CERCA FARMACO SU QUESTO SITO (sono presenti tutte le schede farmaci in commercio)

Geref – Sermorelina: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Geref

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Geref: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Geref: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

GEREF

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una fiala di prodotto liofilizzato contiene: sermorelina acetato corrispondente a mcg 50 di sermorelina.

Eccipienti: mannitolo mg 5, sodio fosfato dibasico/sodio fosfato monobasico q.b. a g 0,5.

Una fiala di solvente contiene 1 ml di soluzione fisiologica.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Liofilizzato + solvente per iniezioni endovenose.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Il test diagnostico con Geref, nel bambino e nell’adulto, mediante somministrazione acuta in bolo endovenoso, è indicato in tutti i casi in cui si voglia valutare la capacità reale di secernere GH da parte dell’ipofisi e, quindi, lo stato dell’asse ipotalamo-ipofisario.

Il Geref è utile nell’iter diagnostico dei deficit di crescita per valutare la risposta del GH ad uno stimolo fisiologico e per valutare la funzionalità ipotalamo-ipofisaria, in casi di danni genetico o acquisito, organico o funzionale del S.N.C. sia nel bambino che nell’adulto.

Pertanto, essendo il GRF capace di agire direttamente sui recettori ipofisari delle cellule GH secernenti, la sua applicazione come test in somministrazione e.v. acuta, è un mezzo necessario per discriminare la natura del deficit (ipofisario e/o ipotalamico).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il dosaggio di Geref deve essere adattato per ogni paziente in rapporto al peso secondo la dose di 1 mcg/kg. Il prodotto deve essere somministrato per via endovenosa in una sola iniezione.

È preferibile eseguire il test la mattina con paziente a digiuno da 12 ore.

I prelievi di sangue devono essere fatti 15 minuti prima ed immediatamente prima della somministrazione di Geref, nonché 15, 30, 45 e 60 minuti dopo l’iniezione.

I prelievi a 90 e 120 minuti sono facoltativi in quanto nella maggioranza dei casi il picco di secrezione dell’ormone della crescita utile alla diagnosi si manifesta tra i 15 ed i 60 minuti.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità individuale accertata verso il farmaco.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Si consiglia di utilizzare con cautela Geref test in casi accertati di epilessia.

Nei seguenti casi è possibile avere una risposta alterata al test:

Pazienti sotto terapia con GH; in tal caso il test deve essere effettuato dopo l’interruzione della terapia con GH per almeno 1-2 settimane.Pazienti ipotiroidei non trattati o pazienti trattati con farmaci antitiroidei come il propiltiouracile.Pazienti con livelli elevati di somatostatina al momento dell’iniezione.Pazienti obesi, iperglicemici e con tassi elevati di trigliceridi.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Geref test deve essere condotto in assenza di farmaci che interessano direttamente l’attività dell’ipofisi. Questo dovrebbe includere preparazioni che contengono o provocano il rilascio della somatostatina, dell’insulina o glucocorticoidi, inibitori della ciclo-ossigenasi come l’aspirina o l’indometacina.

Clonidina, levodopa o ipoglicemia indotta da insulina possono transitoriamente aumentare i livelli della somatropina.

La risposta al Geref può essere anche alterata da agenti antimuscarinici come l’atropina.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Geref non deve essere utilizzato in caso di gravidanza ed allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Geref test non interferisce nella capacità di guidare e nell’uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Flushing cutaneo al volto e dolore nel luogo dell’iniezione si possono osservare occasionalmente e scompaiono di solito entro pochi minuti.

Trattandosi di un peptide, il prodotto potrebbe dar luogo a reazioni allergiche: è necessario, pertanto, avere la disponibilità immediata dell’equipaggiamento, dei farmaci e del personale idoneo ad un eventuale trattamento d’emergenza.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono stati riscontrati sintomi da sovradosaggio.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Il GRF 1-29, peptide di sintesi composto da 29 aminoacidi, è la più corta sequenza aminoacidica biologicamente attiva della molecola GHRH secreta dall’ipotalamo nel circolo portale ipotalamo-ipofisario.

L’azione biologica del GRF è duplice: induzione della liberazione, attraverso l’attivazione di specifici recettori di membrana della quota di GH immagazzinata nelle cellule somatotrope ipofisarie, stimolazione della sintesi di nuovi pools di GH.

Il GRF è secreto secondo ritmi geneticamente predisposti e successivamente modulati da meccanismi di feedback ed autofeedback. Circa il 70% dell’ormone viene prodotto con ritmo pulsatorio durante le prime ore del sonno.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Ad oggi sono ancora scarse le notizie sul metabolismo e sulla clearance metabolica dell’ormone.

La cinetica del GRF 1-29 è stata studiata nel ratto ed ha evidenziato la più rapida scomparsa della frazione peptidica 1-29 rispetto alle molecole più grandi.

L’emivita di distribuzione è di 1,9 ± 0,2 minuti e di eliminazione di 10,4 ± 0,2 minuti.

Nell’uomo il tempo di emivita plasmatico del GRF 1-29 non è stato ancora determinato.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Studi di tossicità acuta condotti su topi e ratti con dosaggi di 2000 e 4000 mcg/kg, per via endovenosa e sottocutanea, non hanno fatto registrare alcun decesso; la DL50 è risultata superiore a 4000 mcg/kg.

Studi di tossicità condotti su scimmie a dosaggi crescenti: 50, 100, 250, 500 e 1000 mcg/kg, per via endovenosa e sottocutanea, non hanno evidenziato aumenti della letalità e danni organico funzionali.

Ratti trattati per 2 settimane consecutive per via endovenosa, con dosaggi di 0, 12, 24, 48 mcg/kg/die, hanno dimostrato buona tollerabilità e modesta variazione dei parametri serici riguardanti globuline e glucosio.

Agli stessi dosaggi e per la stessa via di somministrazione anche gruppi di scimmie sono risultati indenni.

Nel ratto la tossicità subacuta per via sottocutanea a dosaggi di 0, 25, 50, 100 mcg/kg/die non è andata oltre un lieve decremento delle albumine e ad un aumento delle globuline: al dosaggio di 100 mcg/kg si è verificato un decremento del tempo di protrombina.

Gli stessi dosaggi ripetuti nella scimmia, per la stessa via di somministrazione, si sono dimostrati ben tollerati e non hanno alterato alcun parametro di controllo neanche a 100 mcg/kg.

Nelle specifiche prove il GRF 1-29 non ha rivelato potere mutageno.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Mannitolo, sodio fosfato monobasico, sodio fosfato bibasico.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non riportate.

06.3 Periodo di validità

Indice

Alle idonee condizioni di conservazione Geref è stabile per almeno 2 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Geref deve essere conservato in frigorifero (+2 / +8°C).

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Contenitore: le fiale del Geref e del solvente sono in vetro neutro, classe I.

Confezione: astuccio contenente 1 fiala di liofilizzato + 1 fiala di solvente

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il liofilizzato deve essere ricostituito solo immediatamente prima dell’uso.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

SERONO PHARMA S.p.A.

Via Casilina, 125 – Roma (RM)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC n. 026976011 del Ministero della Sanità.

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

-----

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Febbraio 1998

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983