Disepavit: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Disepavit

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Disepavit: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Disepavit: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

DISEPAVIT “SOLUZIONE INIETTABILE”

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

La fiala I (rossa) contiene: cianocobalamina 2,5 mg; acido folico 0,70 mg; nicotinamide 12 mg.

La fiala II (incolore) contiene: acido ascorbico 150 mg.

Per gli eccipienti vedere 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione iniettabile. Uso intramuscolare ed endovenoso.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Stati carenziali di vitamina B12, nicotinamide, acido ascorbico, acido folico.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti – Posologia media: 2-3 dosi alla settimana, a giudizio del medico, si possono somministrare 1 o 2 dosi al giorno.

Il DISEPAVIT può essere somministrato per via intramuscolare, endovenosa ed in perfusioni venose lente previa diluizione in 250-500 ml di soluzione fisiologica salina o glucosata.

Al momento dell’uso aspirare nella stessa siringa il contenuto di entrambe le fiale.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

I prodotti contenenti acido folico o derivati, specialmente se contenenti anche vitamina B12, non dovrebbero essere somministrati a soggetti anemici se non sulla base di indagini volte a stabilire la natura esatta dell’anemia esistente.

Il trattamento va condotto sotto controllo ematologico.

In caso di anemia perniciosa può rendersi necessaria un’integrazione della vitamina B12. In ogni caso è necessario verificare se la composizione quantitativa dell’associazione è adeguata alle singole necessità terapeutiche.

Una somministrazione non mirata del prodotto a soggetti anemici può condurre ad errori diagnostici. Il prodotto può colorare in rosso le urine. Tale fatto non deve essere considerato un fenomeno anomalo.

Il prodotto contiene sodio ditionito; tale sostanza può raramente provocare reazioni severe di ipersensibilità e broncospasmo.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono note.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non sono note interferenze negative.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

e. L’impiego di DISEPAVIT non altera la capacità di guidare, né l’uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

La somministrazione del preparato, specie per via parenterale, può essere seguita da reazioni d’ipersensibilità per lo più generali, consistenti in astenia, febbre, ipotensione, tachipnea, eruzioni cutanee, prurito. E’ possibile la comparsa di shock anafilattico.

Nel punto di iniezione si può verificare arrossamento, tumefazione e dolore.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono note manifestazioni da sovradosaggio

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: vitaminico; CODICE ATC: A11JA

DISEPAVIT è un’associazione di vitamina B12, acido folico, nicotinamide e vitamina C che nell’organismo catalizzano processi biologici fondamentali.

La vitamina B12 (cianocobalamina) interviene in molte reazioni metaboliche cellulari. E’ essenziale per il normale accrescimento, per l’ematopoiesi, per la riproduzione delle cellule epiteliali (incluse quelle del tratto gastroenterico) e per la sintesi della mielina a livello del sistema nervoso. La sua attività coenzimatica interessa tra l’altro la sintesi degli acidi nucleici e delle proteine, il mantenimento in forma ridotta dei gruppi sulfidrilici, la formulazione di metionina, il metabolismo dei grassi e dei carboidrati, la conversione del metilmalonato a succinato.

Alcune importanti reazioni biochimiche catalizzate dalla vitamina B12 richiedono anche la contemporanea presenza di acido folico.

I coenzimi dell’acido folico partecipano ad un gran numero di reazioni metaboliche caratterizzate dal trasferimento di unità monocarboniose, necessarie anche per la sintesi delle purine.

Il fabbisogno di folati è correlato perciò al grado di attività metabolica e riproduttiva cellulare.

L’acido ascorbico (vitamina C) è essenziale per la conversione dell’acido folico nella sua forma biologicamente attiva, cioé in acido folinico, per la formazione del collagene e della sostanza intercellulare, e quindi per lo sviluppo delle cartilagini, delle ossa, dei denti e per la cicatrizzazione delle ferite. La vitamina C influenza inoltre la biosintesi emoglobinica, la maturazione degli eritrociti ed alcune reazioni immunologiche

dell’organismo.

La nicotinamide (vitamina PP) è un componente essenziale dei coenzimi nucleotidici NAD e NADP che svolgono un ruolo importante in molte fondamentali reazioni biochimiche ed in particolare in quelle dei sistemi ossidoriduttivi cellulari.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Nicotinamide

L’assorbimento intestinale della nicotinamide è normalmente molto efficiente. Nell’organismo è convertita in coenzimi ed escreta soprattutto sotto forma di derivati metilati.

Cianocobalamina

Somministrata per via orale, la cianocobalamina viene assorbita in parte per semplice diffusione attraverso la mucosa intestinale, in parte dopo essersi legata al fattore intrinseco, glicoproteina a peso molecolare 60.000. Il complesso cianocobalamina fattore intrinseco interagisce con recettori specifici della mucosa dell’ileo, determinando il passaggio in circolo del principio vitaminico. La cianocobalamina si lega quindi a delle globuline plasmatiche, le transcobalamine, per essere trasportata nei tessuti ed in particolare al fegato. L’escrezione avviene in piccola quota attraverso la bile ed in prevalenza per via renale.

Acido ascorbico

L’acido ascorbico viene assorbito nel tratto intestinale probabilmente per diffusione ed è convertito nei tessuti in coenzima A.

L’acido ascorbico è facilmente assorbito nel tratto intestinale ed è presente in tutti i fluidi e tessuti dell’organismo.

L’eliminazione è prevalentemente urinaria.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Negli animali da esperimento, dosi equivalenti a qualche decina di volte la dose terapeutica non hanno provocato mortalità né variazioni nei parametri biochimici e morfologici. Dal complesso dei dati si può pertanto concludere che il composto è sprovvisto di tossicità sia a seguito della somministrazione unica che ripetuta.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

La fiala I (rossa) contiene:

Eccipienti: sodio tartrato, sodio idrossido, acqua per preparazioni iniettabili. La fiala II (incolore) contiene:

Eccipienti: sodio ditionito, sodio bicarbonato, acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono note

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

e.

Il medicinale è sensibile alla luce

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Fiale in vetro neutro rosse ed incolori da 1 ml e da 1,5 ml; Scatola contenente 6 fiale (rosse) e 6 fiale (incolori)

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna in particolare

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Romani,22-00040 Pomezia (RM)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

INIETTABILE” 6 fiale I da 1 ml + 6 fiale II da 1,5 ml AIC n. 035110016

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Prima autorizzazione: 15 Luglio 2005

10.0 Data di revisione del testo

Indice

27 Giugno 2005

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Disepavit – Ev im 6 F I+6 F II (Cianocobalamina+acido Folico+nicotinamide+acido Ascorbico)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: A11JA AIC: 035110016 Prezzo: 13 Ditta: So.se.pharm Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983