione della dose in base all’età ed al peso del paziente. La dose non deve eccedere 1 mg per kg di peso corporeo al giorno.

La dose raccomandata deve essere 10-30 mg al giorno, e sono possibili dosi maggiori fino a 60 mg per condizioni di ansia estrema in pazienti psichiatrici.

Bambini

Non sono disponibili dati clinici relativamente all’uso del prazepam in bambini con meno di 6 anni di età (vedere paragrafì 4.3, 4.4)

Per tutti i pazienti

In alcuni casi lo stato di salute del paziente potrebbe richiedere una somministrazione a lungo termine. In tutti i casi in cui le benzodiazepine vengono usate per un periodo protratto è necessario che il medico rivaluti regolarmente le condizioni del paziente. All’interruzione del trattamento si raccomanda cautela.

Si consideri una riduzione della dose in pazienti con ridotta funzionalità renale oppure con compromissione epatica da lieve a moderata.

Durata del trattamento

La durata del trattamento deve essere la più breve possibile. Si deve regolarmente rivalutare lo stato di salute del paziente e la necessità di proseguire il trattamento, soprattutto nel caso di pazienti asintomatici. La durata complessiva del trattamento, generalmente, non dovrebbe superare le 8-12 settimane, compreso il periodo di sospensione graduale.

In determinati casi, può essere necessaria l’estensione oltre il periodo massimo raccomandato di trattamento; in tal caso, ciò deve avvenire dopo rivalutazione della condizione del paziente da parte di uno specialista.

Il trattamento deve essere iniziato somministrando la minima dose efficace. La dose massima non deve essere superata.

04.3 Controindicazioni

Indice

Pazienti con precedenti di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Pazienti con precedenti di ipersensibilità verso altre benzodiazepine.

Casi di miastenia gravis.

Bambini con meno di 6 anni di età.

Pazienti con grave insufficienza respiratoria.

Sindrome apneica durante il sonno.

Le benzodiazepine non sono indicate nei pazienti con grave insufficienza epatica in quanto possono precipitare l’encefalopatia.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Non si raccomanda l’impiego di Prazepam EG per il trattamento di disturbi psichiatrici e stati psicotici in cui l’ansia non è uno dei fattori predominanti. Di conseguenza prazepam deve essere usato solo come adiuvante nel trattamento delle psicosi.

Pazienti anziani

Negli anziani e nei pazienti debilitati possono manifestarsi una lieve sonnolenza e/o una riduzione della capacità di concentrarsi come pure una riduzione del tono muscolare.

Nei pazienti anziani o molto debilitati si raccomanda di iniziare il trattamento con una dose più bassa, ad esempio 10 o

15 mg di prazepam, da somministrare in dosi suddivise nel corso della giornata e da aumentare in seguito se necessario.

Popolazione pediatrica

Adolescenti (da 12 a 17 anni di età)

Negli adolescenti è consigliabile una riduzione della dose in base all’età ed al peso del paziente.

Bambini

Non sono disponibili dati clinici relativamente all’uso del prazepam in bambini con meno di 6 anni di età.

Compromissione renale

Si consideri una riduzione della dose in pazienti con ridotta funzionalità renale.

Compromissione epatica

Si consideri una riduzione della dose in pazienti con compromissione epatica da lieve a moderata.

Tolleranza

Le benzodiazepine possono indurre sintomi della tolleranza.

Dipendenza

La somministrazione di benzodiazepine può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica e psicologica. Il rischio di dipendenza aumenta in funzione della dose e della durata del trattamento.

È inoltre maggiore nei pazienti con precedenti di alcolismo o di dipendenza dalle droghe. Se si sviluppa dipendenza fisica, interrompere bruscamente il trattamento può portare a sintomi di astinenza (si rimanda alla lista di questi sintomi al paragrafo 4.8).

Ansia da rimbalzo: una sindrome transitoria in cui i sintomi che hanno condotto al trattamento con benzodiazepine ricorrono in forma aggravata può manifestarsi all’interruzione del trattamento. Poiché il rischio di sintomi da astinenza o di rimbalzo è maggiore dopo la sospensione brusca del trattamento, si raccomanda di diminuire gradualmente la dose.

Per una lista dei sintomi da sospensione si rimanda al paragrafo 4.8.

Diminuzione progressiva della dose

La procedura deve essere spiegata dettagliatamente al paziente.

Oltre alla necessità di una graduale riduzione della dose il paziente deve essere informato anche della possibilità di fenomeni di rimbalzo, al fine di minimizzare la reazione ansiosa che l’eventuale comparsa di tali sintomi potrebbe scatenare alla sospensione del medicinale, anche se graduale.

Il paziente deve essere informato della possibilità che questo periodo possa essere particolarmente disagevole.

Durata del trattamento

La durata del trattamento dovrebbe essere la più breve possibile (Vedere paragrafo "Posologìa e modo dì sommìnìstrazìone") e non dovrebbe superare le otto-dodici settimane, compreso il periodo di sospensione graduale del medicinale. L’estensione della terapia oltre questi periodi non dovrebbe avvenire senza rivalutazione clinica.

Nel caso di pazienti con precedenti di dipendenza si rimanda al paragrafo “Effetti indesiderati”.

Amnesia

Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda. Ciò accade in genere alcune ore dopo l’ingestione del medicinale.

Nel caso di pazienti con precedenti di dipendenza si rimanda al paragrafo “Effetti indesiderati”.

Epilessia

Sebbene sia possibile la comparsa di attacchi epilettici in seguito alla sospensione improvvisa del trattamento, tale rischio sarà probabilmente maggiore con benzodiazepine a breve emivita. Questo aspetto deve essere considerato quando si trattano pazienti con precedenti di epilessia.

Reazioni psichiatriche e paradosse

Durante l’uso di benzodiazepine possono verificarsi reazioni come inquietudine, agitazione, irritabilità, aggressività, delirio, collera, incubi, illusioni, allucinazioni, psicosi, comportamento inappropriato e altri effetti indesiderati di tipo comportamentale. Se tali reazioni paradosse dovessero verificarsi, l’uso di Prazepam EG deve essere sospeso. Tali reazioni sono più frequenti nei bambini e negli anziani.

Le benzodiazepine non sono raccomandate per il trattamento primario della malattia psicotica.

Le benzodiazepine non dovrebbero essere usate da sole per trattare la depressione o l’ansia connessa con la depressione (poiché in tali pazienti possono provocare il suicidio ).

Alcol

Le benzodiazepine devono essere usate con estrema cautela in pazienti con precedenti di abuso di alcol o di stupefacenti. Per quanto riguarda l’uso concomitante di alcol si rimanda al paragrafo “Interazioni con altri medicinali ed altre forme d’interazione”.

Pazienti con disturbi respiratori

A causa del rischio di grave depressione respiratoria si raccomanda la somministrazione di una dose più bassa in pazienti affetti da condizioni respiratorie croniche non specifiche o da insufficienza respiratoria. Vedere paragrafo “Controindicazioni”.

Lattosio

Prazepam EG compresse contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp-lattasi o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non è prudente la somministrazione concomitante di Prazepam EG ed altre sostanze con effetto deprimente del SNC (ad esempio narcotici, anestetici, anticonvulsivi, antistaminici sedativi, barbiturici, MAO-inibitori, antidepressivi, antipsicotici, ipnotici, ansiolitici/sedativi, analgesici e alcol). Non si raccomanda la contemporanea assunzione di alcol. L’effetto sedativo può essere accresciuto nei casi di uso concomitante di prodotti contenenti alcol con possibili effetti sulla capacità di guidare e usare macchinari. Nel caso degli analgesici narcotici si può verificare maggiore euforia con conseguente aumento della dipendenza psichica.

L’uso concomitante di benzodiazepine e acido valproico sembra causare un aumento del rischio di psicosi.

L’uso contemporaneo di cimetidina e/o omeprazolo determina un aumento delle concentrazioni plasmatiche delle benzodiazepine.

Sono state osservate interazioni farmacocinetiche, il cui impatto clinico non è completamente chiaro, tra alcune benzodiazepine ed i seguenti medicinali: barbiturici, rifampicina, fenitoina, contraccettivi orali, isoniazide e disulfiram.

Gli inibitori di CYP3A4 e CYP450 possono ridurre il metabolismo del prazepam ed aumentarne la potenziale tossicità. La teofillina antagonizza l’effetto farmacologico delle benzodiazepine.

I contraccettivi orali e le terapie ormonali sostitutive possono aumentare gli effetti del prazepam tramite inibizione del metabolismo ossidativo, con conseguente aumento delle concentrazioni sieriche delle benzodiazepine metabolizzate mediante ossidazione quando somministrate contemporaneamente. Le pazienti che assumono contraccettivi orali devono essere monitorate per poter determinare qualsiasi aumento degli effetti del prazepam.

La somministrazione concomitante di clozapina e benzodiazepine deve avvenire con cautela a causa della possibilità di ulteriori effetti depressivi sul SNC. Sono state raramente osservate grave confusione, ipotensione e depressione respiratoria in pazienti in trattamento con clozapina contemporaneamente o dopo un trattamento con benzodiazepine. Ai pazienti che ricevono simultaneamente clozapina deve essere inizialmente somministrata la metà della dose normale di benzodiazepina. Tale schema posologico deve essere mantenuto fino al raggiungimento di una sufficiente esperienza con il paziente.

In caso di somministrazione concomitante di buprenorfina e prazepam, il rischio di una possibile depressione respiratoria è aumentato. È pertanto necessario valutare con attenzione il rapporto rischio/beneficio di questa combinazione ed informare il paziente della necessità di rispettare scrupolosamente le dosi prescritte.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non si raccomanda la somministrazione di benzodiazepine in caso di gravidanza sospetta o confermata e durante l’allattamento.

Gravidanza.

Quando prazepam viene prescritto a una donna in età fertile, si dovrebbe raccomandare alla paziente di informare il proprio medico se sta pianificando una gravidanza o se si trova già in stato di gravidanza, in modo che il medico possa decidere l’interruzione del trattamento.

Gli studi finora condotti su prazepam non hanno stabilito se sussiste il rischio di malformazioni congenite in caso di utilizzo del prodotto durante la gravidanza. Dato che solo raramente l’impiego di prazepam è estremamente urgente, è preferibile che lo stesso non venga somministrato durante il primo trimestre di gravidanza.

I bambini le cui madri hanno assunto benzodiazepine durante la gravidanza possono presentare malformazioni. In caso di somministrazione del medicinale durante l’ultimo periodo di gravidanza, o durante il travaglio, nel neonato possono verificarsi ipotermia, ipotensione e depressione respiratoria.

Poiché i neonati nati da madri che hanno assunto benzodiazepine durante la gravidanza possono sviluppare dipendenza fisica, è possibile la comparsa di sintomi da astinenza nel periodo postnatale.

Allattamento

Non si raccomanda la somministrazione di prazepam durante il parto e durante l’allattamento a causa del rischio di ipotensione, ipotermia e persino di sintomi da astinenza nel neonato.

Le benzodiazepine attraversano la barriera feto-placentare e vengono escrete nel latte materno.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

A seconda della sensibilità individuale alle benzodiazepine, di per sé imprevedibile, i pazienti possono sviluppare sonnolenza e/o riduzione della capacità di concentrazione, amnesia, deterioramento della concentrazione e della funzione muscolare come pure riduzione del tono muscolare e rallentamento dei riflessi. Queste reazioni possono compromettere la capacità di guidare o di usare macchinari. Se la durata del sonno è stata insufficiente, la probabilità che la vigilanza si riduca può essere aumentata (vedere “Interazìonì con altrì medìcìnalì ed altre forme d’ìnterazìone”).

È pertanto necessaria cautela durante la guida di veicoli o mentre si usano macchinari pericolosi, soprattutto all’inizio del trattamento.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati segnalati sono riassunti nella tabella seguente per sistema e per frequenza. Le frequenze sono definite come segue: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1.000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1.000), molto raro (<1/10.000).

Classificazione MeDRa Molto comune (≥1/10) Comune (≥1/100 <1/10) Non comune (≥1/1.000 <1/100) Raro (≥1/10.000 <1/1.000) Molto raro (<1/10.000)
Disturbi psichiatrici Confusione, sogni anomali
Patologie del sistema nervoso Sonnolenza Sonnolenza, capogiri, atassia, cefalea, tremori, disturbi della parola Sincope
Patologie dell’occhio Alterazione della vista
Patologie cardiache Palpitazioni
Patologie gastrointestinali Secchezza delle fauci, vari disturbi gastrointestinali
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Diaforesi, rash Prurito Shock anafilattico
Patologie dell’apparato muscolo-scheletrico e del tessuto connettivo Artralgia Edema dei piedi
Patologie renali ed alle vie urinarie Diversi sintomi genitali e urinali
Patologie del sistema riproduttivo e della mammella Disturbi mestruali, ovulatori e sessuali Ginecomastia
Patologie generali e condizioni relative alla sede di somministrazione Affaticamento, astenia

I seguenti effetti indesiderati sono tipicamente connessi all’uso di benzodiazepine. La maggior parte di essi compare all’inizio del trattamento e solitamente scompare con le successive somministrazioni.

La riduzione della dose può alleviare i sintomi.

Disturbi generali

Astenia, debolezza muscolare, alterazioni della libido, senso di ubriacatura.

Patologie del sistema nervoso

Non comune: alterazione dello stato di coscienza, disturbi della memoria (soprattutto negli anziani), possibile comparsa di reazioni paradosse (soprattutto negli anziani, ad es. peggioramento dell’insonnia, aggressività, agitazione, aumento dell’ansia e attacchi epilettici), irritabilità, riduzione della vigilanza, confusione.

È raramente possibile la comparsa di disturbi psichiatrici come depersonalizzazione, psicosi, ottundimento delle emozioni o reazioni paradosse a causa di rapide fluttuazioni dei livelli ematici delle benzodiazepine.

Patologie del sistema epatobiliare

Colestasi e ittero (rari).

Patologie respiratorie

Depressione respiratoria in pazienti affetti da una condizione respiratoria cronica aspecifica.

Patologie del sistema emolinfopoietico

Raramente, agranulocitosi.

Patologie dell’occhio

Diplopia.

Amnesia

È possibile la comparsa di amnesia anterograda dopo somministrazione di dosi terapeutiche. Il rischio aumenta alle dosi più alte. Gli effetti dell’amnesia possono essere associati ad un comportamento inappropriato (vedere paragrafo Avvertenze speciali e precauzioni di impiego).

Depressione

Durante l’uso di benzodiazepine possono rendersi manifesti stati di depressione preesistenti.

Reazioni psichiatriche e paradosse

Agitazione, irritabilità, aggressività, delirio, rabbia, incubi, allucinazioni, psicosi, comportamento inopportuno ed altri effetti di tipo comportamentale sono note reazioni del trattamento con benzodiazepine o sostanze benzodiazepino-simili. Queste reazioni possono essere relativamente gravi e la loro comparsa è più probabile negli anziani.

Dipendenza

La somministrazione di benzodiazepine (anche alle dosi terapeutiche) può condurre allo sviluppo di dipendenza fisica. Di conseguenza l’interruzione del trattamento potrebbe indurre la comparsa di effetti da sospensione o di effetti rebound (vedere il paragrafo Avvertenze speciali e precauzioni di impiego). Può svilupparsi anche dipendenza psicologica. È stato segnalato abuso di benzodiazepine.

L’uso prolungato può innegabilmente causare dipendenza fisica e psicologica.

Poiché l’emivita del metabolita attivo di prazepam nel sangue è molto lunga, il rischio di comparsa di sintomi da sospensione è relativamente basso. I seguenti sintomi possono comparire dopo la sospensione improvvisa di un trattamento a lungo termine con benzodiazepine: alterazioni dell’umore, ansia (estrema) o disturbi del sonno, agitazione, convulsioni, tremori, crampi muscolari e addominali, vomito, sudorazione, cefalea, dolore muscolare, tensione, confusione e irritabilità. In casi gravi possono verificarsi i seguenti sintomi: derealizzazione, depersonalizzazione, iperacusia, intorpidimento e formicolio alle estremità, ipersensibilità alla luce, al rumore e al contatto fisico, allucinazioni o attacchi epilettici.

04.9 Sovradosaggio

Indice

I sintomi del sovradosaggio di benzodiazepine possono consistere in: affaticamento che può associarsi ad atassia, incapacità di coordinazione dei movimenti e confusione.

Nel trattamento dell’iperdosaggio di qualsiasi medicinale, dovrebbe essere considerata la possibilità che siano state assunte contemporaneamente altre sostanze. Una dose eccessiva di benzodiazepina associata all’assunzione concomitante di alcol, ad un altro medicinale o ad una malattia sottostante, può rappresentare un rischio per la vita.

A seguito di una dose eccessiva di benzodiazepine, dovrebbe essere indotto il vomito, se questo non si verifica spontaneamente, si dovrebbe eseguire il lavaggio gastrico oppure bisognerebbe procedere alla immediata somministrazione di carbone attivo, monitorando nel frattempo le funzioni vitali del paziente.

Se il paziente soffre di ipotensione (benché improbabile), è possibile trattare tale condizione iniettando L- noradrenalina bitartrato o farmaci vasopressori (ad es. metaraminolo bitartrato).

Il flumazenil è uno specifico antagonista dei recettori delle benzodiazepine e può essere usato come medicinale adiuvante alle tecniche di rianimazione in caso di grave intossicazione associata a coma. L’impiego del flumazenil come antidoto è controindicato nei seguenti casi: se si assumono antidepressivi triciclici, in caso di somministrazione concomitante di medicinali che inducono le convulsioni, di anormalità nell’ECG quali un prolungamento dell’intervallo QRS o dell’intervallo QT (indicativi della terapia concomitante con antidepressivi triciclici). I pazienti trattati con flumazenil devono essere seguiti per un certo periodo dopo il trattamento nel caso che ricompaiano sedazione, depressione respiratoria e qualsiasi altro effetto residuo causato dalle benzodiazepine. Il medico deve essere consapevole del rischio di convulsioni quando flumazenil viene somministrato in pazienti che hanno assunto benzodiazepine, in particolare nei trattamenti a lungo termine con benzodiazepine oppure in caso di un sovradosaggio di antidepressivi ciclici.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Ansiolitici, codice ATC: N05BA11

Meccanismo di azione

Prazepam è un derivato delle benzodiazepine. Le benzodiazepine agiscono sulle regioni limbiche, talamiche e ipotalamiche del SNC e sono in grado di produrre il grado richiesto di depressione del SNC, nella fattispecie sedazione, ipnosi, rilassamento dei muscoli scheletrici e attività anticonvulsiva. Dati recenti indicano che le benzodiazepine agiscono stimolando i recettori appartenenti al complesso recettoriale benzodiazepinico GABA (acido gamma-aminobutirrico). GABA è un neurotrasmettitore inibitorio che agisce su specifici sottotipi di recettori designati da GABA-A e GABA-B. GABA-A è il principale sottotipo recettoriale del SNC e si suppone che esso agisca come mediatore delle azioni ansiolitiche e sedative.

Si ritiene che specifici sottotipi recettoriali delle benzodiazepine (BNZ) siano accoppiati ai recettori GABA-A. Sono stati osservati tre tipi di recettori BNZ nel SNC ed in altri tessuti; i recettori BNZ 1

sono situati nel cervelletto e nella corteccia cerebrale, i recettori BNZ2

nella corteccia cerebrale e nel midollo spinale ed i recettori BNZ3

nei tessuti periferici. Si suppone che l’attivazione del recettore BNZ1

medi il sonno, mentre il recettore BNZ2

incoraggia il rilassamento dei muscoli, l’attività anticonvulsiva, la coordinazione motoria e la memoria.

Le benzodiazepine sono legate ai recettori BNZ1 e BNZ2 che stimolano gli effetti del GABA. A differenza dei barbiturici che aumentano le risposte del GABA prolungando i tempi di apertura dei canali del cloruro, le benzodiazepine stimolano gli effetti del GABA aumentando l’affinità del GABA per il recettore GABA. Il legame del GABA al sito del recettore causa l’apertura del canale del cloruro con conseguente iperpolarizzazione della membrana cellulare prevenendo in tal modo qualsiasi successiva eccitazione della cellula.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento/biotrasformazione

Dopo assorbimento non si trova traccia di prazepam nel sangue. Il metabolita ottenuto tramite trasformazione enzimatica è l’N-desalchilprazepam, il quale è responsabile dell’attività farmacodinamica del prodotto.

L’N-desalchilprazepam è fortemente legato alle proteine plasmatiche, la frazione libera è quantificabile in circa 3.5%.

Il massimo livello ematico di questo metabolita viene raggiunto dopo 4-6 ore e l’emivita media si colloca nell’ordine di

± 65 ore.

Eliminazione

L’escrezione di questo metabolita avviene per lo più per via renale come 3-idrossiprazepam in forma glicuronata e oxazepam.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Gli effetti degli studi non-clinici, osservati solo ad esposizioni considerate sufficientemente in eccesso rispetto alla massima esposizione nell’uomo, sono stati minimamente rilevanti ai fini dell’impiego clinico. Nei ratti la somministrazione orale di 10 mg/kg di prazepam ha comunque causato un aumento della frequenza di idrope fetale, anomalie allo scheletro della coda, la riduzione del peso corporeo e del peso degli organi interni più importanti nella prole. Nei conigli non sono stati osservati difetti congeniti dopo somministrazione di dosi orali di prazepam tra 5 e 50 mg/kg.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Prazepam EG 10 mg compresse

Lattosio monoidrato Cellulosa microcristallina Amido di mais

Magnesio stearato Indigotina lacca (E132)

Prazepam EG 20 mg compresse

Lattosio monoidrato Cellulosa microcristallina Amido di mais

Magnesio stearato Silice colloidale

Prazepam EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione

Glicole propilenico

Glicole dietilenico monoetiletere Saccarina sodica

Polisorbato 80 Mentolo Anetolo

Blu patent V (E 131)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

Gocce: Prazepam EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione deve essere usato entro 30 giorni dalla prima apertura.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede particolari condizioni di conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Prazepam EG 10 mg compresse: 20, 30, 40, 50 e 60 compresse confezionate in blister (Alu/PVC).

Prazepam EG 20 mg compresse: 20, 50 e 60 compresse confezionate in blister (Alu/PVC).

Prazepam EG gocce: 20 ml di soluzione in flacone provvisto di contagocce. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

EG S.p.A. Via Pavia, 6 – 20136 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Prazepam EG 10 mg compresse, 20 cpr AIC n. 039271010

Prazepam EG 10 mg compresse, 30 cpr AIC n. 039271022

Prazepam EG 10 mg compresse, 40 cpr AIC n. 039271034

Prazepam EG 10 mg compresse, 50 cpr AIC n. 039271046

Prazepam EG 20 mg compresse, 20 cpr AIC n. 039271059

Prazepam EG 20 mg compresse, 50 cpr AIC n. 039271061 Prazepam EG 15 mg/ml gocce orali, soluzione AIC n. 039271073

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

9 Gennaio 2009

10.0 Data di revisione del testo

Indice

04/07/2017

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Prazepam eg – Os Gtt 20 Ml15 mg/ml (Prazepam)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile – Validita 30 gg Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N05BA11 AIC: 039271073 Prezzo: 7,8 Ditta: Eg Spa


Prazepam eg – 20 Cpr 20 mg (Prazepam)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile – Validita 30 gg Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N05BA11 AIC: 039271059 Prezzo: 7,9 Ditta: Eg Spa


Prazepam eg – 30 Cpr 10 mg (Prazepam)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile – Validita 30 gg Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N05BA11 AIC: 039271022 Prezzo: 7,8 Ditta: Eg Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983