Moxonidina Eg: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Moxonidina Eg

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Moxonidina Eg: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Moxonidina Eg: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni compressa contiene 0,2, 0,3 o 0,4 mg di moxonidina Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa rivestita con film.

Aspetto: Tutte le compresse sono rotonde, di circa 6 mm di diametro.

La compressa da 0.2 mg è rosa chiaro, la compressa da 0.3 mg è rosa e quella da 0.4 mg rosa scuro.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Ipertensione essenziale da lieve a moderata

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti

Il trattamento deve essere iniziato con il dosaggio di Moxonidina più basso. Questo significa una dose giornaliera di 0.2 mg di Moxonidina al mattino. Se l’effetto terapeutico è insufficiente, la dose può essere aumentata dopo tre settimane a 0.4 mg. Questa può essere somministrata come singola dose (da assumersi al mattino) o suddivisa come dose giornaliera (mattino e sera). Se i risultati sono ancora insufficienti dopo altre tre settimane, la dose può essere aumentata ulteriormente fino ad un massimo di 0.6 mg suddivisa in mattino e sera. La singola dose di 0.4 mg di Moxonidina e la dose giornaliera di 0.6 mg di Moxonidina non devono essere superate.

Una contemporanea assunzione di cibo non ha effetti sulla farmacocinetica della moxonidina che può essere assunta prima, durante o dopo i pasti. Le compresse devono essere assunte con sufficiente liquido.

Insufficienza renale

Nei pazienti con insufficienza renale moderata (GFR>30 ml/min, ma < 60 ml/min), la singola dose non deve superare i 0,2 mg e la dose giornaliera non deve essere più di 0,4 mg di moxonidina.

Anziani

Ammesso che la funzione renale non sia compromessa, il dosaggio raccomandato è lo stesso come per gli adulti.

Popolazione pediatrica

Moxonidina non deve essere somministrata a bambini e adolescenti sotto i 16 anni di età poiché l’esperienza è limitata.

04.3 Controindicazioni

Indice

Moxonidina è controindicata in pazienti con:

Ipersensibilità alla moxonidina o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Malattia del nodo del seno

Bradicardia (frequenza cardiaca a riposo < 50 battiti al minuto)

Blocco atrio-ventricolare di 2°o 3° grado

Insufficienza cardiaca (vedere paragrafo 4.4)

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Quando moxonidina è utilizzato in pazienti con blocco atrio ventricolare di 1° grado deve essere prestata particolare cura per evitare la bradicardia.

Quando moxonidina è usato nei pazienti con grave malattia coronarica instabile o angina pectoris deve essere esercitata particolare attenzione a causa del fatto che vi è esperienza limitata in questa popolazione di pazienti.

A causa della mancanza di studi clinici che supportano l’uso sicuro in pazienti con moderata insufficienza cardiaca, moxonidina deve essere somministrato con cautela in questi pazienti.

Si raccomanda cautela nella somministrazione di moxonidina a pazienti con insufficienza renale poiché moxonidina è escreto principalmente per via renale. In questi pazienti è consigliato un attento aggiustamento della dose, soprattutto all’inizio della terapia. Il dosaggio deve essere iniziato con 0,2 mg al giorno e può essere aumentato fino ad un massimo di 0,4 mg al giorno, se indicato clinicamente e ben tollerato.

Se moxonidina è usato in combinazione con un -bloccante ed entrambi i trattamenti devono essere interrotti, prima deve essere sospesa la terapia con -bloccante, e dopo pochi giorni quella con moxonidina. Finora, non è stato osservato alcun effetto rebound sulla pressione sanguigna dopo l’interruzione del trattamento con moxonidina. Tuttavia, una brusca interruzione del trattamento con moxonidina non è raccomandato; invece, la dose deve essere ridotta gradualmente in un periodo di due settimane.

Moxonidina compresse rivestite con film contiene lattosio. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit della Lapp-lattasi o da malassorbimento del glucosio-galattosio, non devono assumere questo farmaco.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La contemporanea somministrazione di Moxonidina e altri anti-ipertensivi risulta in un effetto additivo.

Poiché gli antidepressivi triciclici possono ridurre l’efficacia degli agenti antipertensivi attivi a livello centrale, non è raccomandata la somministrazione contemporanea di antidepressivi triciclici e moxonidina.

La moxonidina può potenziare l’effetto di antidepressivi triciclici (evitare la prescrizione simultanea), tranquillanti, alcool, sedativi ed ipnotici.

La moxonidina aumenta moderatamente la compromessa prestazione delle funzioni cognitive in pazienti che ricevono lorazepam. La moxonidina può potenziare l’effetto sedativo delle benzodiazepine quando somministrata concomitantemente.

La moxonidina è eliminata attraverso la secrezione tubulare. Interazioni con altri farmaci eliminati attraverso la secrezione tubulare non possono essere escluse.

La tolazodina può ridurre l’effetto della moxonidina in maniera dose dipendente.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non si hanno adeguate informazioni circa l’uso della Moxonidina nelle donne in gravidanza. Studi su animali hanno mostrato tossicità riproduttiva ad alte dosi (vedere 5.3). Il rischio potenziale per l’uomo non è noto. La moxonidina non deve essere utilizzata durante la gravidanza a meno che non sia chiaramente necessario.

Allattamento

La Moxonidina è escreta nel latte materno. Perciò, la Moxonidina non deve essere somministrata durante l’allattamento al seno. Se il trattamento con la Moxonidina si rendesse chiaramente necessario, l’allattamento al seno deve essere interrotto.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati eseguiti studi sugli effetti sulla capacità di guidare ed usare macchinari. Sono stati segnalati sonnolenza e vertigini. Questo deve essere preso in considerazione quando si deve operare con macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati più frequentemente riportati prendendo moxonidina includono secchezza delle fauci, vertigini, astenia e sonnolenza. Questi sintomi spesso diminuiscono dopo le prime settimane di trattamento.

Effetti indesiderati in base alla classificazione di sistemi e organi (osservati durante gli studi clinici controllati con placebo in 886 pazienti esposti a moxonidina riportati dalle frequenze qui sotto):

Classificazione sistemi e organi MedDRA Molto comune ≥1/10 Comune ≥1/100, <1/10 Non comune ≥1/1000, <1/100
Disturbi del metabolismo e della nutrizioneRitenzione idrica, anoressia
Patologie cardiacheBradicardia
Patologie dell’orecchio e del labirintoTinnito
Patologie del sistema nervosoCefalea*, capogiri/vertigini, sonnolenza, soporeSincope*, sedazione, parestesia alle estremità
Patologie dell’occhiosensazione di prurito secco o bruciore dell’occhio
Patologie vascolariVasodilatazioneIpotensione* (inclusa ipotensione ortostatica), alterazioni della cicrolazione periferica
Patologie gastrointestinaliSecchezza delle fauciDiarrea, costipazione, nausea/vomito/dispepsia* e altre patologie gastrointestinaliDolore della parotide
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneoRash/pruritoReazion icutanee allergiche, angioedema
Patologie generali e condizioni relative alla sede di somministrazioneAsteniaEdema
Patologie dell’apparato muscoloscheletrico e del tessuto connettivoDolore alla schienaDolore al collo
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammellaGinecomastia, impotenza
Disturbi psichiatriciProcessi di alterazione del pensiero, disturbi del sonno inclusa insonniaNervosismo, depressione, ansia, perdita della libido

* non c’è un aumento nella frequenza in confronto al placebo.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi da sovradosaggio

È stato riportato il seguente caso di sovradosaggio involontario in un bambino di due anni:

Il bambino aveva ingerito una quantità non nota di moxonidina. La dose massima di moxonidina che poteva essere stata assunta era di 14 mg. Il bambino ha accusato i seguenti sintomi: sedazione, coma, ipotensione, miosi e dispnea. Lavaggio gastrico, infusioni di glucosio, respirazione artificiale e riposo hanno portato alla scomparsa completa dei sintomi nel giro di 11 ore.

Nei pochi casi di sovradosaggio che sono stati riportati, una dose di 19,6 mg è stata ingerita in maniera grave senza fatalità. Segni e sintomi riportati comprendono: cefalea, sedazione, sonnolenza, ipotensione, vertigini, astenia, bradicardia, secchezza delle fauci, vomito, affaticamento e dolore addominale superiore.

Nel caso di grave sovradosaggio è raccomandato un forte monitoraggio in particolare in casi di alterazioni della coscienza e depressione respiratoria.

Inoltre, sulla base di alcuni studi in animali a dose elevata, si sono anche verificati ipertensione transitoria, tachicardia e iperglicemia.

Trattamento del sovradosaggio

Non si conosce alcun antidoto specifico. In caso di ipotensione, può essere considerato un supporto circolatorio come liquidi e l’amministrazione della dopamina. La bradicardia può essere trattata con atropina.

Gli antagonisti dei recettori α possono diminuire o abolire gli effetti ipertensivi paradossali di una dose eccessiva di moxonidina.

Sintomi da sovradosaggio

È stato riportato il seguente caso di sovradosaggio involontario in un bambino di due anni:

Il bambino aveva ingerito una quantità non nota di moxonidina. La dose massima di moxonidina che poteva essere stata assunta era di 14 mg. Il bambino ha accusato i seguenti sintomi: sedazione, coma, ipotensione, miosi e dispnea. Lavaggio gastrico, infusioni di glucosio, respirazione artificiale e riposo hanno portato alla scomparsa completa dei sintomi nel giro di 11 ore.

Nei pochi casi di sovradosaggio che sono stati riportati, una dose di 19,6 mg è stata ingerita in maniera grave senza fatalità. Segni e sintomi riportati comprendono: cefalea, sedazione, sonnolenza, ipotensione, vertigini, astenia, bradicardia, secchezza delle fauci, vomito, affaticamento e dolore addominale superiore.

Nel caso di grave sovradosaggio è raccomandato un forte monitoraggio in particolare in casi di alterazioni della coscienza e depressione respiratoria.

Inoltre, sulla base di alcuni studi in animali a dose elevata, si sono anche verificati ipertensione transitoria, tachicardia e iperglicemia.

Trattamento del sovradosaggio

Non si conosce alcun antidoto specifico. In caso di ipotensione, può essere considerato un supporto circolatorio come liquidi e l’amministrazione della dopamina. La bradicardia può essere trattata con atropina.

Gli antagonisti dei recettori α possono diminuire o abolire gli effetti ipertensivi paradossali di una dose eccessiva di moxonidina.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Antiipertensivi, agenti antiadrenergici ad azione centrale Codice ATC: C02AC05

In vari modelli animali è stato evidenziato che la moxonidina ha un forte effetto ipotensivo. I dati sperimentali disponibili indicano che il sito di azione della moxonidina è localizzato nel sistema nervoso centrale (SNC).

Nel tronco encefalico, la moxonidina si lega selettivamente ai recettori I1- imidazolinici. Questi recettori imidazolino-sensibili si trovano prevalentemente nel midollo rostrale ventrolaterale, un’area che gioca un ruolo importante nel controllo centrale del sistema nervoso simpatico.

L’effetto di questa interazione con questi recettori I1-imidazolinici sembra essere la riduzione dell’attività dei nervi simpatici. Ciò è stato dimostrato per i nervi simpatici cardiaci, splancnici e renali.

La moxonidina differisce dagli altri farmaci ipertensivi attivi a livello centrale nel fatto che, ha solo una debole affinità per i recettori centrali alfa2-adrenergici, paragonata alla affinità per i recettori I1-imidazolinici. La stimolazione dei recettori alfa2-adrenergici è considerata essere la causa della sedazione e secchezza delle fauci, i più comuni effetti indesiderati provocati dagli antiipertensivi attivi a livello centrale.

La pressione sistolica e diastolica media è ridotta sia a riposo che durante l’esercizio.

Gli effetti della moxonidina sulla mortalità e morbilità cardiovascolare sono attualmente sconosciuti.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

La moxonidina è assorbita rapidamente dopo somministrazione orale.

Nell’uomo, viene assorbito circa il 90% di una dose orale. L’ingestione di cibo non ha effetti sulla farmacocinetica della moxonidina. Non c’è metabolismo di primo passaggio e la biodisponibilità è l’88%.

Distribuzione

Solo circa il 7% della moxonidina è legata alle proteine plasmatiche umane (Vdss = 1.8 + 0.4 l/kg). Il picco dei livelli plasmatici è raggiunto a 30-180 minuti dopo la somministrazione di una compressa rivestita con film.

Metabolismo

Il 10-20% della moxonidina è metabolizzata prevalentemente a 4,5-deidromoxonidina e ad un derivato della aminometanamidina per apertura dell’anello imidazolinico. L’effetto ipotensivo della 4,5 deidromoxonidina è solo 1/10, e quello del derivato della aminometanamidina è meno di 1/100 di quello della moxonidina.

Escrezione

La moxonidina e i suoi metaboliti sono quasi interamente eliminati per via renale. Più del 90% della dose è eliminata nelle prime 24 ore per via renale, mentre circa l’1% è eliminato con le feci. L’escrezione cumulativa della moxonidina immodificata è circa il 50-75%. La media dell’emivita di eliminazione plasmatica è di 2.2 –

2.3 ore e l’emivita renale è di 2.6 – 2.8 ore.

Nei pazienti con insufficienza renale moderata (GFR compresa fra 30 – 60 ml/min), l’AUC aumenta dell’85% e la clearance si riduce del 52%. La dose deve essere adattata in questi pazienti così che la massima dose giornaliera non sia superiore a 0.4 mg e il massimo per singola dose non superiore a 0.2 mg.

Nei pazienti con grave insufficienza renale (GFR < 30 ml/min), la clearance è ridotta al 68% e l’emivita di eliminazione è prolungata fino a 7 ore. In questi pazienti la moxonidina è controindicata (vedere 4.3).

Farmacocinetica nei bambini

Nessuno studio farmacocinetico è stato eseguito sui bambini.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Sulla base di studi convenzionali di tossicità ripetuta, genotossicità, e potenziale carcinogeno, i dati preclinici non hanno evidenziato particolari rischi per l’uomo.

Gli studi di tossicità riproduttiva non hanno rivelato alcun effetto sulla fertilità né potenziale teratogeno.

Sono stati osservati effetti embriotossici nei ratti, con dosaggi superiori a 3 mg/kg/die e nei conigli a dosi superiori a 0.7 mg/kg/die. In uno studio peri-e post-natale nei ratti, sia lo sviluppo che la vitalità della progenie risultavano influenzati a dosi superiori a 1 mg/kg/die.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo della compressa: lattosio monoidrato crospovidone

povidone K25 magnesio stearato

Rivestimento: ipromellosa

titanio diossido (E171) macrogol 400

ferro ossido rosso (E172)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

Moxonidina 0,2 mg compresse rivestite con film: 2 anni. Moxonidina 0,3 mg compresse rivestite con film: 3 anni. Moxonidina 0,4 mg compresse rivestite con film: 3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperatura superiore ai 30°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Moxonidina EG 0,2 mg e 0,4 mg compresse rivestite con film

Blister in PVC/PVDC/alluminio. Confezioni da 7, 10, 14, 20, 28, 30, 50, 56, 98, 100, 400 (20 x 20, 10 x 40, solo in confezioni per ospedali) compresse rivestite con film.

Moxonidina EG 0,3 mg compresse rivestite con film

Blister in PVC/PVDC/alluminio. Confezioni da 10, 20, 28, 30, 50, 56, 98, 100, 400 (20 x 20, 10 x 40, solo in confezioni per ospedali) compresse rivestite con film.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

EG S.p.A., Via D. Scarlatti, 31- 20124 – Milanotalia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 10 cpr A.I.C. n. 036677019/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 20 cpr A.I.C. n. 036677021/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 28 cpr A.I.C. n. 036677033/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 30 cpr A.I.C. n. 036677045/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 50 cpr A.I.C. n. 036677058/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 56 cpr A.I.C. n. 036677324/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 98 cpr A.I.C. n. 036677060/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 100 cpr A.I.C. n. 036677072/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 400 cpr (20×20) A.I.C. n. 036677084/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 400 cpr (10×40) A.I.C. n. 036677096/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 10 cpr A.I.C. n. 036677108/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 20 cpr A.I.C. n. 036677110/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 28 cpr A.I.C. n. 036677122/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 30 cpr A.I.C. n. 036677134/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 50 cpr A.I.C. n. 036677146/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 56 cpr A.I.C. n. 036677348/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 98 cpr A.I.C. n. 036677159/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 100 cpr A.I.C. n. 036677161/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 400 cpr (20×20) A.I.C. n. 036677173/M

MOXONIDINA EG 0,3 mg compresse rivestite con film 400 cpr (10×40) A.I.C. n. 036677185/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 10 cpr A.I.C. n. 036677197/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 20 cpr A.I.C. n. 036677209/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 28 cpr A.I.C. n. 036677211/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 30 cpr A.I.C. n. 036677223/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 50 cpr A.I.C. n. 036677235/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 56 cpr A.I.C. n. 036677336/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 98 cpr A.I.C. n. 036677247/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 100 cpr A.I.C. n. 036677250/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 400 cpr (20×20) A.I.C. n. 036677262/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 400 cpr (10×40) A.I.C. n. 036677274/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 7 cpr A.I.C. n. 036677300/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 7 cpr A.I.C. n. 036677312/M

MOXONIDINA EG 0,2 mg compresse rivestite con film 14 cpr A.I.C. n. 036677286/M

MOXONIDINA EG 0,4 mg compresse rivestite con film 14 cpr A.I.C. n. 036677298/M

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

17 Gennaio 2006/29 Dicembre 2011

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Dicembre 2011

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Moxonidina eg – 28 Cpr Riv 0,4 mg (Moxonidina)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: C02AC05 AIC: 036677211 Prezzo: 11,5 Ditta: Eg Spa


Moxonidina eg – 28 Cpr Riv 0,2 mg (Moxonidina)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: C02AC05 AIC: 036677033 Prezzo: 6,99 Ditta: Eg Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice