Cisplatino Teva: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Cisplatino Teva

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Cisplatino Teva: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Cisplatino Teva: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

CISPLATINO TEVA

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni ml di soluzione per infusione endovenosa contiene:

Cis-diamminodicloroplatino mg 0,5

Eccipienti:

Sodio cloruro mg 9

Acido cloridrico q.b. a pH 3.3

Acqua per preparazioni q.b. a ml 1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

10 mg/20 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone

50 mg/100 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

CISPLATINO TEVA è indicato nella terapia palliativa come farmaco da usarsi da solo o, più comunemente, in associazione ad altri chemioterapici. In pazienti che sono stati sottoposti a trattamenti chirurgici e/o radioterapeutici per:

tumori del testicolo

tumori delle ovaie

carcinomi della vescica

carcinomi della testa e del collo.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

CISPLATINO TEVA può essere somministrato in dose singola endovenosa di 50-100 mg/mq ogni 3-4 settimane oppure in dosi da 15-20 mg/mq/die per via endovenosa per 5 giorni consecutivi per 3-4 settimane. La scelta degli schemi posologici da adottare e l’eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati devono essere effettuati in base alle condizioni del paziente, alla terapia concomitante con altri agenti antineoplastici e alle manifestazioni tossiche del paziente.

Tumori del testicolo

Normalmente in combinazione con Bleomicina e Vinblastina. Sono state impiegate varie combinazioni di CISPLATINO TEVA ed altri agenti chemioterapici.

Tumori dell’ovaio

Normalmente in combinazione con Bleomicina e Vinblastina. Sono state impiegate varie combinazioni di CISPLATINO TEVA ed altri agenti chemioterapici.

Carcinoma della vescica

Normalmente usato da solo. La dose varia in relazione alla estensione della precedente esposizione a terapia radiante e/o precedente chemioterapia.

Metodo di somministrazione

La somministrazione del CISPLATINO TEVA viene preferibilmente effettuata per infusione lenta in 6-8 ore. Tuttavia dosi fino a 60 mg/mq somministrate in 1-2 ore sono state ben tollerate. CISPLATINO TEVA può essere diluito in soluzione salina isotonica (NaCl 0,9%) o in soluzione fisiologica ½ N o 1/3 N contenente destrosio al 5%. Al fine di evitare danni renali irreversibili un’abbondante diuresi deve essere favorita prima, durante e dopo la somministrazione del farmaco. Si consiglia pertanto un pretrattamento idratante con 1 o 2 litri di soluzione per via venosa prima della somministrazione del CISPLATINO TEVA ed una adeguata post-idratazione nelle 24 ore successive, con un flusso di 200 ml/h. La diuresi deve essere mantenuta intomo ai 100-200 ml/h e nel caso si dovesse dimostrare insufficiente è possibile aumentarla tramite la somministrazione e.v. di mannitolo. Non devono essere effettuati trattamenti successivi con CISPLATINO TEVA fino a che la creatinina sierica non sia al di sotto di 1,5 mg/100 ml e/o l’azotemia non sia inferiore a 25 mg/100 ml. La somministrazione successiva non deve essere eseguita fino a che gli elementi corpuscolati del sangue non siano ad un livello accettabile (piastrine > 100.000/mmc; globuli bianchi > 4.000/mmc). Un esame audiometrico deve accertare valori entro i limiti della norma prima di somministrare dosi successive del farmaco. Poiché il cisplatino a contatto con l’alluminio si degrada, l’ago ed il set di perfusione non devono contenere tale metallo. Come per altri prodotti potenzialmente tossici occorre cautela nella manipolazione di CISPLATINO TEVA. Nel caso di contatto diretto del farmaco possono verificarsi reazioni locali. E’ necessario fare uso di guanti. Qualora CISPLATINO TEVA venisse a diretto contatto con cute o mucose, occorre lavare immediatamente la parte con acqua e sapone.

04.3 Controindicazioni

Indice

CISPLATINO TEVA è controindicato in pazienti con pre-esistente compromissione della funzionalità renale; in pazienti con depressione midollare o con menomazioni dell’udito. E’ controindicato nei soggetti con riconosciuta ipersensibilità al cisplatino o ad altri composti contenenti il platino. Il cisplatino è controindicato in gravidanza e durante l’allattamento, in quanto nelle sperimentazioni su topo è risultato teratogeno ed embriotossico. Il cisplatino è mutageno in batteri e produce alterazioni cromosomiche in cellule coltivate in vitro. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunosoppressori ha dimostrato proprietà cancerogene negli animali in particolari condizioni sperimentali. Pur non essendoci attualmente informazioni sufficienti, è comunque possibile che il cisplatino abbia influenza sulla fertilità maschile e femminile.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Un attento controllo audiometrico deve essere effettuato prima di iniziare la terapia e prima di successive dosi di CISPLATINO TEVA. Deve essere subito segnalata ogni perdita di udito, in modo da poter intraprendere azioni curative il più presto possibile. La somministrazione di CISPLATINO TEVA sotto forma di infusione per 6-8 ore per via intravenosa con mannitolo e liquidi è stata usata per ridurre la nefrotossicità; tuttavia, anche con queste precauzioni, si può avere tossicità renale. Nausea e vomito possono essere controllati facendo precedere somministrazioni di metoclopramide. La creatinina sierica, l’azotemia e la clearance della creatinina devono essere determinate prima di iniziare la terapia e prima di ogni successiva somministrazione. Devono essere eseguite settimanalmente le analisi del sangue (crasi ematica) e periodicamente deve essere controllata la funzionalità epatica. I pazienti che ricevono CISPLATINO TEVA devono essere controllati attentamente in relazione a possibili reazioni anafilattico-simili e deve essere a disposizione un adatto supporto medico per trattare tali complicazioni (vedi par. 5.3 Effetti indesiderati). La terapia con CISPLATINO TEVA deve essere sospesa non appena vengono individuati sintomi di neurotossicità. Esami neurologici devono essere eseguiti regolarmente.

Avvertenze

CISPLATINO TEVA deve essere somministrato sotto il controllo del medico specialista in chemioterapia antitumorale, esclusivamente in centri specializzati ed opportunamente attrezzati. Il cisplatino produce nefrotossicità cumulativa. Prima di iniziare la terapia e prima di ogni successiva somministrazione bisogna valutare la creatinina e l’azotemia. E’ opportuno inoltre controllare la diuresi e la concentrazione degli elettroliti nel siero compresa la magnesiemia. La funzionalità renale deve ritornare alla norma prima di somministrare la dose successiva. Al dosaggio raccomandato, il prodotto non deve essere somministrato più di una volta ogni 3 o 4 settimane (vedere par. 5.3 Effetti indesiderati e par. 5.4 Speciali precauzioni per l’uso). Sono state riportate reazioni di tipo anafilattico al cisplatino. Queste reazioni sono comparse entro pochi minuti dalla somministrazione a pazienti trattati precedentemente con adrenalina, corticosteroidi ed antistaminici. Cisplatino può causare ototossicità. Questa ototossicità è cumulativa e quindi controlli audiometrici dovranno essere eseguiti prima di iniziare la terapia e prima di ogni somministrazione successiva (vedere par. 5.3 Effetti indesiderati e par. 5.4 Speciali precauzioni per l’uso).

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

(vedi anche par. 5.3 Effetti Indesiderati)

La somministrazione concomitante di agenti chelanti con CISPLATINO TEVA deve essere evitata poiché questo può ridurre l’efficacia di entrambi. CISPLATINO TEVA può ridurre l’assorbimento di fenitoina con risultante diminuzione di effetto antiepilettico. CISPLATINO TEVA può causare un aumento del livello di acido urico nel sangue, può quindi essere necessario, in pazienti che ricevono tale terapia, un aggiustamento nel dosaggio di agenti antiiperuricemici. A causa della sua potenziale attività mielosoppressiva, la somministrazione concomitante di CISPLATINO TEVA con altri agenti mielosoppressivi richiede attento monitoraggio delle funzioni del midollo osseo. Allo stesso modo, a causa della sua potenziale nefrotossicità ed ototossicità, la somministrazione concomitante di CISPLATINO TEVA con altri prodotti nefrotossici e/o ototossici (ad esempio antibiotici aminoglicosidici) deve essere evitata. CISPLATINO TEVA causa immunosoppressione, quindi vaccinazioni concomitanti devono essere evitate poiché potrebbero causare una severa reazione antigenica. Cambiamenti di valori del sangue e del siero in pazienti che ricevono CISPLATINO TEVA possono interferire con procedure diagnostiche.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Il cisplatino possiede attività teratogena ed embriotossica per cui è da evitarne l’uso in gravidanza e durante l’allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Essendo possibili fenomeni di ototossicità e neurotossicità è consigliabile evitare di guidare autoveicoli durante i cicli di cura con CISPLATINO TEVA.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Il Cisplatino è principalmente somministrato in combinazione con altri agenti chemioterapici. A causa dell’effetto tossico associato a questo tipo di farmaco, possono verificarsi effetti cumulativi quando qualcuno di questi agenti viene somministrato con il cisplatino.

Nefrotossicità

I danni renali e l’insufficienza renale cumulativa del cisplatino costituiscono la principale limitazione di dosaggio di questo farmaco. Tossicità renale è stata notata nel 28-36% dei pazienti trattati con una singola dose di 50 mg/mq di cisplatino. La tossicità renale si osserva durante la seconda settimana dopo la somministrazione e si manifesta con l’aumento dell’azotemia, creatinina, acido urico sierico e/o diminuzione della clearance della creatinina. Sono inoltre stati osservati casi di microematuria. La tossicità renale aumenta con ripetute somministrazioni del farmaco. Le funzioni renali devono ritornare normali prima di ripetere la somministrazione. L’alterazione renale può essere associata a danno tubulare. La nefrotossicità può essere ridotta somministrando CISPLATINO TEVA con infusioni di 6-8 ore insieme a mannitolo e liquidi idratanti. La tossicità renale tuttavia può comparire anche con queste precauzioni.

Ototossicità

Ototossicità è stata osservata in più del 31% dei pazienti trattati con una singola dose di CISPLATINO TEVA di 50 mg/mq e si è manifestata con tinnito e/o perdita dell’udito nell’alta frequenza (da 4000 a 8000 Hz).

Può manifestarsi pure una diminuita capacità all’ascolto dei normali toni della conversazione. Gli effetti ototossici si manifestano in maniera più grave nei bambini. La perdita dell’udito può essere unilaterale o bilaterale e tende ad aggravarsi dopo ripetute somministrazioni del farmaco. Non è ancora chiaro se l’ototossicità indotta da CISPLATINO TEVA sia reversibile.

Ematologia

La depressione midollare può avvenire nel 25-35% dei pazienti trattati: su alcuni pazienti si può osservare una diminuzione di mielociti. Il massimo abbassamento delle piastrine e dei leucociti circolanti appare tra il 18°-23° giomo (varia da 7,5 a 45); la maggior parte dei pazienti si ristabilisce verso il 39° giomo (varia da 13 a 62). Leucopenia e trombocitopenia sono più pronunciate a dosi più alte di 50 mg/mq. L’anemia (diminuzione di emoglobina maggiore di 2 g/100 ml) compare approssimativamente con la stessa frequenza e periodicità della leucopenia e trombocitopenia.

Tratto gastrointestinale

Comparsa di nausea e vomito avviene in quasi tutti i pazienti trattati con CISPLATINO TEVA e sono a volte così forti da dover sospendere il trattamento. Nausea e vomito di solito iniziano 1-4 ore dopo il trattamento e durano all’incirca 24 ore. Un certo grado di nausea ed anoressia può persistere per una settimana dopo il trattamento.

Iperuricemia

L’iperuricemia compare approssimativamente con la stessa frequenza dell’aumento dell’azotemia e della creatininemia. E’ più pronunciata a dosi superiori ai 50 mg/mq e i massimi livelli di acido urico generalmente compaiono dopo 3 o 5 giorni dalla somministrazione. Una terapia con Allopurinolo può diminuire i livelli di acido urico.

Neurotossicità

In alcuni pazienti è stata riscontrata neurotossicità, di solito caratterizzata da neuropatie periferiche. Sono stati anche osservati casi di perdita del gusto e del senso dello spazio. Neuropatie da riferirsi all’uso di CISPLATINO TEVA possono comparire dopo terapia prolungata di 4 o 7 mesi. Tuttavia sono stati osservati sintomi neurologici dopo una singola dose. La terapia con CISPLATINO TEVA deve essere interrotta alla prima comparsa dei sintomi di neuropatia periferica poiché tali sintomi, in alcuni pazienti, possono rivelarsi irreversibili.

Reazioni anafilattico simili

Queste reazioni sono state occasionalmente riscontrate in pazienti precedentemente trattati con cisplatino. Le reazioni consistono in edema facciale, dispnea sibilante, tachicardia ed ipotensione che si manifestano entro pochi minuti dalla somministrazione del farmaco: tali reazioni possono essere controllate con adrenalina, corticosteroidi ed antistaminici. Altri effetti collaterali riscontrati con minor frequenza sono anormalità cardiaca, anoressia, SGOT elevate, flebiti locali e diminuzione degli elettroliti plasmatici (in particolare ipomagnesiemia, ipocalcemia ed ipokaliemia).

Carcinogenicità

Studi preliminari di carcinogenicità con cisplatino indicano che il prodotto può essere potenzialmente carcinogenico.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Dato il tipo di somministrazione ed i controlli ematologici e clinici, non si deve arrivare ad un sovradosaggio. In caso di grave nefrotossicità, leuco e/o piastrinopenia, interrompere la terapia.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

-----

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

In seguito a una dose intravenosa, CISPLATINO TEVA si concentra nel fegato, nei reni, nell’intestino tenue e crasso dell’uomo e degli animali; apparentemente il farmaco ha una limitata penetrazione nel sistema nervoso centrale. I livelli plasmatici diminuiscono in modo bifasico con una iniziale emivita di 20-50 minuti ed una emivita finale di 58-72 ore. Più del 90% della quantità di platino somministrata si lega alle proteine nella fase di post-somministrazione. CISPLATINO TEVA viene escreto principalmente nell’urina per filtrazione glomerulare.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La DL50 nei topi per via e.v. è risultata di 13,36 mg/kg e 12,36 mg/kg per maschi e femmine rispettivamente.

Nei cani Beagle la DL50 approssimativa è di 0,75 mg/kg per 5 giorni. I segni di tossicità includono: enterocoliti emorragiche gravi, grave depressione del midollo osseo e dei tessuti linfoidi, marcata necrosi dei tubuli renali. Le lesioni renali sono le più gravi modificazioni tossiche. La DL50 nelle scimmie Rhesus è risultata di 7,7 mg/kg per iniezione intraperitoneale. Il cisplatino ha potere mutageno ed anche teratogeno nei ratti e nei conigli.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

-----

06.2 Incompatibilità

Indice

La somministrazione concomitante di agenti chelanti con CISPLATINO TEVA deve essere evitata, poiché questo può ridurre l’efficacia di entrambi.

06.3 Periodo di validità

Indice

24 mesi a confezionamento integro correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura ambiente (sotto i 25° C) al riparo dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flacone in vetro ambrato tipo I (borosilicato) chiuso mediante guarnizione in gomma clorobutile o bromobutile e ghiera in alluminio.

CISPLATINO TEVA

10 mg/20 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone

CISPLATINO TEVA

50 mg/100 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

—–

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

TEVA PHARMA B.V. – Industrieweg, 23 / P.O. Box 217 – 3640 AE Mijdrecht (Olanda)

Rappresentante esclusivo per la vendita in Italia

TEVA PHARMA ITALIA S.r.l. – Viale G. Richard, 7 – 20143 MILANO

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

CISPLATINO TEVA 10 mg/20 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone: AIC n. 026543013 in commercio da ottobre 1989

CISPLATINO TEVA 50 mg/100 ml Soluzione per infusione endovenosa – 1 flacone: AIC n. 026543025 in commercio da ottobre 1989

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

-----

10.0 Data di revisione del testo

Indice

-----

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice