Celestone Iniettabile: Scheda Tecnica del Farmaco

Celestone Iniettabile

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Celestone Iniettabile: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Celestone Iniettabile: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

CELESTONE FIALE

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una fiala da 1 ml contiene:

Principio attivo: Betametasone fosfato disodico 5,3 mg pari a 4 mg di betametasone.

Per gli eccipienti, vedere 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione iniettabile.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

CELESTONE iniettabile è indicato quando è necessario o desiderabile un effetto corticosteroideo rapido e intenso e va inteso come un complemento e non per la sostituzione delle terapie convenzionali, in caso di:

Malattie endocrine:

insufficienza surrenalica primaria o secondaria (in associazione a mineralcorticoidi quando indicato);

insufficienza surrenalica acuta;

pazienti con insufficienza surrenalica nota o con riserva surrenalica dubbia prima di un intervento chirurgico o in caso di traumi o malattie gravi;

shock resistente a terapie convenzionali quando è presente o si sospetta una insufficienza surrenalica;

surrenectomia bilaterale;

iperplasia surrenalica congenita;

tiroidite acuta, tiroidite non suppurativa e crisi tireotossiche;

ipercalcemia associata a neoplasie.

Shock:

come terapia complementare dei trattamenti convenzionali, alte dosi di CELESTONE iniettabile possono contribuire al ripristino delle condizioni emodinamiche in casi particolari di shock emodinamico e possono implicare le probabilità di sopravvivenza nello shock settico, in attesa dell’effetto di antibiotici e di altri trattamenti.

Edema cerebrale (Ipertensione endocranica):

come terapia complementare (e non sostituiva della neurochirurgia) nella riduzione e prevenzione dell’edema cerebrale associato a traumi cerebrali sia chirurgici che di altra natura, ad insulti cerebrovascolari e a neoplasie cerebrali primitive o metastatiche.

Rigetto di trapianto renale:

CELESTONE iniettabile si è dimostrato efficace nel trattamento del rigetto acuto e cronico, in associazione alle terapie convenzionali di prevenzione del rigetto dei trapianti renali.

Prevenzione della malattia delle membrane ialine:

prima della 32° settimana di gestazione.

Malattie muscolo-scheletriche:

terapia complementare a breve termine degli episodi acuti e delle riacutizzazioni dell’ar- trite reumatoide;

osteoartrite e artosinovite;

artrite psoriasica;

spondilite anchilosante;

artrite gottosa acuta;

borsite acuta e subacuta;

malattia reumatica;

fibrosite, epicondilite;

tenosinovite acuta non specifica;

miosite;

utile nel trattamento dei tumori cistici di tendini e aponeurosi.

Malattie del collageno:

terapia delle esacerbazioni o di mantenimento in alcuni casi selezionati di lupus eritema toso sistemico, cardite reumatica acuta, dermatomiosite.

Malattie dermatologiche:

pemfigo, dermatite bollosa erpetiforme;

forma bollosa grave dell’eritema multiforme (sindrome di Stevens – Johnson);

dermatite esfoliativa;

micosi fungoide;

psoriasi grave;

eczema allergico;

dermatite seborroica grave; e inoltre, per somministrazione intralesionale:

trattamento di cheloidi; lesioni infiammatorie infiltrate, ipertrofiche, localizzate, di lichen planus, placche psoriasiche, granuloma anulare e lichen simplex chronicus (neuro- dermatite); lupus eritematoso discoide; necrobiosi lipoidica dei diabetici; alopecia areata.

Stati allergici:

controllo di gravi malattie invalidanti, resistenti ai trattamenti convenzionali, come rinite allergica stagionale o perenne, polipi nasali, asma bronchiale (compreso lo stato asmatico), dermatite da contatto, dermatite atopica, ipersensibilità a farmaci, malattia da siero, edema laringeo acuto non infettivo (angioedema).

Malattie oftalmiche:

processi allergici e infiammatori gravi, acuti e cronici degli occhi e degli annessi, come cheratite e congiuntivite allergiche, ulcere marginali della cornea di tipo allergico, herpes zoster oftalmico, irite, iridociclite, corioretinite, infiammazione del segmento anteriore, uveite e corioidite posteriori diffuse, neurite ottica, simpatia oftalmica.

Malattie respiratorie:

sarcoidosi sintomatica;

sindrome di Loeffler intrattabile;

berilliosi;

tubercolosi polmonare fulminante o disseminata, in associazione ad appropriata chemioterapia specifica;

polmonite da aspirazione.

Malattie ematologiche:

trombocitopenia idiopatica e secondaria negli adulti;

anemia emolitica acquisita (autoimmune);

eritroblastopenia;

anemia ipoplastica (eritroide) congenita;

reazioni trasfusionali.

Malattie gastrointestinali:

per far superare al paziente un periodo critico di colite ulcerosa;

enterite regionale.

Malattie neoplastiche:

trattamento palliativo di leucemia e linfomi negli adulti;

leucemia acuta nell’infanzia.

Stati edematosi:

per indurre la diuresi o la remissione della proteinuria nella sindrome nefrosica, senza uremia, di tipo idiopatico o dovuta a lupus eritematoso.

Varie:

meningite tubercolare con blocco o minaccia di blocco subaracnoideo, in associazione ad appropriata chemioterapia specifica;

trichinosi con coinvolgimento neurologico o miocardico.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

CELESTONE iniettabile può essere somministrato per via E.V., IM, intraarticolare, intralesionale e nei tessuti molli; a dosaggi elevati va usato solo per via E.V. Il dosaggio necessario è variabile e deve essere personalizzato in base al tipo e gravità della malattia e alla risposta del paziente.

Negli adulti il dosaggio iniziale può arrivare a 8,0 mg di betametasone al giomo, in fun- zione della malattia da trattare. In situazioni di minor gravità bastano in genere dosi minori, benchè in particolari pazienti possa rendersi necessario un dosaggio iniziale più elevato.

Il dosaggio iniziale va mantenuto, o adeguato, fino all’ottenimento di una risposta soddisfacente. Se dopo un ragionevole periodo di tempo non si ottiene una risposta adeguata il trattamento con CELESTONE iniettabile va sospeso e sostituito con altra terapia appropriata.

Nei bambini il dosaggio iniziale di betametasone IM varia da 0,02 a 0,125 mg per kg di peso al giomo.

Per neonati e bambini il dosaggio va stabilito in base alle stesse considerazioni fatte per gli adulti, piuttosto che a stretti criteri di età e di peso corporeo.

Nelle situazioni di emergenza si raccomanda la somministrazione di CELESTONE iniettabile per via endovenosa. “CELESTONE iniettabile può essere somministrato anche per infusione venosa, miscelato a soluzione fisiologica isotonica o a soluzioni di destrosio nella quantità desiderata. L’aggiunta di CELESTONE iniettabile alle soluzioni per uso E.V. va fatta al momento dell’uso; le soluzioni non utilizzate vanno immediatamente poste in frigorifero e usate entro 24 ore”.

Quando si è ottenuta una risposta favorevole va stabilita una appropriata terapia di man- tenimento, riducendo il dosaggio iniziale per piccoli decrementi ad appropriati intervalli fino a raggiungere il dosaggio minimo in grado di mantenere un’adeguata risposta terapeutica.

Le situazioni di stress non correlate con la malattia in trattamento possono richiedere un aumento del dosaggio di CELESTONE iniettabile.

La sospensione del farmaco dopo terapia a lungo termine va effettuata per riduzione graduale del dosaggio.

Dosaggio raccomandato in alcune malattie:

Terapia complementare dello shock: 3 mg/kg di betametasone possono essere somministrati come singolo bolo E.V. e ripetuti ogni 4-6 ore se lo shock persiste. La somministrazione di dosi elevate di corticosteroidi va continuata fino a stabilizzazione delle condizioni del paziente.

Edema cerebrale: miglioramento soggettivo ed obbiettivo si possono ottenere entro alcune ore dalla somministrazione di CELESTONE iniettabile pari a 2-4 mg di betametasone. Pazienti comatosi possono ricevere dosaggi convenzionali di 2-4 mg, quattro volte al giomo.

Rigetto di trapianto renale: alla comparsa dei primi sintomi di rigetto acuto o ritardato, CELESTONE iniettabile va somministrato per infusione venosa goccia a goccia, alla dose di 60 mg di betametasone nelle prime 24 ore. In singoli casi particolari vi possono essere piccole modificazioni del dosaggio.

Prevenzione della sindrome da distress respiratorio dei neonati prematuri:

Quando ritenuto necessario indurre il travaglio prima della 32^ settimana di gestazione o quando la nascita prematura prima della 32^ settimana diventa inevitabile a causa di complicazioni ostetriche, si raccomanda la iniezione IM di CELESTONE iniettabile alla dose di 4-6 mg di betametasone ogni 12 ore per 24-48 prima dell’atteso momento del parto. È necessario iniziare la terapia almeno 24 ore (meglio 48-72 ore) prima del parto per ottenere effetti clinicamente evidenti.

Nella profilassi della sindrome, quando il feto presenta un basso rapporto lecitina/sfingo mielina (o riduzione del test di stabilità della schiuma sul liquido amniotico), dosaggio e modalità di somministrazione come sopra. Malattie muscolo-scheletriche: il dosaggio raccomandato varia in riferimento alle dimensioni dell’articolazione e alla sede da trattare.

SedeDosaggio Betametasone
Grosse articolazioni (anca)2 – 4 mg
Piccole articolazioni0,8 – 2 mg
Borsa sierosa2 – 3 mg
Guaina tendinea0,4 – 1 mg
Callosità 0,4 – 1 mg
Tessuti molli2 – 6 mg
Cisti tendinee1 – 2 mg

Prevenzione di reazioni trasfusionali: somministrare E.V. 1-2 ml di CELESTONE iniettabile (4-8 mg di betametasone) subito prima della trasfusione di sangue. Nel caso di trasfusioni ripetute lo stesso dosaggio di CELESTONE può essere ripetuto, se necessario, fino ad un totale di 4 somministrazioni nelle 24 ore.

I corticosteroidi non devono essere mescolati al sangue da trasfondere.

Somministrazione sottocongiuntivale: i corticosteroidi solubili trovano impiego per iniezione sottocongiuntivale in numerose malattie corticosteroidosensibili dell’occhio. La dose usuale di CELESTONE iniettabile è di 0,5 ml (2 mg di betametasone).

04.3 Controindicazioni

Indice

Non usare in caso di infezioni micotiche sistemiche, ipersensibilità al betametasone o ad altri corticosteroidi o ad altri componenti della specialità.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

L’uso di CELESTONE iniettabile deve essere effettuato con la più rigorosa asepsi.

L’iniezione intramuscolare dei corticosteroidi va effettuata profondamente nelle grandi masse muscolari, per evitare l’atrofia locale dei tessuti e va fatta con precauzione nei pazienti con porpora trombocitopenica idiopatica.

La somministrazione intralesionale, intraarticolare e nei tessuti molli dei corticosteroidi può provocare effetti sia locali che sistemici.

Prima della somministrazione intraarticolare di cortisonici è indispensabile un esame del liquido presente sulle articolazioni per escludere la presenza di fenomeni settici, per i quali va istituita appropriata terapia antibiotica. Va evitata la iniezione locale in articolazioni precedentemente infette. Uno spiccato aumento del dolore e del gonfiore locale, ulteriore limitazione dei movimenti articolari, febbre e malessere sono indicativi di artrite settica.

I corticosteroidi non vanno iniettati in articolazioni instabili, zone infette e spazi intervertebrali. Ripetute iniezioni in articolazioni osteoartritiche possono incrementare la distruzione articolare. Va evitata l’iniezione di corticosteroidi direttamente nei tendini, poichè a distanza può derivarne una rottura tendinea.

Dopo terapia corticosteroidea intraarticolare il paziente deve evitare un uso eccessivo dell’articolazione in cui ha ottenuto beneficio sintomatico.

Poichè si sono verificati rari casi di reazione anafilattoide in pazienti trattati con corticosteroidi per via parenterale, prima della loro somministrazione vanno adottate appropriate precauzioni, specialmente nei pazienti con anamnesi di allergia a farmaci.

Nelle terapie corticosteroidee a lungo termine va considerato il passaggio dalla via parenterale a quella orale, previa valutazione dei potenziali rischi e benefici.

Un adeguamento del dosaggio può essere necessario in base alla risposta del singolo paziente alla terapia e nei casi di remissione o esacerbazione della malattia e di esposizione dei pazienti a stress fisici o emotivi, come gravi infezioni, chirurgia, traumi.

Un monitoraggio del paziente può essere necessario fino ad un anno dopo la cessazione di terapia con corticosteroidi a lungo termine o ad alte dosi.

Durante trattamento corticosteroideo può verificarsi ridotta resistenza alle infezioni, con insorgenza di nuove infezioni; i corticosteroidi possono mascherarne i segni e impedirne la localizzazione.

L’uso prolungato di corticosteroidi può provocare cataratta subcapsulare posteriore (specialmente nei bambini), glaucoma con possibili danni al nervo ottico e può facilitare le infezioni oculari secondarie, da funghi e da virus. Periodicamente va effettuato un esame oftalmologico, specialmente ai pazienti in terapia a lungo termine (oltre sei settimane).

Dosi elevate e medie di corticosteroidi possono causare ipertensione arteriosa, ritenzione di acqua e sali ed aumentata escrezione di potassio. Questi effetti hanno minor probabilità di verificarsi con l’uso dei derivati sintetici, se non usati ad alte dosi.

Possono esser necessari restrizione del sale nella dieta ed un supplemento di potassio.

Tutti i corticosteroidi aumentano l’escrezione di calcio.

Durante terapia corticosteroidea i pazienti non devono essere vaccinati contro il vaiolo e non vanno sottoposti ad altre procedure di immunizzazione, specialmente se in trattamento ad alte dosi, per il possibile rischio di complicazioni neurologiche e la mancanza di risposta anticorpale.

Possono invece essere immunizzati i pazienti che ricevono corticosteroidi come terapia sostitutiva, ad es. per morbo di Addison.

I pazienti trattati con dosi di corticosteroidi immunosoppressive vanno avvertiti di evitare di esporsi a varicella e morbillo e, se esposti, di consultare il loro medico. Questo è di particolare importanza per i bambini.

La terapia corticosteroidea nella tubercolosi attiva va ristretta ai casi di tubercolosi fulminante o disseminata ed effettuata in associazione ad appropriato trattamento antitubercolare.

Pazienti con tubercolosi latente o reattività alla tubercolina che ricevano corticosteroidi devono essere sottoposti a stretta sorveglianza per la possibilità di una riattivazione della malattia. Nel caso di terapie prolungate devono ricevere chemioprofilassi e, nel caso si usi rifamicina, ne va considerato l’effetto stimolante della clearance di corticosteroidi, con possibile necessità di un loro adeguamento posologico.

L’impiego di corticosteroidi deve essere effettuato alla dose minima che permette il controllo della malattia in trattamento; una riduzione del dosaggio, quando possibile, deve essere graduale.

Uno stato di insufficienza surrenalica secondaria, indotta dai glucocorticoidi, può essere minimizzato con una riduzione graduale del loro dosaggio. Questo tipo di insufficienza relativa può persistere per mesi dopo la cessazione della terapia e pertanto, in caso di stress durante questo periodo, il trattamento corticosteroideo va ripreso e può esserne necessario un aumento di dosaggio se è già in corso. Poichè in tale situazione può essere compromessa anche la secrezione mineralcorticoide, vanno contemporaneamente somministrati sale e/o mineralcorticoidi.

Nei pazienti con ipotiroidismo e in quelli con cirrosi epatica gli effetti dei corticosteroidi risultano aumentati.

Nei pazienti con herpes simplex oculare si raccomanda un uso prudente dei corticosteroidi, per la possibilità di perforazione corneale.

Durante la terapia corticosteroidea può manifestarsi confusione mentale e possono aggravarsi instabilità emotiva, depressione, euforia, agitazione e tendenze psicotiche preesistenti.

I corticosteroidi vanno usati con cautela in caso di: colite ulcerosa aspecifica con pericolo di perforazione, di ascessi o di altre infezioni da piogeni; diverticolite; anastomosi intestinali recenti; ulcera peptica attiva o latente; insufficienza renale; ipertensione; osteoporosi e miastenia grave.

Poichè le complicazioni della terapia glucocorticosteroidea sono dipendenti da dose, quantità e durata del trattamento, questo va deciso per ciascun paziente, valutandone rischi e benefici.

Poichè la somministrazione di corticosteroidi può alterare la crescita di neonati e bambini e inibirne la produzione di corticosteroidi endogeni, crescita e sviluppo di questi pazienti sottoposti a terapie prolungate vanno attentamente controllati.

In alcuni pazienti i corticosteroidi possono alterare la motilità e il numero degli spermatozoi.

I corticosteroidi vanno usati con cautela nei pazienti con diabete mellito. I corticosteroidi aumentano i livelli di glucosio e possono richiedere un aggiustamento dei dosaggi di insulina e di altri preparati ipoglicemizzanti.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Interazioni con farmaci:

L’uso contemporaneo di fenobarbital, fenitoina, rifampicina o efedrina può aumentare il metabolismo dei corticosteroidi e ridurne l’efficacia terapeutica.

Estrogeni, contraccettivi orali compresi: Pazienti trattati con un corticosteroide e un estrogeno vanno controllati per la possibilità di un eccesso di effetti corticosteroidei.

Anfotericina B e farmaci potassio-disperdenti: In caso di uso contemporaneo di corticosteroidi e farmaci potassio-disperdenti (es.anfotericina B, diuretici che fanno eliminare potassio) i pazienti devono essere mantenuti sotto stretta osservazione in quanto si può avere ipokaliemia. Vi sono stati casi nei quali l’uso concomitante di anfotericina B e idrocortisone è stato seguito da aumento del volume cardiaco e da scompenso congestizio.

Glucosidi digitatici: L’uso concomitante di corticoidi e glucosidi cardiaci può aumentare la possibilità di aritmie e la tossicità digitalica associata ad ipokaliemia. In tutti i pazienti trattati con le suddette associazioni va controllato strettamente il livello degli elettroliti sierici ed in particolare quello del potassio, per un eventuale reintegro.

Antibiotici: È stato riferito che gli antibiotici macrolidi causano una significativa riduzione della clearance corticosteroidea.

Anticoagulanti orali: L’uso di corticosteroidi in concomitanza con anticoagulanti cumarinici può aumentarne o diminuirne l’azione anticoagulante e richiederne un adeguamento posologico. Pertanto occorre monitorare attentamente gli indici della coagulazione al fine di poter mantenere l’effetto anticoagulante desiderato.

Farmaci antinfiammatori non steroidei: Gli effetti associati di acido acetilsalicilico (o di altri farmaci antinfiammatori non steroidei) o di alcool e glucocorticoidi può portare all’aumento di frequenza o di gravità di ulcere gastrointestinali.

I corticosteroidi possono far abbassare le concentrazioni ematiche dei salicilici. Nell’ipoprotrombinemia l’acido acetilsalicilico va usato con prudenza in associazione a corticosteroidi.

Antidiabetici: La somministrazione di corticosteroidi a pazienti diabetici può rendere necessario un adeguamento di dosaggio degli antidiabetici.

Farmaci antitubercolari: Le concentrazioni sieriche di isoniazide possono venire ridotte.

Somatotropina: In somministrazione concomitante, i corticosteroidi possono inibire la risposta alla somatotropina. Durante la somministrazione di somatotropina vanno evitate dosi di betametasone superiori a 0,3 – 0,45 mg/m²/die.

Ketoconazolo: È stato riferito che il ketoconazolo diminuisce il metabolismo di alcuni corticosteroidi fino al 60%, con conseguente aumento del rischio di effetti collaterali.

Test cutanei: I corticosteroidi possono sopprimere le reazioni ai test cutanei.

Interazioni con i test di laboratorio:

I corticosteroidi possono interferire con il test al nitroblu di tetrazolio per le infezioni batteriche e dar luogo a risultati falsamente negativi.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

In mancanza di studi controllati condotti nel genere umano, il rischio di effetti dannosi a carico del feto a seguito di assunzione di corticosteroidi non può essere escluso. Pertanto l’uso di CELESTONE durante la gravidanza è da riservarsi, a giudizio del medico, ai casi di assoluta necessità dopo attenta valutazione dei potenziali rischi e benefici per la madre e per il feto.

Le donne che hanno ricevuto terapia corticosteroidea durante la gravidanza devono essere attentamente controllate durante il travaglio ed il parto per eventuali segni di insufficienza surrenalica dovuta allo stress che accompagna la nascita di un bimbo.

Poichè i corticosteroidi attraversano la barriera placentare, segni di iposurrenalismo vanno accuratamente ricercati nei neonati di madri che hanno ricevuto dosi significative di corticosteroidi durante la gravidanza. I neonati di madri trattate con CELESTONE prima della loro nascita hanno presentato transitoria soppressione del somatormone fetale e presumibilmente degli ormoni ipofisari che regolano la produzione di corticosteroidi sia delle zone fetali che di quelle definitive delle ghiandole surrenali. Tuttavia, la soppressione dell’idrocortisone fetale non ha interferito con la risposta dell’asse ipofisi-surrene allo stress dopo la nascita. I neonati e i bambini piccoli vanno, inoltre, attentamente esaminati per la possibilità di comparsa della rarissima cataratta congenita.

I corticosteroidi non sono indicati per il trattamento della malattia delle membrane ialine dopo la nascita e non vanno usati per la sua profilassi nelle donne gravide con eclampsia, preeclampsia ed evidenza di danno placentare.

I corticosteroidi compaiono nel latte delle donne che allattano. Pertanto, a causa dei potenziali effetti indesiderati di CELESTONE nei bambini nutriti al seno, occorre decidere se evitare l’allattamento al seno o interrompere il trattamento col farmaco, in funzione dell’importanza che questo riveste per la madre.

Nelle donne in età fertile un’eventuale gravidanza deve essere sempre esclusa prima dell’inizio del trattamento e durante il trattamento stesso deve essere assicurata un’efficace copertura anticoncezionale.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non è nota un’influenza diretta del farmaco sulla capacità di guidare e di usare macchine che può tuttavia essere ridotta in rari casi di effetti indesiderati di tipo neurologico.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati di CELESTONE iniettabile sono gli stessi segnalati per altri corticosteroidi e sono correlati sia con il dosaggio che la durata della terapia e, di solito, possono essere risolti o minimizzati con la riduzione della posologia che è in genere preferibile alla sospensione del trattamento.

Cardiovascolari: ipertensione, scompenso cardiaco congestizio.

Alterazioni dell’equilibrio idro-elettrolitico: ritenzione di sodio, perdita di potassio, alcalosi ipokaliemica; ritenzione di liquidi; insufficienza cardiaca nei pazienti suscettibili; ipertensione.

Muscolo-scheletrici: debolezza muscolare, miopatia corticosteroidea, ipotrofia muscolare; peggioramento sintomatologico nella miastenia grave; osteoporosi; fratture della colonna vertebrale da compressione; necrosi asettica della testa del femore e dell’omero; fratture patologiche delle ossa lunghe; rottura di tendini; instabilità articolare (dopo ripetute iniezioni intraarticolari).

Gastrointestinali: ulcera peptica con possibilità di perforazione e di emorragie; pancreatite; distensione addominale; esofagite ulcerativa, singhiozzo.

Dermatologici: difficoltà di guarigione delle ferite; atrofia cutanea con pelle assottigliata e fragile; petecchie ed ecchimosi; eritema facciale; iperidrosi; abolizione della reazione ai test cutanei; reazioni quali dermatite allergica, orticaria, edema angioneurotico.

Neurologici: convulsioni; aumento della pressione intracranica con edema papillare (pseudotumor cerebri), di solito post-trattamento; vertigini; cefalea.

Endocrini: irregolarità mestruali; comparsa di uno stato cushingoide; arresto dello sviluppo intrauterino o della crescita infantile; incapacità di risposta surrenalica e ipofisaria, particolarmente in occasione di stress come traumi, atti chirurgici o malattie; ridotta tolleranza ai carboidrati, evidenziazione di diabete mellito latente, aumentata necessità di insulina o di ipoglicemizzanti orali nei diabetici.

Oftalmici: cataratta subcapsulare posteriore; aumento della pressione intraoculare, glaucoma; esoftalmo.

Metabolici: negatività del bilancio azotato da ipercatabolismo proteico; lipomatosi, anche intestinale o epidurale con possibilità di complicazioni neurologiche; aumento di peso.

Psichiatrici: euforia, oscillazioni dell’umore; depressione grave fino a franche manifestazioni psicotiche; modificazioni della personalità; irritabilità; insonnia.

Altri: reazioni anafilattoidi o di ipersensibilità con ipotensione o reazioni a tipo di shock. Altri effetti indesiderati correlati con terapie corticosteroidee parenterali sono rari casi di cecità associata a trattamenti intralesionali del viso o del capo, iper – o ipopigmentazione, atrofia della cute e del sottocutaneo, ascessi sterili, flogosi post-iniettiva (dopo uso intraarticolare) e artropatia Charcot-simile.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi: il sovradosaggio acuto di glucocorticoidi, betametasone incluso, non comporta situazioni di pericolo di vita. Ad eccezione di dosaggi estremi, un sovradosaggio di corticosteroidi per pochi giorni non ha probabilità di produrre risultati pericolosi in assenza di controindicazioni specifiche come diabete mellito, glaucoma o ulcera peptica attiva o di trattamento concomitante con farmaci tipo digitale, cumarinici, o diuretici che provocano deplezione di potassio.

Trattamento: le complicazioni derivanti dagli effetti metabolici del corticosteroide o dagli effetti deleteri di malattie di fondo o concomitanti o risultanti da interazioni farmacologiche vanno trattate come appropriato.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Corticosteroidi sistemici, glicocorticoidi; Codice ATC: H02AB01.

Il betametasone è un analogo sintetico dei glucocorticoidi naturali.

L’esatto meccanismo di azione dei corticosteroidi non è completamente chiarito. A dosi farmacologiche i glucocorticoidi naturali e i loro analoghi sintetici, come il betametasone, si usano principalmente per l’effetto antinfiammatorio e/o immunodepressivo.

Il betametasone possiede elevata attività glucocorticosteroidea. Nel ratto il betametasone alcool ha presentato attività antinfiammatoria e timolitica rispettivamente 2,5 e 4 volte superiori a quelle del prednisolone.

I glucocorticoidi come il betametasone causano svariati e intensi effetti metabolici e modificano la risposta immunitaria dell’organismo a diversi stimoli.

L’attività diuretica del betametasone è risultata superiore a quella del prednisolone, in riferimento alla escrezione di acqua, sodio e potassio.

Gli studi nell’uomo indicano che l’attività glucocorticosteroidea del betametasone è 10-15 volte maggiore di quella del prednisone.

Il betametasone non ha una significativa attività mineralcorticoide e pertanto non è adatto da solo al trattamento delle malattie con insufficienza surrenalica.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Gli analoghi sintetici degli steroidi surrenalici, come il betametasone fosfato disodico, sono assorbiti dalla sede di iniezione e producono effetti terapeutici locali e sistemici, oltre ad altri effetti farmacologici. Nell’organismo il betametasone fosfato disodico è idrolizzato nella forma biologicamente attiva di betametasone alcool.

Con betametasone fosfato disodico marcato per iniezione IM, il picco ematico è stato raggiunto in 60 minuti. L’escrezione del corticosteroide è risultata pressochè completa nel primo giomo; pochissima radioattività è stata escreta nel secondo giomo.

Come altri glucocorticoidi, il betametasone è metabolizzato nel fegato ed ha una struttura chimica abbastanza significativamente diversa da quelle dei corticosteroidi naturali da avere un diverso metabolismo. L’emivita plasmatica del betametasone dopo somministrazione orale o parenterale è ≥ 300 minuti, mentre quella dell’idrocortisone è di circa 90 minuti. Nei pazienti con malattie epatiche la clearance del betametasone è risultata più lenta che nei soggetti normali.

I valori biologicamente efficaci dei corticosteroidi sono più correlati alla quota non legata alle proteine che alla loro concentrazione plasmatica totale. In uno studio sul legame del betametasone e dell’idrocortisone alle proteine plasmatiche, il betametasone è risultato legato in quantità apprezzabile (mediamente del 62,5%). Tuttavia l’idrocortisone, ai livelli plasmatici normali, era legato per l’89%. Il betametasone si lega principalmente all’albumina e a concentrazioni 100 volte superiori a quelle dell’idrocortisone non ne modifica il legame alle proteine.

Non è stata dimostrata una specifica correlazione fra concentrazioni plasmatiche di corticosteroidi ed effetto terapeutico, perchè gli effetti farmacodinamici dei corticosteroidi persistono in genere oltre la durata di valori plasmatici misurabili.

Per somministrazione parenterale mentre l’emivita plasmatica del betametasone è ≥ 300 minuti, l’attività biologica è di 36-54 ore. Ad esclusione delle terapie sostitutive, le dosi efficaci e sicure dei corticosteroidi sono state determinate essenzialmente con lavori clinici empirici.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicità acuta: dagli studi effettuati in topi, ratti e cani non sono emerse differenze significative fra le diverse specie.

Nel ratto e nel topo la DL50 del betametasone fosfato disodico è risultata simile (circa 900 mg/kg) dopo somministrazione endovenosa, intramuscolare o intraperitoneale.

Nel topo il farmaco è risultato meno tossico per via orale (DL50 = 1460 mg/kg). Nei roditori la sintomatologia era costituita da ridotta attività, ptosi, polidipsia, poliuria e debolezza muscolare.

Il cane è sopravvissuto a dosi equivalenti a 100 mg/kg di betametasone alcool. Nella settimana successiva alla somministrazione erano presenti polidipsia, poliuria e distensione addominale.

I cuccioli non hanno evidenziato effetti collaterali dopo iniezione singola E.V. di 0,5 mg/kg.

Mutagenesi, effetti sulla fertilità: col betametasone non sono state effettuate prove di mutagenesi che però sono risultate negative con prednisolone.

Negli studi di tossicità cronica nel cane, alte dosi di betametasone per os hanno impedito la comparsa ciclica dell’estro.

Nei ratti accoppiati dopo somministrazione orale di betametasone si è osservata diminuzione della fertilità sia nei maschi che nelle femmine.

Gravidanza: il betametasone fosfato disodico si è dimostrato teratogeno nel ratto e nel coniglio per somministrazione parenterale di dosi pari o doppie di quelle umane. La malformazione predominante era costituita da palatoschisi che è del resto un ben noto effetto dei corticosteroidi in numerose specie animali.

Nel ratto e nel coniglio il betametasone fosfato disodico è risultato embriocida a dosi fra quattro e otto volte la dose umana.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Sodio edetato;

sodio fosfato;

acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono noti fenomeni di incompatibilità.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Nessuna.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Fiala di vetro incolore

Un astuccio contiene 5 fiale.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Iniettare profondamente nelle grandi masse muscolari, rispettando le procedure della più stretta asepsi.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

SCHERING-PLOUGH S.P.A.

Via G. Ripamonti, 89

20141 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 019644032

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

5 fiale 1965

Rinnovo: giugno 2005.

10.0 Data di revisione del testo

Indice

-----

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice