Alomen – Ceftezolo: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Alomen

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Alomen: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Alomen: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

ALOMEN

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Un flaconcino di liofilizzato contiene:

Principio attivo: ceftezolo sale sodico g 1,050 pari a ceftezolo g 1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Polvere liofilizzata iniettabile per via intramuscolare.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

ALOMEN è indicato nel trattamento delle forme infettive a diversa localizzazione sostenute da germi sensibili al ceftezolo.

Infezioni delle vie respiratorie: faringotonsilliti, bronchiti acute e croniche, polmoniti, broncopolmoniti, ascessi polmonari.

Infezioni dell’apparato urogenitale: cistiti, pielonefriti, prostatiti, epididimiti, infezioni genitali femminili.

Infezioni dell’apparato tegumentario e dei tessuti molli: impetigine, celluliti, ascessi, ferite infette.

È inoltre indicato nelle setticemie, nelle endocarditi, nella terapia e profilassi delle peritoniti e delle complicanze infettive post-operatorie.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti: in funzione della gravità del quadro clinico, da 2 a 4 g al dì in 2 o 3 somministrazioni per via intramuscolare; in caso di particolare gravità, la posologia potrà essere aumentata secondo il giudizio del medico.

Bambini: in funzione della gravità del quadro clinico, da 50 a 80 mg/kg/die per via intramuscolare, ripartiti in 2-3 somministrazioni.

Prima dell’iniezione aggiungere il contenuto della fiala solvente nel flaconcino contenente l’antibiotico e portare a completa soluzione.

04.3 Controindicazioni

Indice

Il prodotto è controindicato nei pazienti con accertata ipersensibilità alle cefalosporine.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Come altre betalattamine, il ceftezolo può indurre resistenza microbica e tale evenienza è maggiore verso organismi opportunisti. Nonostante non siano stati segnalati in letteratura casi di coliti pseudomembranose a seguito dell’uso di ceftezolo, tuttavia è importante considerare questa diagnosi in pazienti che manifestino diarrea dopo l’uso dell’antibiotico. Le preparazioni contenenti lidocaina non devono essere somministrate per via endovenosa ed a pazienti allergici a questo anestetico locale.

Le cefalosporine vanno impiegate con cautela nei soggetti allergici alle penicilline, poiché è stata osservata una parziale allergenicità crociata tra penicillina e cefalosporine. A livello clinico ciò può evidenziarsi in taluni soggetti, pur se in rari casi, con reazioni anche di tipo anafilattico specie dopo somministrazione parenterale. In caso di marcata insufficienza renale, la posologia delle cefalosporine deve essere opportunamente ridotta sulla base delle prove di funzionalità renale.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’uso contemporaneo di altri farmaci potenzialmente nefrotossici aumenta il rischio di lesioni renali, quindi la funzionalità renale va assiduamente controllata.

Non sono state segnalate reazioni di tipo disulfiram in pazienti che hanno assunto alcool durante il trattamento con ceftezolo.

La somministrazione di cefalosporine può interferire con alcune prove di laboratorio causando falsa positività della glicosuria con i metodi di Benedict, Fehling e “Clinitest”, ma non con i metodi enzimatici.

Sono state inoltre segnalate, in corso di trattamento con cefalosporine, positività dei test di Coombs, talora false.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Nelle donne in stato di gravidanza, durante l’allattamento e nella primissima infanzia il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non dimostrati effetti negativi.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Come le altre cefalosporine, reazioni indesiderabili saranno essenzialmente limitate a disturbi gastrointestinali e, occasionalmente, a fenomeni di ipersensibilità. La possibilità della comparsa di questi ultimi è maggiore in individui che in precedenza abbiano manifestato reazioni di ipersensibilità ed in quelli con precedenti anamnestici di allergia, asma, febbre da fieno, orticaria. Le seguenti reazioni secondarie: glossite, nausea, vomito, diarrea, pirosi gastrica, dolori addominali, sono riferiti da alcuni pazienti; molto raramente lieve orticaria o rush cutaneo, prurito, artralgie, reazioni di tipo anafilattoide.

Sono stati segnalati casi di anemia emolitica in seguito a trattamento con cefalosporine.

Occasionalmente variazioni transitorie di alcuni parametri di laboratorio come eosinofilia, leucopenia, neutropenia, aumento delle transaminasi sieriche, della bilirubina e dell’azotemia. Dolenzia locale nella sede di iniezione.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono stati riferiti episodi di sovradosaggio con ceftezolo.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Il ceftezolo è una cefalosporina semisintetica usata per via parenterale. La sua attività è di tipo battericida ad ampio spettro di azione. I test microbiologici effettuati con il ceftezolo hanno dimostrato che i valori della MIC (minima concentrazione inibente), sia verso i germi gram positivi che verso quelli gram negativi sensibili, sono bassi. Lo spettro di attività del ceftezolo comprende, tra i gram positivi, gli stafilococchi, gli streptococchi (ad eccezione dello Streptococcus faecalis) i bacilli sporigeni e non sporigeni, aerobi ed anaerobi; tra i gram negativi le neisserie, le enterobacteriacee (ad eccezione di alcuni ceppi di Proteus indolo-positivi) e l’ Haemophilus influenzae.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo somministrazione parenterale il ceftezolo si distribuisce rapidamente nei tessuti, nei quali vengono raggiunte concentrazioni batteriologicamente attive. Concentrazioni particolarmente elevate sono state ritrovate nelle tonsille, nel polmone e nel rene.

Il ceftezolo non subisce trasformazioni metaboliche nell’organismo e viene escreto immodificato attraverso l’emuntorio renale. Circa il 90% della dose somministrata è ritrovata nelle urine delle 24 h successive.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La DL50 nel ratto è di 3,8 g/kg per somministrazione i.v. e 10 g/kg per somministrazione i.p. e s.c.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Una fiala solvente contiene: lidocaina cloridrato, acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non sono noti casi di incompatibilità del ceftezolo con altri farmaci.

06.3 Periodo di validità

Indice

A confezionamento integro 24 mesi

Previa ricostituzione 24 h in frigorifero

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Non è necessaria nessuna speciale precauzione

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flaconi e fiale di vetro

scatola contenente 1 flaconcino da 1 g + 1 fiala solvente 3 ml

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

PLIVA Pharma S.P.A. Via T. Cremona, 10 20092 CInisello Balsamo (MI)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 025336025

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

07.06.1984 / 01.06.2000

10.0 Data di revisione del testo

Indice

27/01/2006

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice