Aminoplasmal 10%: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Aminoplasmal 10%

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Aminoplasmal 10%: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Aminoplasmal 10%: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

AMINOPLASMAL 10%

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

100 ml di soluzione infusionale contengono:

Principi attivi: 10%
L-Isoleucina 0,510 g
L-Leucina 0,890 g
L-Lisina-HCl� 0,700 g
L-Metionina 0,380 g
L-Fenilalanina� 0,510 g
L-Treonina 0,410 g
L-Triptofano� 0,180 g
L-Valina� 0,480 g
L-Arginina� 0,920 g
L-Istidina� 0,520 g
Glicina� 0,790 g
L-Alanina� 1,370 g
L-Prolina 0,890 g
Acido L-Aspartico 0,130 g
L-Asparagina -H2O 0,372 g
Acetilcisteina 0,068 g
Acido L-Glutammico� 0,460 g
L-Ornitina-HCl� 0,320 g
L-Serina� 0,240 g
L-Tirosina 0,030 g
N-Acetil-L-Tirosina 0,123 g
Eccipienti:
Edetato sodico -2 H2O 0,005 g
Acqua p.p.i. q.b. 100� a 100 ml
Contenuto in Cl (mmol/l) 57
Azoto totale (g/l): 16.06
Azotoa-amminico (g/l): 11,4
Valore energetico:
kJ/l ‘ 1675
kcal/l ‘ 400
Osmolarità (mOsm/l) 885

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione per infusione endovenosa, sterile ed apirogena.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Carenze proteiche da insufficiente apporto o da aumentato bisogno proteico quando la nutrizione orale non é possibile oppure é controindicata; sindromi di cattiva assimilazione, soprattutto se associata a malattie del tratto gastroenterico; ustioni; stati postemorragici; cure pre- e postoperatorie per ristabilire l’equilibrio nutritivo degli operati.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Dosaggio:

Le dosi degli amminoacidi da infondere vanno stabilite in base allo stato di nutrizione del paziente. Se non diversamente prescritto, infusione per via endovenosa in ragione di 1-2 g di amminoacidi/kg/die.

Velocità di gocciolamento:

40-60 gtt/min., corrispondenti a 120-180 ml/h.

Attenzione: Usare la soluzione soltanto se é limpida e se é presente il vuoto, pertanto ispezionare ogni flacone prima dell’uso. Capovolgere il flacone e controllare attentamente la soluzione in condizioni ottimali di visibilità per rilevare eventuali particelle o torbidità: controllare che il flacone non presenti incrinature o altri danni. La presenza del vuoto assicura l’integrità del flacone; per verificarlo innestare il raccordo a flacone capovolto o orizzontale. Se non si osserva un vivace gorgogliamento, scartare il flacone.

Durante la somministrazione ricontrollare il flacone almeno una volta ogni ora. Se si notano segni di contaminazione della soluzione oppure se il paziente manifesta febbre o brividi, sospendere immediatamente la somministrazione ed informare il medico.

La via di somministrazione preferenziale é la via venosa centrale mediante catetere a dimora, là dove l’entità dello stato catabolico o della deplezione richiedano una NPT a lungo termine. AMINOPLASMAL 10% può essere comunque infuso per via venosa periferica insieme a glucosata 5-10% e/o ad emulsioni lipidiche nei pazienti moderatamente catabolici o depleti o per periodo di trattamento breve.

La simultaneo infusione di emulsioni lipidiche con soluzioni ipertoniche, come quelle amminoacidiche, ha il vantaggio di ridurre l’osmolarità riducendo il rischio di tromboflebite.

Il flacone di AMINOPLASMAL 10% deve essere utilizzato per una sola infusione e l’eventuale soluzione residua non deve essere riutilizzata.

04.3 Controindicazioni

Indice

Turbe del metabolismo degli amminoacidi, epatopatie in stadio avanzato, insufficienza cardiaca manifesta, iperidratazione, acidosi, iperkaliemia, insufficienza renale con livelli patologici di azoto residuo, nonché nei casi di ipersensibilità ad uno o più amminoacidi, intossicazione da metanolo. Gravidanza (Vedere Uso in gravidanza e allattamento).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

E’ opportuna la somministrazione di elettroliti in funzione di quanto richiesto dalle condizioni del paziente emerse dal quadro clinico.

La somministrazione di amminoacidi o di idrolisati proteici ad un paziente con insufficienza epatica può provocare squilibri degli amminoacidi nel siero, azotemia prerenale, iperammoniemia, stupore e coma.

L’ammoniemia é particolarmente grave nei bambini piccoli, in quanto la sua comparsa nella sindrome causata da difetti metabolici genetici si associa spesso, anche se non necessariamente in rapporto causale, con il ritardo mentale. Questa reazione appare correlata con il dosaggio ed é più probabile che si sviluppi durante trattamenti a lungo termine. E’ essenziale controllare frequentemente i livelli di ammoniaca nel sangue del bambino.

Casi di iperammoniemia tipicamente asintomatica sono stati riportati in pazienti affetti da disfunzioni epatiche latenti. I meccanismi di questa reazione non sono chiaramente definiti, ma possono coinvolgere difetti genetici ed una funzionalità epatica immatura o ridotta a valori subclinici.

Se si presentano sindromi di iperammoniemia, la somministrazione va sospesa e si deve riesaminare lo stato clinico del paziente.

Usare con cautela in pazienti con precedenti anamnestici o allergia verso farmaci o sostanze varie e soltanto se sono prontamente disponibili mezzi adeguati per trattare le manifestazioni allergiche acute. Se si manifesta una reazione allergica sospendere immediatamente l’infusione ed istituire le opportune misure terapeutiche.

Si deve evitare un sovraccarico circolatorio soprattutto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Nei pazienti con infarto del miocardio, l’infusione di amminoacidi va associata al glucosio poiché nell’anossia gli acidi grassi liberi non possono essere utilizzati dal miocardio e l’energia deve essere prodotta anaerobicamente dal glicogeno o dal glucosio. In presenza di una insufficiente funzione renale la somministrazione di amminoacidi può aggravare l’iperazotemia.

Avvertenze

L’uso sicuro ed efficace dell’alimentazione parenterale richiede una conoscenza approfondita dei problemi nutritivi, come pure un’esperienza clinica adeguata delle complicazioni che possono verificarsi.

PER UN CORRETTO CONTROLLO DELL’ALIMENTAZIONE PARENTERALE E’ NECESSARIO ESEGUIRE FREQUENTI VALUTAZIONI CLINICHE E DETERMINAZIONI DI LABORATORIO: queste ricerche di laboratorio dovrebbero comprendere la glicemia, la proteinemia, i test sulla funzionalità epatica e renale, gli elettroliti, l’emogramma, il potere di combinazione della CO2, l’osmolarità serica, l’ammoniemia, eventuali colture ematiche.

Per l’utilizzazione ottimale a fini proteosintetici degli amminoacidi infusi é necessario un apporto calorico di 100-200 kcal/g di azoto. La somministrazione di amminoacidi senza carboidrati può dar luogo ad un accumulo di corpi chetonici. La correzione di tale chetonemia può essere ottenuta con la somministrazione di carboidrati. In caso di impiego di una velocità di infusione troppo alta sono possibili reazioni di intolleranza e perdite renali, con conseguente sbilancio degli amminoacidi.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non iniettare altri farmaci nel raccordo di somministrazione. Per una nutrizione parenterale totale, AMINOPLASMAL 10% é compatibile in appropriata associazione con una soluzione ad apporto calorico o di elettroliti tuttavia é opportuno che vengano mantenute separate le varie soluzioni e, se si decidesse di impiegarle in un’unica concentrazione, é opportuno che preventivamente se ne constati la compatibilità.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Non é stata stabilita la sicurezza d’impiego di AMINOPLASMAL 10% durante la gravidanza.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Nessuno.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati possono includere: cefalea; nausea e vomito, frequentemente dovuti ad una elevata velocità di somministrazione; febbre, non dovuta a presenza di pirogeni nella soluzione ma probabilmente ad una certa azione dinamica specifica degli amminoacidi. Flebiti e flebotrombosi possono verificarsi nella vena usata per l’infusione.

04.9 Sovradosaggio

Indice

In caso di sovradosaggio e di eccessiva velocità di infusione si possono manifestare nausea, brividi, vomito, amminoaciduria con squilibrio amminoacidemico e sovraidratazione. Ai primi sintomi di sovradosaggio, l’infusione deve essere interrotta ed eventualmente ripresa con dosi ridotte ed a velocità contenuta.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

-----

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

-----

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

-----

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

-----

06.2 Incompatibilità

Indice

AMINOPLASMAL, come tutte le soluzioni di amminoacidi per infusione endovenosa, non deve essere utilizzato come soluzione carrier per altre medicazioni. L’aggiunta di farmaci può provocare alterazioni chimico-fisiche della soluzione, con possibilità di reazioni tossiche. Pertanto con queste soluzioni la compatibilità di qualsiasi additivo deve essere controllata prima dell’uso.

06.3 Periodo di validità

Indice

36 mesi.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Da usare solo se il sigillo é integro e la soluzione é limpida. Qualsiasi porzione residua deve essere scartata.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flaconi infusionali di vetro tipo II, chiusi con tappo di elastomero aggraffato con capsula di alluminio.

Confezione: flacone da 500 ml

10 flaconi da 500 ml.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

-----

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

B. Braun Melsungen AG

Carl braun Strasse 1

D-34209 Melsungen (Germania)

Rappresentata in Italia da:

B. Braun Milano S.p.A.

Via Vincenzo da Seregno 14

20161 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 026790067

A.I.C. n. 026790220

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

-----

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/10/2003

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice