Bisoprololo Doc generici: Scheda Tecnica del Farmaco

Bisoprololo Doc generici

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Bisoprololo Doc generici: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Bisoprololo Doc generici: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

BISOPROLOLO DOC GENERICI

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ciascuna compressa contiene 10 mg di Bisoprololo emifumarato, equivalente a 8,49 mg di bisoprololo.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa rivestita con film.

La compressa giallo arancio, rotonda, biconvessa, presenta una linea di divisione incisa su entrambi i lati e la scritta “BSL10” stampata su un solo lato.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Ipertensione.

– Angina pectoris stabile cronica.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Le compresse di BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg si somministrano per via orale.

Il dosaggio va regolato individualmente. Si raccomanda di iniziare con la dose più bassa possibile. Per alcuni pazienti, potrebbe essere sufficiente una dose giornaliera di 5 mg. La dose standard è di 10 mg una volta al giomo con una dose massima raccomandata di 20 mg al giomo.

Le compresse vanno assunte la mattina. Vanno ingerite con un liquido e non devono essere masticate.

Uso nei pazienti con insufficienza renale:

Nei pazienti con insufficienza renale grave (clearance della creatinina < 20 ml/min), la dose non deve superare i 10 mg giornalieri. Tale dosaggio può essere eventualmente diviso in due dosi.

Uso nei pazienti con insufficienza epatica grave:

Non è necessario regolare il dosaggio tuttavia si consiglia un attento monitoraggio.

Uso negli anziani:

Normalmente non è necessario regolare il dosaggio. Si raccomanda di iniziare con la dose più bassa possibile.

Uso nei bambini di età inferiore ai 12 anni e negli adolescenti:

Non esistono dati sperimentali sull’uso del medicinale nei bambini pertanto non può essere raccomandato.

Interruzione della terapia:

La terapia non va interrotta improvvisamente (vedere paragrafo 4.4 Avvertenze speciali e precauzioni di impiego). Il dosaggio deve essere diminuito gradualmente dimezzando la dose ad intervalli settimanali.

04.3 Controindicazioni

Indice

– Insufficienza cardiaca acuta o durante episodi di scompenso cardiaco richiedenti una terapia inotropica endovenosa

– Blocco AV di secondo o terzo grado (senza pacemaker)

– Malattia senoatriale

– Blocco senoatriale

– Bradicardia con ritmo cardiaco inferiore ai 60 battiti/min prima dell’inizio della terapia

– Ipotensione (pressione sistolica inferiore ai 100 mm Hg)

– Asma bronchiale grave o pneumopatia cronica ostruttiva grave

– Fase avanzata della malattia occlusiva arteriosa periferica e della sindrome di Raynaud

– Acidosi metabolica

– Ipersensibilità al bisoprololo o a uno qualsiasi degli eccipienti elencati

Feocromocitoma non trattato (vedere anche paragrafo 4.4)

– Associazioni con floctafenina e sultopride (vedere anche paragrafo 4.5)

– Shock cardiogeno

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Altre formulazioni di medicinali contenenti bisoprololo vengono impiegate nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica. Relativamente a questa indicazione l’impiego degli agenti β-bloccanti richiede un approccio molto cauto e deve iniziare con una fase di titolazione molto ben controllata. In questa fase sono necessari degli aumenti che, con l’attuale medicinale, non sono tutti realizzabili. Di conseguenza, il prodotto non deve essere impiegato nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica.

L’associazione con amiodarone va impiegata con cautela dato il rischio di disturbi della contrattilità, dell’automatismo e della conduzione (soppressione delle reazioni simpatiche compensatorie).

Si sconsiglia l’associazione di bisoprololo con antagonisti del calcio quali verapamil e diltiazem, e con i farmaci antiipertensivi ad azione centrale (vedere anche paragrafo 4.5).

Il bisoprololo deve essere usato con cautela in caso di:

– broncospasmo (asma bronchiale, malattia ostruttiva delle vie aeree): nell’asma bronchiale o in altre malattie ostruttive croniche delle vie aeree, potenzialmente sintomatiche, il paziente va sottoposto a terapia broncodilatatoria concomitante. In rari casi può verificarsi un aumento della resistenza a livello delle vie aeree nei pazienti asmatici, e quindi può rendersi necessario un aumento della dose dei β2-stimolanti. Prima di iniziare il trattamento si raccomanda un test respiratorio funzionale.

– Terapia concomitante con anestetici: attenuazione della tachicardia di riflesso e aumento del rischio di ipotensione (vedere anche paragrafo 4.5). Il β-blocco prolungato riduce il rischio di aritmia durante l’induzione e l’intubazione. L’anestesista deve essere informato quando il paziente riceve il bisoprololo.

– Mezzi di contrasto iodati: i beta-bloccanti possono impedire le reazioni cardiovascolari compensatorie associate a ipotensione o shock indotte dai prodotti di contrasto iodati.

– Diabete mellito con oscillazioni significative dei valori glicemici; possono mascherarsi i sintomi dell’ipoglicemia. Occorre monitorare i livelli glicemici durante il trattamento con bisoprololo.

– Tireotossicosi, possono mascherarsi sintomi adrenergici.

– Digiuno forzato.

– Terapia desensibilizzante in corso.

– Terapia concomitante con farmaci anticolinesterasici (tacrina compresa): è possibile un aumento del tempo di conduzione AV e/o della bradicardia (vedere anche paragrafo 4.5).

– Come con altri agenti β-bloccanti, il bisoprololo può aumentare sia la sensibilità verso gli allergeni sia la gravità delle reazioni anafilattiche. La terapia con adrenalina non sempre dà l’effetto terapeutico auspicato. Potrebbe essere necessario somministrare dosi più elevate di epinefrina (adrenalina).

-Blocco AV di primo grado.

– Disturbi della circolazione periferica, quali fenomeno di Raynaud e claudicazione intermittente: possono intensificarsi i sintomi soprattutto all’inizio della terapia.

– Nei pazienti affetti da feocromocitoma (vedere paragrafo 4.3), il bisoprololo può essere somministrato solo dopo il blocco del recettore a.

Psoriasi pregressa o in atto, il bisoprololo deve essere somministrato solo dopo un’attenta valutazione del rischio/beneficio.

– Angina di Printzmetal: gli agenti β-bloccanti possono aumentare il numero e la durata degli attacchi di angina nei pazienti affetti da angina di Printzmetal. E’ possibile l’impiego di agenti adrenocettori bloccanti β-1-selettivi nelle forme lievi e solo in associazione con un agente vasodilatatore.

All’inizio del trattamento con bisoprololo si richiede un monitoraggio regolare, soprattutto negli anziani. La terapia con bisoprololo non va interrotta bruscamente a meno che non venga espressamente indicato. Nei pazienti affetti da cardiopatia ischemica esiste il rischio di infarto miocardico e morte improvvisa se l’interruzione avviene in modo brusco. Per ulteriori informazioni, vedere paragrafo 4.2 Posologia e modo di somministrazione

Il medicinale contiene un principio attivo che risulta positivo ai controlli anti-doping.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Associazioni controindicate

– Floctafenina: i β-bloccanti possono impedire le reazioni cardiovascolari compensatorie associate a ipotensione o shock da floctafenina

– Sultopride: il bisoprololo non deve essere somministrato in concomitanza con sultopride in quanto aumenta il rischio di aritmia ventricolare

Associazioni non raccomandate

– calcio antagonisti (verapamil, diltiazem, bepridil): influenzano negativamente la contrattilità, la conduzione atrioventricolare e la pressione sanguigna (vedere anche paragrafo 4.4).

– Clonidina e altri farmaci antiipertensivi ad azione centrale, cioè metildopa, guanfacina, moxonidina, rilmenidina: Aumento del rischio dell’ipertensione di rimbalzo nonché un’eccessiva riduzione del ritmo cardiaco e della conduzione cardiaca, compreso un peggioramento dell’insufficienza cardiaca.

– Inibitori della monoaminoossidasi (tranne inibitori MAO-B): Oltre a un aumento dell’effetto ipotensivo dei beta-bloccanti vi è il rischio di crisi ipertensiva.

Associazioni farmaceutiche da somministrare con cautela

– Farmaci antiaritmici di classe I (ad es. disopiramide, chinidina): l’effetto sul tempo di conduzione atrioventicolare potrebbe essere potenziato come pure potrebbe aumentare l’effetto inotropico negativo. (Si richiede uno stretto monitoraggio clinico e ECG).

– calcio antagonisti (derivati della diidropiridina): aumento del rischio di ipotensione. Nei pazienti con insufficienza cardiaca latente, l’impiego concomitante degli agenti β-bloccanti può provocare un’insufficienza cardiaca.

– I farmaci anticolinesterasici (tacrina compresa): possibile aumento del tempo di conduzione atrioventricolare e/o bradicardia (vedere anche paragrafo 4.4).

– Altri agenti β-bloccanti, comprese le gocce oftalmiche, hanno effetti additivi.

– Insulina e farmaci antidiabetici orali: intensificazione dell’effetto ipoglicemico. Il blocco del β-adrenocettore può mascherare la sintomatologia ipoglicemica.

– Glicosidi digitalici: riduzione del ritmo cardiaco, aumento del tempo di conduzione atrioventricolare.

– Agenti anestetici: attenuazione della tachicardia di riflesso e aumento del rischio di ipotensione (per ulteriori informazioni riguardanti l’anestesia, vedere anche paragrafo 4.4).

– FANS: riduzione dell’effetto antiipertensivo (inibizione della prostaglandina ad azione vasodilatatoria da parte dei FANS e ritenzione idrica e sodica con il FANS pirazolone).

– Derivati dell’ergotamina: esacerbazione dei disturbi circolatori periferici.

– Agenti beta-simpatomimetici (ad es. Isoprenalina, dobutamina): l’associazione con bisoprololo può ridurre gli effetti di entrambi gli agenti.

– Antidepressivi triciclici, barbiturici, fenotiazine e altri agenti antiipertensivi: aumento dell’effetto ipotensivo.

– Baclofen: aumento dell’attività antiipertensiva.

– Amifostina: aumento dell’attività ipotensiva.

– Farmaci antiaritmici di classe III (ad es. amiodarone): possibile potenziamento dell’effetto sul tempo di conduzione atriale (vedere paragrafo 4.4).

Associazioni da valutare

– Meflochina: aumento del rischio di bradicardia.

– Corticosteroidi: riduzione dell’effetto antiipertensivo dovuta a ritenzione idrica e sodica.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Uso durante la gravidanza:

Il bisoprololo possiede proprietà farmacologiche potenzialmente nocive sulla gravidanza e/o sul feto/neonato. In generale, gli agenti β-adrenocettori bloccanti riducono la perfusione placentare, associata a ritardi della crescita, morte intrauterina, aborto o parto anticipato. Reazioni avverse (ad es. ipoglicemia, bradicardia) possono verificarsi nel feto e nel neonato. Qualora sia necessario ricorrere ad agenti β-adrenocettori bloccanti, è preferibile la terapia con i β1-adrenocettori bloccanti.

Il bisoprololo non va somministrato durante la gravidanza a meno che non sia strettamente necessario. In tal caso, occorre monitorare il flusso ematico uteroplacentare e la crescita del feto. In caso di effetti nocivi sulla gravidanza o sul feto, è necessario considerare una terapia alternativa. Il neonato deve essere sottoposto ad un attento monitoraggio. Sintomi di ipoglicemia e bradicardia sono generalmente previsti entro i primi 3 giorni.

Uso durante l’allattamento

Non è noto se il bisoprololo viene secreto nel latte materno. Pertanto l’allattamento durante la somministrazione del bisoprololo non è raccomandato.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

In uno studio condotto su pazienti affetti da malattia coronarica, la somministrazione di bisoprololo non ha influenzato negativamente la capacità di guidare. Tuttavia, tenendo conto delle variazioni individuali circa le reazioni al medicinale, non si esclude un effetto negativo sulle capacità di guidare un veicolo o utilizzare un macchinario. Occorre quindi procedere con cautela soprattutto all’inizio della terapia e a un cambio di farmaco, nonché quando si fa uso di bevande alcoliche.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati riportati sono generalmente attribuibili alle proprietà farmacologiche degli agenti β-bloccanti.

I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati durante il trattamento con bisoprololo con le seguenti frequenze:

comuni (>1/100, ≤ 1/10),

non comuni (>1/1.000, ≤ 1/100),

rari (>1/10.000, ≤ 1/1.000),

molto rari (≤1/10.000) comprese le segnalazioni isolate

Patologie del sistema nervoso

Comuni: Stanchezza, spossatezza, capogiro, mal di testa (soprattutto all’inizio della terapia, di solito sono di natura lieve e si risolvono spontaneamente entro 1-2 settimane)

Patologie vascolari

Comuni: Senso di freddo o intorpidimento degli arti, malattia di Raynaud, accentuazione di una preesistente claudicazione intermittente

Non comuni: ipotensione ortostatica

Patologie gastrointestinaliComuni: Nausea, vomito, diarrea, dolori addominali e costipazione.

Disturbi psichiatrici

Non comuni: Disturbi del sonno, depressione

Rari: Incubi, allucinazioni

Patologie cardiache

Non comuni: Bradicardia, disturbi dello stimolo AV (rallentamento della conduzione AV o aumento di un blocco AV preesistente), aggravamento dell’insufficienza cardiaca

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Non comuni: Broncospasmo in pazienti con asma bronchiale o anamnesi di malattia ostruttiva delle vie aeree

Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo

Non comuni: Debolezza muscolare e crampi, artropatia

Patologie dell’orecchio e del labirinto

Rari: Indebolimento dell’udito

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Rari: Reazioni di ipersensibilità (prurito, arrossamento, rash)

Molto rari: Gli agenti β-bloccanti possono provocare o esacerbare la psoriasi o causare rash di tipo psoriasico, alopecia

Patologie dell’occhio

Rari: Riduzione della lacrimazione (da considerare se il paziente è portatore di lenti a contatto)

Molto rari: Congiuntivite

Patologie epatobiliari

Rari: Aumento degli enzimi epatici (ALAT, ASAT), epatite

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Rari: Aumento dei trigliceridi, ipoglicemia

Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella

Rari: Disturbi della potenza

Disturbi del sistema immunitario

Rari: comparsa di anticorpi antinucleari con sintomatologia clinica eccezionale, ad esempio lupus eritematoso, che si risolve con l’interruzione della terapia, rinite allergica.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi e trattamento in caso di sovradosaggio

I sintomi più comuni del sovradosaggio di bisoprololo sono bradicardia, ipotensione, broncospasmo, insufficienza cardiaca acuta, disturbi della conduzione e ipoglicemia.

In caso di sovradosaggio, deve essere interrotta la terapia con bisoprololo e iniziata una terapia sintomatica e di supporto. Occorre evitare il riassorbimento del bisoprololo nel tratto gastrointestinale; si può ricorrere alla lavanda gastrica o alla somministrazione di agenti adsorbenti (cioè carbone attivo), e di un agente lassativo (cioè il solfato di sodio). Occorre monitorare la respirazione e, se necessario, iniziare la respirazione artificiale. Il broncospasmo va contrastato con una terapia a base di broncodilatatori quali isoprenalina o farmaci β2-simpatomimetici. Eventuali complicanze cardiovascolari devono essere trattate sintomaticamente: il blocco AV (di secondo o terzo grado) va attentamente monitorato e trattato mediante infusione di isoprenalina o inserimento transvenoso di un pacemaker cardiaco. La bradicardia deve essere trattata con atropina endovenosa (oppure M-metil-atropina). Un eventuale calo di pressione o shock vanno trattati con succedanei plasmatici e vasopressori.

L’ipoglicemia può essere trattata con glucosio per via endovenosa.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica

Agenti β1-bloccanti selettivi, codice ATC: C07 AB07

Meccanismo d’azione

Il Bisoprololo è un potente agente adrenocettore bloccante, altamente β1-selettivo, privo di attività simpatomimetica intrinseca. Come per altri β-bloccanti, non è chiaro il meccanismo d’azione nell’ipertensione. Tuttavia, è noto il fatto che il bisoprololo deprime l’attività della renina plasmatica.

Nei pazienti affetti da angina, il blocco dei β-recettori riduce l’attività cardiaca e quindi riduce la richiesta di ossigeno.

Il Bisoprololo possiede proprietà anestetiche locali analoghe al propanololo.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Il Bisoprololo viene assorbito quasi totalmente dal tratto gastrointestinale. Questo determina, assieme a un effetto minimo di primo passaggio nel fegato, un’elevata biodisponibilità pari a circa il 90%. Il legame proteico plasmatico del bisoprololo è di circa il 30%. Il volume di distribuzione è di 3,5 l/kg. La clearance totale è di circa 15 l/h.

L’emivita di eliminazione plasmatica (10-12 ore) assicura un’efficacia di 24 ore dopo una somministrazione unica giornaliera.

Il bisoprololo viene eliminato dall’organismo attraverso due vie, il 50% viene metabolizzato dal fegato in metaboliti inattivi, i quali vengono poi eliminati dai reni. Il rimanente 50% viene eliminato dai reni in forma non metabolizzata. Poiché il farmaco viene eliminato in ugual misura nei reni e nel fegato, non è necessario regolare il dosaggio nei pazienti con ridotta funzionalità epatica o insufficienza renale.

La cinetica del bisoprololo è lineare e indipendente dall’età.

Nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca cronica (NYHA di fase III), i livelli plasmatici di bisoprololo sono superiori e l’emivita è più lunga rispetto ai volontari sani. La concentrazione plasmatica massima allo steady state è di 64 ± 21 ng/ml al dosaggio giornaliero di 10 mg e l’emivita è di 17 ± 5 ore.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati preclinici non rivelano particolari rischi per l’uomo in base agli studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità per dosi ripetute, genotossicità e potenziale cancerogeno. Come altri agenti β-bloccanti, il bisoprololo ha causato, a dosi elevate, effetti tossici sulla madre (riduzione del consumo alimentare e calo ponderale) e sull’embrione o feto (aumento dell’incidenza dei riassorbimenti, calo di peso alla nascita, ritardo dello sviluppo fisico) ma non è risultato teratogeno.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo della compressa

Cellulosa microcristallina

Calcio fosfato dibasico

Amido di mais pregelatinizzato

Crospovidone

Silice colloidale anidra

Magnesio stearato

Rivestimento della compressa

Ipromellosa

Macrogol 400

Titanio diossido (E171)

Ferro ossido giallo (E172)

Ferro ossido rosso (E172)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non conservare a temperature superiori ai 25 °C.

Conservare nel contenitore originario

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Astucci in cartone contenenti 2, 3, 5, 6 o 10 blister in PVC/PE/PVDC/Al da 10 compresse o blister in PVC/PE/PVDC/Al contenuti in bustine di Al contenenti ciascuna 10 compresse.

Astucci in cartone contenenti 1, 2 o 4 blister in PVC/PE/PVDC/Al da 14 compresse o blister in PVC/PE/PVDC/Al all’interno di bustine di Al contenenti ciascuna 14 compresse.

Astucci in cartone contenenti 50 compresse in blister EAV (PVC/PE/PVDC/Al).

E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

DOC Generici Srl

Via Manuzio 7

20124 Milano

Italia

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 20 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617204/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 30 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617216/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 50 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617228/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 60 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617230/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 100 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617242/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 14 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617255/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 28 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617267/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 56 compresse rivestite con film in blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617279/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 20 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617281/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 30 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617293/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 50 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617305/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 60 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617317/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 100 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617329/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 14 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617331/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 28 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617343/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 56 compresse rivestite con film blister PVC/PE/PVDC/AL in bustina di AL – AIC n 037617356/M

BISOPROLOLO DOC Generici 10 mg, 50 compresse rivestite con film in EAV blister PVC/PE/PVDC/AL – AIC n 037617382/M

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Maggio 2007

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Giugno 2009

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice