Betabiotic Cpr: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Betabiotic Cpr

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Betabiotic Cpr: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Betabiotic Cpr: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

BETABIOTIC compresse

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

BETABIOTIC 1000 mg compresse

Ogni compressa contiene:

Principio attivo: Flucloxacillina sodica monoidrata 1088 mg, equivalente a Flucloxacillina acido anidro 1000 mg

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse per uso orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Tutte le infezioni, a carico dei vari organi e apparati, sostenute da germi sensibili alla flucloxacillina. La flucloxacillina, esercitando una azione di blocco sulle beta-lattamasi, potenzia l’azione di altre penicilline semisintetiche ad ampio spettro d’azione, quali l’amoxicillina, l’ampicillina, etc..

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

BETABIOTIC compresse

Adulti: 1 compressa ogni 6-8 ore, secondo giudizio medico.

Bambini (8-14 anni): ½ compressa ogni 6-8 ore, secondo giudizio medico.

E’ preferibile assumere BETABIOTIC mezz’ora prima dei pasti perché la presenza di cibo nello stomaco riduce l’assorbimento del farmaco.

In caso di gravi disturbi gastro-intestinali con vomito e/o diarrea, non è garantito un sufficiente assorbimento delle compresse e capsule di BETABIOTIC. Conviene, quindi, considerare il ricorso alla somministrazione parenterale di BETABIOTIC.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità verso la flucloxacillina o altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico, in particolare penicilline e cefalosporine. Ipersensibilità verso altri componenti del prodotto. Generalmente controindicato in gravidanza (vedere anche Gravidanza e allattamento).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

L’impiego di antibatterici ad alte dosi per brevi periodi di tempo nel trattamento della gonorrea può mascherare i sintomi di un’infezione luetica in incubazione. In tal caso è opportuno sottoporre il paziente anche ad analisi per diagnosticare la lue.

L’impiego prolungato di penicilline, così come di altri antibiotici, può favorire lo sviluppo di microrganismi non sensibili (incluso funghi), che richiede l’adozione di adeguate misure terapeutiche.

Il manifestarsi di diarree gravi e prolungate è messo in relazione con l’impiego di diverse classi di antibiotici. In tale evenienza si deve considerare la possibilità di colite pseudomembranosa. Nel caso che l’indagine coloscopica ne confermi la diagnosi, l’antibiotico in uso deve essere immediatamente sospeso e si deve instaurare un trattamento con vancomicina per via orale. I farmaci inibitori della peristalsi sono in questi casi controindicati.

Il trattamento con penicilline può determinare false positività del test di Coombs e di quelli per la glicosuria (reattivo di Fehling, di Benedict e Clintest).

Esiste la possibilità di allergia crociata con le cefalosporine ed altri antibiotici beta-lattamici. Pertanto, prima di iniziare il trattamento con BETABIOTIC, si consiglia di accertare l’esistenza di eventuali precedenti di reazioni di ipersensibilità alle penicilline, alle cefalosporine o ad altre sostanze in grado di causare allergia, in particolare da farmaci. In caso di reazione allergica si deve interrompere il trattamento ed istituire una terapia idonea. L’insorgere di anafilassi, in particolare, richiede l’adozione di opportune misure di emergenza (adrenalina, corticosteroidi, antistaminici).

La somministrazione di flucloxacillina sodica può dar luogo, talora, a disturbi elettrolitici (ipernatrenia), specialmente in presenza di insufficienza cardiaca e/o renale.

Insufficienza renale: l’eliminazione della flucloxacillina è ritardata in presenza di insufficienza renale. Si raccomanda pertanto, nei pazienti anurici o in quelli con insufficienza renale grave (clearance della creatinina inferiore a 10 ml/minuto), una dose massima di 2 g nelle 24 ore in un’unica somministrazione.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Il probenicid riduce l’eliminazione renale della flucloxacillina; pertanto, la contemporanea somministrazione di BETABIOTIC con probenecid, determina un aumento persistente dei livelli di BETABIOTIC nel sangue;

la somministrazione di BETABIOTIC, come per le altre penicilline, può diminuire l’efficacia degli anticoncezionali orali;

l’associazione di flucloxacillina con aminoglicosidi può dar luogo ad effetti sinergici.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza: sebbene gli studi sulla riproduzione condotti sugli animali non abbiano dimostrato alcun effetto di tossicità fetale, il rischio di effetti dannosi per il feto stesso a seguito di somministrazione di flucloxacillina non può essere escluso; pertanto, l’uso di BETABIOTIC in gravidanza è da riservarsi al giudizio del medico in casi di effettiva necessità.

Allattamento: poiché BETABIOTIC passa nel latte materno, per le pazienti che allattano occorre decidere se rinunciare a nutrire al seno il lattante ed iniziare il trattamento o, viceversa, proseguire l’allattamento evitando la somministrazione del medicinale.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non sono stati segnalati in letteratura effetti di BETABIOTIC limitanti la capacità di guida o di impiego di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Reazioni da ipersensibilità: gli eventuali effetti indesiderati osservati con l’impiego delle penicilline in genere sono essenzialmente rappresentati da fenomeni di ipersensibilità, più frequentemente eruzioni cutanee quali eritema multiforme, orticaria, esantema maculo-papuloso o morbilliforme, prurito. In casi eccezionali, di norma a seguito di somministrazione parenterale, possono verificarsi reazioni anafilattiche, talora gravi. In tali casi il trattamento va interrotto e si devono instaurare le opportune misure di emergenza (vedere anche Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso). L’insorgenza di tali effetti indesiderati è più frequente in soggetti con una storia di ipersensibilità verso allergeni multipli, di asma, febbre da fieno ed orticaria.

Più raramente possono essere osservati altri effetti indesiderati:

Apparato gastro-intestinale: glossite, stomatite, nausea, vomito, diarrea, dolore epigastrico, flatulenza, anoressia. L’eventuale comparsa di diarree gravi e prolungate, seppure rara, deve far pensare ad una possibile insorgenza di colite pseudomebranosa (vedere anche Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso).

Fegato: rari casi di epatite, ittero colestatico, talora ad insorgenza tardiva e decorso prolungato. Osservati aumenti transitori delle transaminasi, lattico-deidrogenasi e fosfatasi alcalina.

Apparato emolinfopoietico: eosinofilia, neutropenia, agranulocitosi, piastrinopenia ed anemia, talora emolitica. Di norma reversibili con l’interruzione del trattamento, anche queste manifestazioni sono state considerate espressioni di ipersensibilità, talora su base autoimmune (neutropenia, anemia emolitica). La neutropenia è stata più frequentemente osservata in pazienti trattati con antibiotici beta-lattamici ad alti dosaggi e per periodi di tempo prolungati (oltre 10 giorni). La comparsa di febbre, accompagnata da rash ed eosinofilia, costituisce segnale d’allarme. Si raccomandano, pertanto, frequenti controlli della conta leucocitaria durante trattamenti di lunga durata con dosaggi elevati.

Rene: raramente, aumenti dell’azotemia e della creatinina serica; descritti casi isolati di nefrite interstiziale;

Sistema nervoso centrale: eccezionalmente, in corso di trattamenti con antibiotici beta-lattamici a dosaggi elevati in pazienti con insufficienza renale, è stata osservata encefalopatia metabolica.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono note in letteratura segnalazioni di effetti tossici da iperdosaggio di flucloxacillina. Come per altre penicilline, possibili manifestazioni da un sovradosaggio comprendono, oltre a disturbi gastrointestinali, alterazione dell’equilibrio idro-elettrolitico, che richiedono un trattamento sintomatico (monitoraggio dell’equilibrio idro-elettrolitico). Sono possibili anche irritabilità neuromuscolare e convulsioni.

La flucloxacillina non è dializzabile.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Gruppo farmaco-terapeutico: antibiotico beta-lattamasi resistente.

Meccanismo di azione: la flucloxacillina è un antibiotico che non è inattivato dalle penicillinasi e che agisce sulla sintesi delle pareti dalle cellule batteriche. A posologia sufficientemente elevata esso esercita un’azione battericida. La flucloxacillina agisce unicamente su germi in fase di moltiplicazione provocando la loro lisi. La flucloxacillina è resistente agli acidi può essere quindi ben somministrata sia per via orale, sia per via parenterale e raggiunge concentrazioni elevate nel siero, nei tessuti dell’organismo, nell’espettorato e nelle urine.

Spettro d’azione: i germi sui quali generalmente la flucloxacillina è attiva fanno parte principalmente delle specie di seguito elencate:

Germi Concentrazioni inibitrice minimale

rappresentativa (mcg/ml)

Staphylococcus aureus 0.1 – 0.25

Staphylococcus aureus,

ceppi formatori di beta-lattamasi 0.25-0.50

Staphylococcus epidermidis 0.25 – 2.0 (diam. 0.80)

Streptococcus pyogenes (gruppo A) 0.10

Streptococcus pneumonite 0.25

Streptococcus viridans 0.50

Bacillus anthracis 0.50

Clostridium tetani 0.50

Clostridium welchii 0.25

Neisseria meningitidis 0.10

Neisseria gonorrhoeae 0.10

Neisseria gonorrhoeae, ceppi formatori

di beta-lattamasi 2.50

Pertanto BETABIOTIC trova la sua ottimale indicazione nel trattamento delle infezioni dovute a germi gram-positivi (compresi gli stafilococchi penicillino-resistenti) ed a Neisseria sensibile alla flucloxacillina, e cioè nelle:

Infezioni ORL;

Infezioni delle vie respiratorie;

Infezioni delle vie urinarie;

Ferite infette;

Infezioni cutanee (foruncoli, carbonchio, altre piodermiti, acne infetta);

Flemmoni del pavimento della bocca;

Osteomielite;

Meningite;

Endocardite;

Setticemie;

Sovrainfezioni da stafilococchi.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento: la flucloxacillina è resistente agli acidi e può essere per questo somministrata sia per via orale che parenterale. La flucloxacillina è ben assorbita dopo somministrazione orale (circa il 55% della dose). Al fine di ottenere un assorbimento massimale si raccomanda di assumere le forme orali di BETABIOTIC mezz’ora prima dei pasti.

Distribuzione: dopo somministrazione di una dose orale di 500 mg si ottengono concentrazioni sieriche massimali di 15 mcg/ml; il Tmax è di 40-90 minuti. Un’ora dopo la somministrazione endovenosa di una dose unica di 2 g, le concentrazioni sieriche si elevano a circa 100 mcg/ml. Dopo somministrazione endovenosa, le concentrazioni iniziali, molto elevate, si abbassano rapidamente per raggiungere valori inferiori alle concentrazioni plasmatiche efficaci sul piano terapeutico approssimativamente nelle 4 ore. Il legame alle proteine plasmatiche è del 94%.

La flucloxacillina attraversa la placenta e passa nel latte materno. BETABIOTIC presenta una buona diffusione tissutale. Tuttavia non passa che debolmente nel liquido cefalorachidiano se le meningi non sono infiammate, e non si raggiungono concentrazioni efficaci sul piano microbiologico.

Metabolismo ed eliminazione: l’emivita di eliminazione della flucloxacillina è di circa 53 minuti. La flucloxacillina viene principalmente eliminata per via renale. Nelle prime 8 ore, dopo somministrazione per os, nelle urine si ritrova il 55% (35% – 76%) e, dopo somministrazione parenterale (e.v.), 76,1% della dose somministrata sottoforma di prodotto. Si evidenziano, inoltre, nelle urine un metabolita attivo sul piano antibatterico; la 5-idrossimetil-flucloxacillina (questo metabolita può contribuire per circa il 10% all’attività del prodotto), e degli acidi penicilloici inattivi della penicillina e del suo metabolita (all’incirca il 5% del prodotto inattivo). Il tasso di eliminazione totale è dell’80%. Una piccola parte della flucloxacillina viene eliminata dalla bile. La somministrazione simultanea del probenecid riduce l’escrezione renale della flucloxacillina; questo porta ad una elevazione dei tassi plasmatici.

Cinetica in situazioni cliniche particolari: l’escrezione della flucloxacillina è ritardata allorquando esiste un’insufficienza renale. Si raccomanda ai pazienti che presentano una anuria o una insufficienza renale grave (clearance della creatinina inferiore a 10 ml/minuto) una dose massima di 2 g per le 24 ore (in una sola dose) alla volta per le presentazioni orali e parenterali.

Poiché sia nelle emodialisi che nelle dialisi peritoneali non si osserva una diminuzione dei tassi sierici di flucloxacillina, non si deve in questi casi somministrare una dose complementare di BETABIOTIC.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

-----

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

BETABIOTIC compresse:

Ogni compressa contiene: Carbossimetilcellulosa; Polivinilpirrolidone; Magnesio stearato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Vedere Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni in confezionamento integro e correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Da conservare in luogo fresco ed asciutto.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

BETABIOTIC compresse: Blister PVCD/Al termosaldato; n. 12 compresse oblunghe, divisibili.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Da inghiottire tal quale con l’aiuto dell’acqua.

Da utilizzare solo per via orale.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

PLIVA Pharma S.p.A.

Via T. Cremona, 10 – 20092 CInisello Balsamo

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

BETABIOTIC compresse: 028455020

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

8/10/1994 – Rinnovo 2004

10.0 Data di revisione del testo

Indice

10/02/2006

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice